L'Italia ha raccolto 28 miliardi di dollari in investimenti per l'energia pulita e rientra nei mercati del solare pi? brillanti al mondo

13/apr/2012 08.19.43 Pr NewsWire Aziende Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
L'Italia ha raccolto 28 miliardi di dollari in investimenti per l'energia pulita e rientra nei mercati del solare più brillanti al mondo

WASHINGTON, April 13, 2012/PRNewswire/ --


-- Rapporto Pew: Nel 2011 gli investimenti nel settore hanno raggiunto la
cifra record di 263 miliardi di dollari




L'Italia ha continuato a distinguersi come uno dei mercati del solare più dinamici al
mondo, con un aumento totale degli investimenti in energia pulita pari al 38,4% per la
cifra record di 28 miliardi di dollari, secondo una nuova ricerca di The Pew Charitable
Trusts. Negli ultimi cinque anni, nessun Paese membro del G-20 ha registrato tassi di
crescita superiori a quelli dell'Italia, leader mondiale per investimenti in proporzione
alla propria economia.



"Mentre altre nazioni europee hanno significativamente ridotto gli incentivi alle
energie rinnovabili per via delle pressioni sul bilancio, l'Italia ha preservato tali
incentivi nella speranza di stimolare la crescita economica" ha affermato Phyllis Cuttino,
direttore del Clean Energy Program del Pew. "Di conseguenza, l'Italia si trova ora al
quarto posto tra i membri del G-20 per investimenti in energia pulita, al primo per
crescita del tasso di investimenti in un periodo di cinque anni, al primo per intensità
degli investimenti e al sesto per quantità di energia pulita installata che ha raggiunto
i 28 GW. La sfida per l'Italia sarà di continuare a promuovere politiche che offrano agli
investitori certezze di mercato a lungo termine in questo periodo di austerità fiscale".



Quasi tutti questi investimenti privati (24,1 miliardi di dollari) sono stati
destinati allo sviluppo dell'energia solare, favorendo l'installazione di quasi 8 GW di
capacità di generazione, di cui più della metà destinati a piccoli progetti
commerciali, ai quali va aggiunta la cifra record di 2,2 GW destinata a impianti su larga
scala. Questi importanti incrementi sono stati stimolati da costanti incentivi all'energia
pulita. A causa degli elevati prezzi delle energie convenzionali e grazie all'abbondanza
delle risorse solari, nel 2010 l'Italia è stato il primo Paese a raggiungere una diffusa
grid parity, ovvero la competitività dei costi dell'energia solare rispetto a quelle
tradizionali. Inoltre, l'anno scorso l'Italia ha installato impianti eolici per un totale
di 1 GW.



A livello globale, nel 2011 gli investimenti in energia pulita sono aumentati fino a
raggiungere la cifra record di 263 miliardi di dollari, 6,5% in più rispetto all'anno
precedente. Gli Stati Uniti si sono aggiudicati il primo posto tra le nazioni del G-20,
con 48 miliardi di dollari di investimenti raccolti. Ad ogni modo, con i suoi 45,5
miliardi di dollari in investimenti privati, la Cina rimane un fulcro importante
dell'energia pulita, leader mondiale per investimenti e utilizzo di energia eolica, così
come nella produzione di energia eolica e solare. La Germania ha raccolto 30,6 miliardi di
dollari, aggiudicandosi così il terzo posto tra le nazioni del G-20. Il calo dei prezzi,
unito all'incremento degli investimenti, ha accelerato la crescita della capacità di
generazione di energia pulita, con un record di 83,5 GW nel 2011, raggiungendo così la
cifra globale di 565 GW. Tale cifra rappresenta circa il 50% in più della capacità di
energia nucleare di tutto il mondo.



"Il settore dell'energia pulita ha raggiunto i mille miliardi di dollari provenienti
da investimenti privati poco prima della fine del 2011, a dimostrazione dell'importante
crescita degli ultimi otto anni" ha affermato Michael Liebreich, amministratore delegato
di Bloomberg New Energy Finance, partner di ricerca di Pew. "L'anno scorso,
l'installazione di impianti solari ha rappresentato la maggior parte dell'attività
poiché la caduta dei prezzi dei moduli fotovoltaici, diminuiti del 75% rispetto a tre
anni fa, ha più che compensato l'indebolimento dei meccanismi di supporto dell'energia
pulita in diverse zone del mondo".



In base ai dati stilati da Bloomberg New Energy Finance, l'edizione 2011 di Who's
Winning the Clean Energy Race? analizza il comportamento delle varie nazioni in questa
sempre più difficile ricerca di investimenti privati tra le principali economie mondiali.
Gli investimenti nei Paesi del G-20 hanno rappresentato più del 95% del totale a livello
globale. Le somme sono riportate in dollari USA.



Il rapporto integrale, compresi i profili dei Paesi e i grafici interattivi, è
disponibile all'indirizzo http://www.PewTrusts.org/CleanEnergy.



The Pew Charitable Trusts è guidato dalla forza della conoscenza per risolvere le
sfide più importanti dei nostri giorni.Pew applica un approccio rigoroso e analitico al
fine di migliorare le politiche pubbliche, informare l'opinione pubblica e stimolare la
vita civile. http://www.PewTrusts.org



Bloomberg New Energy Finance è il principale fornitore al mondo di notizie, dati e
analisi su finanziamenti e investimenti nel settore dell'energia pulita e del carbone.
http://www.BNEF.com



Contatto per i media: Tracy Schario, tschario@pewtrusts.org, +1-202-540-6582





Source: The Pew Charitable Trusts




-------
Profile: My Profile 1
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl