Innovative Afternoon Inno2days (Monza, 6 marzo 2012): la psicologia dell’innovazione al servizio del cambiamento

01/mar/2012 14.13.55 redoffice Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La sessione ‘Cambiamento/Cambiamente’ è l’area simbolo dell’Innovative Afternoon Inno2days. Alcuni dei partecipanti (Paola Favarano, Giuseppe Arditi, Barbara Perrone e Giuseppe Mascitelli) all’open day del 6 marzo 2012 alla Camera di Commercio di Monza e Brianza intervengono sull’importanza dell’innovazione e della psicologia all’interno delle aziende in questo momento di crisi

'Cambiamento/Cambiamente' sarà l'area simbolo dell’Innovative Afternoon Inno2days, il 6 marzo alla Camera di Commercio di Monza e Brianza e sarà focalizzata sul cambiamento di mentalità e poi di processo. Durante questa parte del pomeriggio la psicologia guiderà il cambiamento verso nuove frontiere e nuovi business, approfondendo il mutamento nella modalità di pensiero e di approccio ai problemi. Formatori e psicologi aiuteranno a comprendere cosa succede dentro la nostra mente quando è il momento di cambiare e verranno effettuati esercizi per stimolarlo. Paola Favarano, psicologa del lavoro, specializzata in comunicazione, problem solving e coaching strategico presso la scuola di Giorgio Nardone, Formatrice Certificata in ‘6 cappelli per pensare’ (la metodologia di Edward De Bono) e Responsabile del Centro Formazione presso MWH, introdurrà la sessione di CAMBIAmente (oltre al Business Game). Evidenzia che “l’innovazione, ‘azione nel nuovo’, significa portare concretamente avanti i progetti creativi. I freni che possiamo trovare nelle PMI, ma anche in ciascuno di noi, derivano anche da aspetti di tipo psicologico come la paura dell’incognito che ogni cambiamento può portare, che spesso vincola a ripetere comportamenti ancorati alle abitudini, benché magari sbagliati e la mancanza di obiettivi forti dal punto di vista strategico, che porta a cercare soluzioni che possano funzionare a breve termine, ma che, in questo modo, faticano ad essere innovative. Chiudo con una citazione: ‘Non sono le cose a preoccuparci, ma le opinioni che abbiamo di esse’ (Epitetto)”.

Un altro dei momenti della giornata, Testimonial, consisterà in un incontro in modalità informale e interattiva con due esperti di innovazione a 360 gradi, tra i quali Giuseppe Arditi, Presidente Ristopiù Lombardia Spa e Partner di Scacco Matto alla Crisi – Idee e Progetti di Business; a proposito dell’innovazione, dice: “è un’attività di pensiero che, elevando l’attuale livello di conoscenza, perfeziona il processo migliorando la qualità di vita dell’uomo; è il cambiamento che genera progresso umano. L’innovazione non è limitata all’ambito tecnologico ma esiste in ogni settore: il suo motore è l’etica, intesa come desiderio sincero e forte di ‘servire’ l’uomo. L’obiettivo deve essere sempre quello di produrre qualcosa di migliore e più bello. L’Innovazione è fatta di tanti piccoli e continui passi nel tempo che, uno alla volta, portano lontano e, rendendo il processo migliore, generano una maggiore e migliore competitività”.

Barbara Perrone di Tec Monza sottolinea invece i freni che impediscono l’innovazione nelle PMI: “consistono in un problema ‘culturale’, ossia l’impreparazione a fare ricerca, sperimentazione e formazione. Nel corso del tempo si sono costruiti modelli di business basati solo sulla ricerca di un prodotto volto a conquistare maggiori consensi possibile, senza pensare che il  mercato potesse mai frammentarsi. In questo momento i target si sono diversificati rendendo difficile per le aziende non flessibili e senza la capacità  di guardare oltre i dati, comprendere i propri interlocutori. Il CRM non deve essere appannaggio delle grandi aziende ma deve essere un modello da seguire, con i dovuti aggiustamenti, anche dalla piccola bottega. E’ quello che faccio io; per raccontare della mia filosofia aziendale cito sempre una frase di Seth Godin, grande scrittore, comunicatore e agente del cambiamento: ‘nel proprio lavoro bisogna avere l’OTAKU’, che in giapponese significa passione, ricerca, eleganza e, aggiungo, capacità  di sviluppare sinergie. Da qui secondo me bisogna partire per un nuovo modello di business”.

L’Innovative Afternoon Inno2days, organizzato da Innovhub in collaborazione con la Camera di Commercio di Milano, Camera di Commercio di Monza e Brianza e QUESTIO e coordinato da Fabrizio Bellavista di Psycho Research e Susy Longoni di Innovhub, si svolgerà il 6 marzo 2012 alla Camera di Commercio di Monza e Brianza, Piazza Cambiaghi, 9 –  Monza. Ingresso gratuito previo invio registrazione a: susy.longoni@mi.camcom.it.

Giuseppe Mascitelli, fondatore di Mascitelli&Partners e di Filmare Ventures, conclude parlando di psicologia dell’innovazione: “la caratteristica psicologica alla base dell’innovazione è il coraggio, quello di lasciare un sentiero già conosciuto e noto per avventurarsi in un luogo ignoto. Riuscire a pensare che possano esistere alternative e avere coraggio è il primo passo; lasciare la vecchia strada per la nuova, però, provoca dolore ed è per questo che spesso non ci si avventura nell’innovazione. Questa strada, derivando dal coraggio e dalla voglia di soffrire, è piena di incidenti; spesso non arriva da dove la si ricerca e può essere legata al caso. Da una parte, quindi, l’innovatore è una persona seria e pronta alla sofferenza, dall’altra uno a cui le cose possono succedere per caso perché non programmate come lui aveva pensato. L’innovazione ha infine una forte componente emotiva ed è nutrita dall’ambiente circostante; la voglia di innovare, infatti, se non sostentata, può passare velocemente. L’innovazione va coltivata con l’intero sistema Paese, senza trascurare alcun aspetto, perché difficilmente nasce spontanea”.

 

http://inno2days.wordpress.com/

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl