Istituto Paoli-Calmettes e IBM: insieme per migliorare la comunicazione con i pazienti oncologici

16/lug/2012 10.20.51 Ketchum Pleon Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


 COMUNICATO STAMPA




L’Istituto Paoli-Calmettes collabora con IBM per aiutare i pazienti oncologici
a comprendere meglio i rischi dei trattamenti



Milano, 16 luglio 2012 -  L’Istituto Paoli-Calmettes (IPC) di Marsiglia in Francia e il centro di Ricerca IBM di Dublino hanno avviato una collaborazione per studiare gli effetti della modalità con cui gli oncologi comunicano i rischi diagnostici e terapeutici ai pazienti, integrando i loro consulti con informazioni visive.

Comunicare questo tipo di informazioni pone diverse sfide. I pazienti possono avere difficoltà a comprendere i complessi calcoli dei rischi e delle probabilità per i trattamenti e la diagnosi; per i medici è difficile tradurre le statistiche sui rischi dei singoli pazienti e utilizzare solo la comunicazione verbale per illustrare la situazione.

L’obiettivo della collaborazione è trovare nuovi modi per consentire ai medici di presentare con efficacia le informazioni sui rischi e per aiutare i pazienti a prendere decisioni informate sui benefici dello screening e della prevenzione o sulle opzioni di gestione del trattamento.

I ricercatori IBM creeranno e riesamineranno modelli multidimensionali per le informazioni sui rischi e li forniranno ai medici, che li utilizzeranno come supporti visivi per comunicare ai pazienti le implicazioni della diagnosi di cancro e le opzioni di trattamento. Gli aspetti medici del progetto saranno gestiti da un’équipe di ricercatori del Centro Oncologico Regionale dell’Istituto Paoli-Calmettes di Marsiglia.

L’attenzione iniziale dello studio sarà puntata sulla comunicazione delle informazioni relative al cancro alla prostata, nelle fasi sia pre- che post-screening, poiché il numero e la complessità dei fattori implicati (età, stato di salute, risultati dello screening, effetti indesiderati dei trattamenti) rendono particolarmente difficile la comunicazione dei  rischi del razionale delle terapie consigliate.

Gli scienziati riesamineranno i dati derivati dalle interazioni medico-paziente per estrarre informazioni sulle caratteristiche di comunicazione visiva più efficaci. I dati saranno in forma anonima, per tutelare la riservatezza dei pazienti e rispettare la legislazione in vigore.

I modelli in via di sviluppo serviranno a fornire le informazioni raccolte dai contenuti medici e statistici, come i fattori ereditari, biologici e ambientali e le abitudini legate allo stile di vita, che possono influire sullo sviluppo del cancro nei pazienti.


Istituto
Paoli-Calmettes
L’Istituto, con sede a Marsiglia, è il centro regionale che fornisce assistenza oncologica globale. È membro di UNICANCER, la federazione nazionale dei centri oncologici. Grazie all’offerta di trattamenti per gli adulti, l'Istituto Paoli-Calmettes si è costruito una solida reputazione a livello nazionale e mondiale per la terapia di vari tipi di cancro. L'Istituto  è una delle poche strutture private autorizzate dall’HAS (l’autorità sanitaria generale) negli ultimi quattro anni (V2010); si tratta della sua terza certificazione. La specificità dell’IPC è basata sull’ampia gamma di attività svolte nel suo centro: prevenzione, ricerca, formazione, trattamento e riabilitazione. Oltre 250 ricercatori lavorano in stretta collaborazione con le équipe mediche, per offrire i progressi scientifici d'avanguardia e trattamenti oncologici di altissimo livello.



IBM Research
 

Per maggiori informazioni, visitare il sito
http://www.research.ibm.com.


IBM Italia
Alessandra Apicella
Tel 02.5962.5460
ale_apicella@it.ibm.com 
Ketchum Pleon
Sara Magri
Tel 02.62411992
sara.magri@pleon.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl