Come programmare la produzione quando la domanda è imprevedibile

23/apr/2012 15.15.19 Webmaori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Spesso e volentieri di questi tempi sento imprenditori miei amici dire: “E’ diventato ormai impossibile fare previsioni sugli ordini dei clienti e quindi programmare la produzione con ragionevole margine di tempo. La domanda sembra impazzita e non risponde più a nessuna logica né stagionalità

Come fare, dunque, se capita che un cliente abbia bisogno di tot pezzi in più per il prossimo mese, quando il nostro programma produttivo è già lanciato?

Dobbiamo avere a disposizione un sistema gestionale come ad esempio APS Agilis che ci consente di modificare in tempo reale i programmi, riadattando gli ordini ai fornitori e aumentando la manodopera con straordinari o lavoro interinale.

La velocità diventa un fattore strategico nella delicata fase della programmazione della produzione.
Un software del genere è in grado di simulare in tempo reale “N” programmi produttivi alternativi, nell’ottica di ottimizzare l’uso delle risorse, sia interne - manodopera e macchinari - che esterne - materiali.
E di poter ri-pianificare gli ordini dei vari clienti, in funzione di variazioni delle loro richieste. Sia che si tratti di lotti produttivi o produzione su commessa.

Diversi aziende - come Osma Stampi o Oikos Venezia - stanno già usando con soddisfazione questo sistema gestionale avanzato, ottenendo risultati in termini di affidabilità dei tempi di consegna dichiarati e di flessibilità produttiva.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl