Alessio Gorla, candidato per rinnovo CDA Rai, dopo elezione consiglieri

05/lug/2012 16.04.39 Phinet Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Forza RAI! Alessio Gorla , consigliere di amministrazione dal 2009 e candidato per il rinnovo del consiglio di amministrazione della Rai, affida a questa dichiarazione la scelta di spiegare e non farsi interpretare.

“Ho atteso in silenzio di riscontrare la corrispondenza tra gli attestati di stima ricevuti in privato dai parlamentari di ogni settore della maggioranza e dell'opposizione, presente e passata, compresi già membri del Governo, e le votazioni sin qui effettuate in Commissione di Vigilanza RAI. Ho dovuto constatare purtroppo quanta differenza ci sia tra quello che si dice in privato e l'agire poi di conseguenza in pubblico.

Questo comportamento non è un problema di consenso e di credibilità che riguarda il professionista e la persona del sig. Gorla ma è la misura della “febbre” della Politica che decide senza aver chiesto nulla a nessun candidato né ha saputo o voluto conoscere le differenti posizioni assunte in questi 3 anni tra i Consiglieri uscenti.

Ricordo, sommessamente, che i Parlamentari votano i consiglieri di amministrazione di una tra le più grandi aziende internazionali di cultura e di informazione che è la RAI”.

L’attuale Politica ha deciso di togliere dal Consiglio di Amministrazione della Rai Alessio Gorla, con i suoi trenta anni di esperienza nel settore dell’audiovisivo, maturata in Italia presso una grande Azienda privata prima,una grande Azienda pubblica poi e infine anche all’Estero.

Così come non pare servire a nulla il suo Master internazionale di Marketing e Comunicazione e varie qualificanti esperienze nel mondo imprenditoriale con particolare riferimento a interventi nel settore dei prodotti di largo consumo.

Evidentemente l’essere cosi esperto del settore e cosi tanto libero intellettualmente e professionalmente, ha reso Gorla non compatibile con le esigenze dell'attuale Politica.

Non possono però essere cancellati gli interventi da lui fatti in CDA della Rai nel corso di questi ultimi 3 anni. In quegli interventi si trovano le concrete ragioni della sua ricandidatura e le diverse ragioni invece perseguite dalla Politica con le odierne nomine.

- La RAI ha bisogno di interventi importanti e radicali volti a valorizzare la sua funzione di Servizio Pubblico oggi decisamente sotto tono;

- La RAI ha bisogno di progetti volti a cogliere l’innovazione prodotta dai grandi cambiamenti tecnologici in atto;

- La RAI ha bisogno di formare una nuova classe di Funzionari e Dirigenti pronti a gestire la rivoluzione multimediale dei prossimi anni.

La RAI, la più grande Azienda editoriale del Paese può e deve raggiungere tutti questi traguardi: questo è il sincero augurio che Gorla formula all’Azienda Rai per il prossimo futuro.

Forza RAI!!!!

FONTE: Comunicatore Italiano

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl