Preoccupazione di FODAF per l'agricoltura lombarda

Dottori agronomi e dottori forestali lombardi preoccupati per la crisi del settore agricolo I dottori agronomi e dottori forestali lombardi esprimono preoccupazione per il futuro dell'agricoltura della regione: è quanto emerge da un'analisi condotta dalla federazione di categoria, FODAF Lombardia, osservando i dati sull'andamento del settore nel 2011 diffusi a più riprese da Unioncamere Lombardia.

Persone Luigi Pisoni, Giorgio Buizza
Luoghi Lombardia, Bruxelles
Organizzazioni Unioncamere Lombardia
Argomenti economia, agricoltura

21/mag/2012 11.21.24 Info Agribusiness Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA
 
Dottori agronomi e dottori forestali lombardi preoccupati

per la crisi del settore agricolo

 

I dottori agronomi e dottori forestali lombardi esprimono preoccupazione per il futuro dell’agricoltura della regione: è quanto emerge da un’analisi condotta dalla federazione di categoria, FODAF Lombardia, osservando i dati sull’andamento del settore nel 2011 diffusi a più riprese da Unioncamere Lombardia.

“Non siamo a livello di allarme rosso - precisa Giorgio Buizza, presidente di FODAF -. Tuttavia è evidente che molte incognite gravano attualmente sul futuro della nostra agricoltura. Come confermato peraltro dalla stessa Regione Lombardia, lo scorso anno si è chiuso con un generale rallentamento della capacità propulsiva del settore. In particolare, nell’ultimo trimestre del 2011 si è notata una contrazione della domanda in alcuni mercati agroalimentari significativi per la nostra agricoltura, ad esempio nel comparto del vino, accompagnata da un generale aumento dei costi di produzione a carico della quasi totalità delle imprese agricole lombarde”.

Il fenomeno dell’incremento del costo dei fattori di produzione è continuato nei primi mesi del 2012 a seguito del generale inasprimento della crisi economica. “Di particolare impatto su tutti i comparti, a partire da quello dei seminativi - sottolinea Buizza - è stato l’aumento del costo del gasolio agricolo, che in meno di un biennio ha fatto registrare quasi un +40%. A fasi alterne, anche i concimi hanno subito significativi incrementi di prezzo. Pesa infine sulle aziende agricole la crescente difficoltà di accesso al credito che affligge i vari settori dell’economia”.

Per FODAF l’agricoltura lombarda, benché ancora basata su un certo numero di aziende efficienti e pronte a reagire, difficilmente potrà far fronte alla generalizzata situazione di crisi senza una particolare attenzione da parte delle istituzioni.

“Tra le sfide che attendono il settore primario nei prossimi due anni - conclude Buizza - vi sarà poi quella dell’impatto della nuova Politica agricola comune attualmente in discussione a Bruxelles. L’auspicio è che la Regione e il governo riescano perlomeno ad ottenere dall’UE alcuni correttivi a meccanismi quale quello del greening, misure ambientali alquanto discutibili che potrebbero frenare ulteriormente i progetti di sviluppo delle imprese agricole lombarde”.
 
SERVIZIO STAMPA FODAF: Luigi Pisoni, mob. 335-7314113
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl