La garanzia per le auto usate: privati e concessionari a confronto

17/apr/2012 10.19.38 Giannina Initi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

In questo articolo ti presentiamo i punti chiave per comprendere come funziona la garanzia nel caso delle auto usate, un tema che non bisogna trascurare quando si ha l'intenzione di acquistare o investire in questo tipo di veicoli.

La crisi economica ha dato un forte impulso al mercato delle auto usate in Europa, a tal punto che nella maggior parte dei paesi non solo la vendita dei veicoli di seconda mano supera quella delle auto nuove, ma la loro domanda è in continuo aumento. Ovviamente acquistare un'auto usata è la scelta più economica, ma il grande problema è la garanzia.

La compravendita tra privati

Nell’immaginario comune si è creata l’idea che risparmiare significa spendere il meno possibile. Tuttavia fare economia non significa solo contenere le spese ma anche investire il denaro in modo intelligente. In altre parole, non dobbiamo valutare solo la convenienza del qui e del subito, ma anche i vantaggi a lungo termine dell'investimento che stiamo realizzando. E ciò vale soprattutto quando si tratta di un'auto.

Negli ultimi mesi la compravendita di auto tra privati ha subito un aumento, anche se si nota che questo fenomeno riguarda modelli molto vecchi. Ciò significa che tutto il risparmio iniziale viene vanificato dal costo sostenuto per le riparazioni meccaniche e per l’acquisto del carburante, dal momento che solitamente queste auto consumano molto di più rispetto ai nuovi modelli.

Per quanto riguarda la garanzia, questa è prevista dalla legge solo in presenza di un contratto di compravendita che includa anche la presentazione dei documenti attestanti che l'auto ha superato di recente la revisione. In mancanza di questo contratto, ogni vizio o difetto riscontrato nell'auto sarà a carico del compratore, che non avrà diritto a reclamare alcun danno.

Tuttavia, in presenza di un contratto di compravendita, questo fungerà da garanzia per un periodo di sei mesi, il tempo stabilito per legge per reclamare i “vizi occulti”. In altre parole, se l’auto accusa un guasto derivante da un’imperfezione che non è stata comunicata al momento dell’acquisto, questo verrà considerato come vizio occulto e sarà possibile richiedere il risarcimento per i danni incorsi o anche annullare l’acquisto.

Il problema di fondo è che la procedura di reclamo della garanzia è lunga e costosa e, in alcuni casi, può anche essere difficile riuscire a contattare il proprietario originario. Quindi, anche se la legge prevede questo tipo di situazioni, nella pratica è molto difficile far valere i diritti del compratore.

La garanzia dei concessionari

Per i evitare i problemi con la garanzia per le auto usate, la scelta migliore è acquistare il veicolo direttamente dai concessionari. Ogni concessionario ha i propri criteri in base ai quali stabilire i tempi di garanzia più opportuni, anche se nella maggior parte dei casi l'auto resta coperta da garanzia per un anno. Durante questo periodo il concessionario risponderà per qualunque difetto che possa presentare il veicolo, attraverso uno sconto sul prezzo, facendosi carico dei costi della riparazione, sostituendo l’auto con un’altra con caratteristiche simili o rimborsando al compratore l'importo pagato. In definitiva, un'ottima scelta per risparmiare e garantirsi tutta la sicurezza necessaria.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl