Padova - Le assoluzioni Park Sita e le intercettazioni telefoniche

28/mar/2014 08:58:16 Pietro Casetta Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Padova - Le assoluzioni Park Sita e le intercettazioni telefoniche

 

Le intercettazioni sarebbero comunque risultate ininfluenti per la posizione dell’arch. Striolo

 

 

Sono stati tutti assolti per non avere commesso il fatto gli imputati al processo Park Sita, ma in particolare per l’arch. Maurizio Striolo si deve sottolineare che la sua posizione sarebbe comunque rimasta invariata, anche se le intercettazioni telefoniche fossero state poste agli atti.

Come è stato infatti osservato dal difensore dell’arch. Striolo avv. Fabio Pinelli nel corso del processo, l’architetto non faceva parte della Commissione di gara indetta per valutare le offerte d’appalto. L’arch. Striolo, semmai, fece parte della Commissione tecnica (non quindi della Commissione di gara), nominata al solo e unico scopo di valutare l’offerta anomala presentata da una delle imprese partecipanti alla gara, l’impresa CEST. Va sottolineato che tale Commissione tecnica era competente soltanto relativamente a tale offerta anomala dell’impresa CEST, essendo competente per tutte le altre offerte, compresa l’offerta dell’impresa Garofolin, la Commissione di gara di cui l’arch. Striolo non faceva parte.

Si deve inoltre aggiungere che tale Commissione tecnica competente per l’offerta anomala restò, di fatto, inoperativa, non avendo l’impresa CEST fornito le giustificazioni richieste.

Pietro Casetta


------------------------------------------------------------
dr. Pietro Casetta – Comunicazione giornalistica e operazioni culturali
Via Montello, 3 bis - 35138 Padova
tel. e fax: 049 871 68 11 - cell.: 349 320 86 40
www.pietrocasetta.it - pietrocasetta@pietrocasetta.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl