Cattaneo Flavio: Terna esempio virtuoso di Corporate Social Responsability

La "Csr reputazionale", ovvero sfruttare la buona reputazione derivante dalle attività di Csr per limitare o riparare eventuali danni.

Persone Corporate Social Responsability, Flavio Cattaneo
Organizzazioni Palm Design, Fondazione Sodalitas, WWF, Harvard, Vodafone, Adnkronos
Argomenti economia, impresa, lavoro, commercio

11/giu/2012 17.42.57 TheEnergyNews Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Essere socialmente responsabili conviene. Terna, l’operatore di reti per la trasmissione dell'energia, guidata dall’AD Flavio Cattaneo, è presentata come esempio virtuoso di Corporate Social Responsability al primo convegno Coopi 'Le nuove sfide della Corporate social responsability'.
Riduzione dell'impatto ambientale delle grandi linee elettriche di trasmissione, tutela della biodiversità, un accordo per condividere i tempi dello sviluppo delle linee elettriche con 18 associazioni di consumatori sono le tematiche per le questioni ambientali condivise con il Wwf.

Essere socialmente responsabili conviene. E' quanto emerso dal primo appuntamento di 'Le nuove sfide della Corporate social responsability', curato da Coopi in collaborazione con Pwc, Fondazione Sodalitas e Formaper. Il primo del ciclo d'incontri che si è concluso il 21 maggio si è concentrato sulle innovazioni della Csr a partire dalla sua definizione ma anche di nuove relazioni con gli stakeholder, alla luce degli sconvolgimenti prodotti dalla crisi finanziaria.

Ma perché un'impresa dovrebbe preoccuparsi dell'ambiente sociale in cui è inserita? L'obiettivo non è solamente quello di fare profitto? Ebbene uno studio dell'Harvard Business School condotto tra il 2010 e 2011 mostra i vantaggi economici derivanti dalla Csr in un arco di tempo di 18 anni. Sono stati messi a confronto i bilanci di 180 aziende di cui 90 che implementano la Csr e 90 che non ne fanno uso. La performance economica è nettamente più vantaggiosa nel primo caso piuttosto che nel secondo.

Dal workshop sono emersi tre modelli della Csr del futuro. La 'Csr reputazionale', ovvero sfruttare la buona reputazione derivante dalle attività di Csr per limitare o riparare eventuali danni. La Csr è quindi anche prevenzione e gestione del rischio d'impresa e capacità di azione e reazione alla crisi. La 'Csr competitiva' nella quale gli stakeholder sono parte attiva nelle iniziative di ottimizzazione socio-ambientale delle imprese; in questo modo si punta a distinguersi dagli altri competitors intercettando allo stesso tempo le aspettative sociali degli stakeholder.

Infine, sempre più impellente si è fatto il bisogno di coinvolgere i vertici aziendali nella definizione di una nuova strategia di business che tenga conto della Csr. La 'Csr diventa strategica', ma solo se il top managment è coinvolto. In generale, si sente la necessità di allargare la mappa degli stakeholder. Non più solo i clienti/consumatori ma anche l'intero sistema sociale all'interno della quale l'azienda è inserita.

Diversi gli esempi virtuosi presentati durante il workshop. Sea, riconosce i propri stakelders come una leva competitiva, è per questo che ha avviato un nuovo rapporto con loro basato sul dialogo e l'ascolto delle loro esigenze. Tre le azioni messe in atto: 'Multi-Stakeholder Workshop 2012', Ses condivide con gli stakeholder propri progetti e visioni di business; 'call for ideas' laboratorio dei portatori di interesse dell'azienda con l'obiettivo di generare nuove 'business ideas' da sviluppare sul territorio circostante allo snodo aeroportuale di Malpensa; laboratorio 'The Hub', Sea, community di talenti e knowledge workers hanno dato vita a nuove metodologie e nuovi strumenti diretti ai quadri aziendali.

Vodafone, ha distinto l'attività profit e non profit ed ha creato un dipartimento di sostenibilità con caratteristiche organizzative tipicamente aziendali, per rispondere a quell'esigenza di sostenibilità che ha a che fare con la creazione di nuovi prodotti, ed una Fondazione dedicata appositamente alle azioni non profit. Palm, azienda di eco-progettazione e produzione di prodotti e/o soluzioni innovative basate sulla sostenibilità totale, opera nel rispetto della collettività con una costante attenzione all'ambiente e all'uomo. Di recente ha avviato lo spin-off di Palm Design.

Atm, ha avviato un percorso di Csr interna volto a migliorare il welfare aziendale e con esso le performance dei propri dipendenti. Ha attivato un sistema di monitoraggio costante del welfare, tramite l'elaborazione di un 'cruscotto direzionale' nell'ottica di miglioramento continuo del sistema. I risultati attesi sono prima di tutto individuali: sviluppo del senso di appartenenza, fiducia, commitment (identificazione con obiettivi aziendali), engagement (investimento emotivo), aumento della soddisfazione sul lavoro e migliore rendimento. Inevitabilmente questi risultati mirano ad avere anche dei risultati organizzativi: riduzione del 37% dei procedimenti disciplinari verso i dipendenti; riduzione di 2 giorni di assenteismo; riduzione del 18% degli infortuni.

Terna, operatore di reti per la trasmissione dell'energia, parlando di stakeholder engagement, ha scelto la via della condivisione della conoscenza e del confronto critico con interlocutori quale il Wwf per le questioni ambientali. Duplice il focus: riduzione dell'impatto ambientale delle grandi linee elettriche di trasmissione; tutela della biodiversita', inoltre ha sottoscritto un accordo per condividere i tempi dello sviluppo delle linee elettriche con 18 associazioni di consumatori.

Quanto alle criticità, dal workshop è emerso che soprattutto per le Pmi ci sono ancora poche informazioni e conoscenza del tema; c'è difficoltà ad incorporare la Csr nella strategia, ci sono poche risorse finanziarie, mancano le competenze ed ancora in molti casi si tende a ragionare in termini di 'costi' e non in termini di 'opportunità' ed investimento per il futuro. E il non profit? Quali suggerimenti per partnership di successo? Non solo raccolta fondi ma consulenti d'impresa per rispondere a soluzione sociali attraverso l'esperienza. Il non profit ha know how appetibile per l'impresa, occorre fare rete ed avere un approccio imprenditoriale.

FONTE: Adnkronos

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl