Lo studio di BearingPoint rivela un diffuso uso di software gratuito e di tipo open source nel settore automobilistico con la necessit? di migliorare la conformit? nelle catene logistiche del software

Lo studio di BearingPoint rivela un diffuso uso di software gratuito e di tipo open source nel settore automobilistico con la necessit?

Persone Alexander Bock, Ann Dalrymple, Sarah Gerrol, Alexander Krzepinski, Dirk Riehle
Luoghi Germania, Massachusetts, Francoforte, Norimberga, Burlington, Erlangen, Morava
Organizzazioni GENIVI, Unione Europea, Original Equipment Manufacturer
Argomenti economia, impresa, industria, commercio, finanza

26/mar/2012 10.02.55 Pr NewsWire Aziende Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Lo studio di BearingPoint rivela un diffuso uso di software gratuito e di tipo open source nel settore automobilistico con la necessità di migliorare la conformità nelle catene logistiche del software

BURLINGTON, Massachusetts e FRANCOFORTE, Germania, March 26, 2012/PRNewswire/ --


Vantaggio competitivo, ridotti costi di sviluppo, agilità e per evitare
blocchi dei fornitori si ricorre di più a software di tipo open source nell'ecosistema
del settore automobilistico europeo




Un sondaggio condotto nel settore automobilistico europeo ha rivelato un diffuso uso
di software gratuito e di tipo open source software (FOSS), ma anche evidenziato delle
carenze nella governance del FOSS e nei processi per la gestione degli asset software in
tutta la catena logistica. I partecipanti allo studio che rappresentano il 50 percento
dell'ecosistema automobilistico dalle UE compresi gli OEM, i fornitori di primo livello
(Tier 1) e gli sviluppatori di software per autoveicoli hanno indicato che i punti di
forza alla base dell'uso del FOSS includono:




- Differenziazione competitiva
- Costi di sviluppo ridotto
- Maggiore agilità nella personalizzazione
- Elusione di blocchi da parte dei fornitori di software




(Logo: http://photos.prnewswire.com/prnh/20111013/NE85619LOGO )



(Logo: http://photos.prnewswire.com/prnh/20120326/NE75111LOGO )



Il sondaggio, condotto da una società di consulenza per la gestione e le tecnologie:
BearingPoint, consulente strategico del settore automobilistico, ha avuto come direzione
scientifica il Dr. Dirk Riehle, direttore dell'Open Source Institute e professore presso
l'Università di Erlangen/Norimberga, ed è stato sponsorizzato da Black Duck Software,
leader per quanto riguarda l'esperienza, l'adozione e la governance dell'open source.



Sebbene i partecipanti al sondaggio abbiano indicato di fare sempre più affidamento
al FOSS (59 percento utilizzano il FOSS nei prodotti, mentre un altro 35 percento sta
valutando l'utilizzo del FOSS), una vasta maggioranza non si avvale di modalità
strutturate per garantire la conformità e il controllo automatizzato della distribuzione
del FOSS. Anche se molti dispongono di processi per la gestione dello sviluppo
tradizionale del software e dei requisiti, sono molto pochi quelli che gestiscono la
distribuzione o la selezione di componenti del FOSS con pari rigore.



"Questo studio dimostra che l'open source deve essere una parte importante di
qualsiasi strategia software del settore automobilistico," ha dichiarato il Dr. Riehle.
"Grazie alla pubblicazione dei dati, le società dell'intero ecosistema automobilistico
possono alimentare reciprocamente le proprie conoscenze in merito all'uso dell'open source
e in merito alla necessità di gestire correttamente la conformità e la governance
dell'open source."



Per quanto riguarda la gestione dei fornitori, anche se la maggior parte delle
società utilizza prodotti di fornitori software con controlli tradizionali per il FOSS in
base alle specifiche richieste, solo un terzo esegue auditing dei fornitori, e meno del 25
percento chiede che i fornitori presentino un elenco dettagliato dei componenti del FOSS .
Ancora meno controlli per la conformità con le licenze per il FOSS (meno di una ogni
dieci) nell'intera catena logistica del software.



"L'uso accelerato del FOSS ha incoraggiato e reso possibile l'introduzione di
innovazioni negli OEM del settore automobilistico e nei fornitori di primo livello (Tier
1)," ha dichiarato Tim Yeaton, Presidente e CEO, Black Duck Software. "Con il maggior
ricorso al FOSS da parte del settore automobilistico nell'intera catena logistica del
digitale, è necessario adottare e abbracciare politiche e processi per gestire il FOSS
con lo stesso rigore e impegno così come è astato fatto per la Produzione Snella e per
le buone prassi ISO-9000 nelle catene logistiche tradizionali del settore
automobilistico."



Un riepilogo dei risultati dello studio è disponibile al seguente indirizzo
http://www.blackducksoftware.com/verticals/automotive/survey.



Penetrazione del software nelle autovetturemoderne



Il software sta entrando pienamente nei componenti e nelle piattaforme del settore
automobilistico, infatti le vetture odierne di grande qualità ospitano oltre 100 milioni
di righe di codice software. Secondo quanto riportato nel rapporto della GENIVI Alliance
[http://www.genivi.org/sites/default/files/GENIVI White Paper - Changing the IVILandscale.pdf ]
, un'associazione del settore automobilistico che sta spingendo lo sviluppo
e l'adozione di una piattaforma infotainment (IVI) nei veicoli di tipo open, il 70
percento circa di questo software si trova nell'"unità di testa," nei componenti
telematici e nel sistema secondario IVI. I sistemi di infotainment nei veicoli vengono
sempre più sviluppati su piattaforme basate su FOSS, come ad esempio GENIVI e Android.



"Gli OEM del settore automobilistico hanno tratto vantaggio per molti anni da
architetture per auto basate su piattaforme e moduli. Il concetto delle piattaforme e del
riutilizzo di moduli e parti non è soltanto sensato per i componenti meccanici ed
elettronici, ma anche ed essenzialmente per il software, che sta assumendo un interesse
crescente nel settore automobilistico," ha dichiarato il Dr. Alexander Krzepinski,
Responsabile della Gestione ciclo vitale prodotti presso BearingPoint. "Il nostro studio
recente sulla gestione del software gratuito e di tipo open source ha confermato la
tendenza e un numero sempre maggiore di case automobilistiche sta cercando di conseguire
significative riduzioni dei costi e vantaggi competitivi grazie all'adozione del FOSS."



Per consultare il sondaggio, visitare il sito:
http://www.blackducksoftware.com/survey/fossautostudy.pdf.



Informazioni su Black Duck Software



Black Duck Software è fornitore leader di strategie, prodotti e servizi per
automatizzare la gestione, la governance e l'uso sicuro del software open source, a
livello di grandi aziende, in un processo di sviluppo da più fonti. Black Duck consente
alle società di ridurre i tempi necessari per arrivare alle soluzioni e ridurre i costi
di sviluppo e al tempo stesso ridurre le sfide per la gestione, la compliance e la
sicurezza associate con il software di tipo open source. Black Duck Software è utilizzato
da Koders.com, il motore di ricerca dei codici leader del settore per l'open source, e
Ohloh.net, la maggiore directory pubblica gratuita di software open source software e una
vivace comunità web di sviluppatori e utenti di software gratuito e open source. Black
Duck è una delle 500 maggiori società di software del mondo, secondo Softwaremag.com.
Per maggiori informazioni visitare il sito http://www.blackducksoftware.com.



Informazioni su BearingPoint



BearingPoint offre consulenze aziendali unite a capacità gestionali e tecnologiche.
Società indipendente con radici europee e una presenza globale, BearingPoint serve le
società leader di mercato e istituzioni del settore pubblico nel mondo in modo che
possano allineare e ottimizzare i processi. Guidata da un atteggiamento fortemente
imprenditoriale e dal desiderio di creare collaborazioni a lungo termine, i consulenti di
BearingPoint sono impegnati a offrire eccellenza e valore ai propri clienti. L'approccio
della società nel lavoro con i clienti si contraddistingue per essere fortemente
collaborativo e mirato a migliorare le prestazioni aziendali, dalla strategia
all'esecuzione. BearingPoint impiega attualmente 3.200 persone in 15 nazioni. Per maggiori
informazioni, visitare il sito: http://www.bearingpoint.com.





Source: Black Duck Software

Sarah Gerrol, Black Duck Software, press@blackducksoftware.com, +1-781-891-5100; Ann Dalrymple, TopazPartners, adalrymple@topazpartners.com, +1-781-404-2432; Alexander Bock, BearingPoint, Manager comunicazioni, alexander.bock@bearingpoint.com, +49-89-540338029


-------
Profile: My Profile 1
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl