Il valore degli orecchini

15/gen/2014 20:17:08 Leo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Gli orecchini sono stati nella storia dei veri e propri simboli per indicare diverse cose, come uno status, un epoca o addirittura uno stato d’animo. Lo status nelle forze armate inglesi, mentre nei paesi africani diviene un mezzo. Oggi serve a riflettere uno stile di vita, ciò è caratterizzato in primis dai piercing, portati al posto degli orecchini, o ancora più buchi sullo stesso lobo.

Insomma molto spesso la quantità e la tipologia di orecchini, qualificano una persona o quanto meno il suo modo di essere. Tutto questo tramite un pezzo di gioielleria che oggi è indossato sia dalle donne che dagli uomini di tutte l’età. Anche se fino a non molto tempo fa l’utilizzo degli orecchini era rilegato solo ed esclusivamente legato all’universo femminile.

Di fatto gli orecchini di diamante insieme a quelli di perle restano l’apice degli orecchini. Alla nostra epoca appartiene l’uso saltuario poi, di uomini di qualsiasi età, di portare un diamante di varie dimensioni, ad un solo orecchio. Ma non è certo raro il caso di uomini che li portano ad entrambi i lobi, lo si vede in particolare lo si vede nella cultura occidentale.

La loro forma si è comunque evoluta nel corso della storia, a cerchio ad esempio sono stati sicuramente fra i primi ma in seguito li abbiamo visti anche a perno, a baule, a goccia e a palla. A modificarsi sono state anche i diversi modi di chiudersi, a farfallina, a monachella, a clip o anche a clip, quando si chiude istantaneamente.

Oggi non sono solo elementi di gioielleria, sono un modo per mettere in pratica anche la propria manualità. Oggi si vedono orecchini di svariato tipo da quelli realizzati in filo a quelli realizzati in rame battuto, tutti esclusivamente a mano. Oggi poi sono stati studiati elementi di materiale anallergico per le pelli delicate, in modo che non si irritino.

La loro evoluzione quindi è legata non solo ai periodi storici ma anche ai luoghi in cui le evoluzioni erano basate su fatti specifici. Come per alcuni paesi dell’africa dove è nata l’espansione, di fatto in questo caso gli orecchini sono più un mezzo per riformare in modo diverso e più caratteristico i lobi delle orecchie.

Di fatto gli orecchini sono comunque indossati in tutto il mondo, come risultato che in molte culture differenti anche tra loro, viene spesso considerata una pratica comune, in certi casi come una vera e propria iniziazione sociale. La tradizione degli uomini di indossare negli uomini orecchini al lobo sinistro è già presente nel XIX secolo, e parte dalla marina mercantile inglese, mentre a destra nella marina da guerra.

Ma si dice che facesse parte della divisa anche nell’ambito piratesco, come un vero e proprio elemento che non poteva mancare, quasi quanto una spada. Molti dicevano comunque che gli orecchini per i marinai hanno anche una valenza economica, cioè in caso di morte a terra o comunque lontano da casa, l’orecchino sarebbe servito a pagare il funerale.

 

Di fatto gli orecchini essendo ormai di ogni tipo e dimensione, sono di norma legati solo ed esclusivamente alla capacità del lobo. Con la conseguenza che persone che portano orecchini particolarmente pesanti per troppo tempo, provocano la lacerazione di questo, tramite il buco, o in alcuni casi l’allungamento del lobo stesso verso il basso. 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl