Meccanica Alimentare

10/apr/2014 16.36.46 Borderline Agency Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Notizia in breve – Le soluzioni in campo alimentare firmate Varvel SpA, con sede in Crespellano-Valsamoggia, che produce dal 1955 riduttori e variatori di velocità, si distinguono per innovazione e flessibilità realizzativa, come testimoniato dalle numerose certificazioni ottenute. 

La produzione di componenti meccanici per i processi industriali deve essere necessariamente affiancata da un’elevata flessibilità realizzativa. Per questo Varvel SpA si distingue fin dal 1955 per lo sviluppo di riduttori e variatori made in Italy per applicazioni fisse di piccola e media potenza in numerosi settori, con certificazione UNI EN ISO 9001 e UNI EN ISO 14001.

Nell’ambito del Food & Beverage, Varvel SpA, in collaborazione con alcuni costruttori di macchine per la produzione di pasta alimentare, ha acquisito una notevole esperienza nella progettazione e costruzione di riduttori a vite senza fine e ad assi ortogonali che permettono di soddisfare i principali movimenti delle impastatrici industriali.

Il processo di progettazione di tali riduttori viene svolto interamente in azienda dall’area Ricerca e Sviluppo, partendo dalle specifiche di prodotto del cliente finale e mediante l’utilizzo dei più moderni software di calcolo e modellazione.

Per queste tipologie di macchinari, tutti i riduttori a vite senza fine e ad assi ortogonali Varvel possono essere utilizzati nella loro versione standard e sono disponibili, in base ad esigenze specifiche, anche in versione speciale, con lubrificanti omologati FDA (Food and Drug Administration) per l’industria alimentare, mantenendo inalterate le  performance meccaniche.

Inoltre, per aumentare la protezione da agenti esterni corrosivi, i prodotti Varvel SpA possono essere dotati di vernici omologate per l’utilizzo nell’industria alimentare.

Nel settore molitorio e dei mangimifici, la produzione di macchine industriali deve essere affiancata da una corretta valutazione dei rischi di esplosione, come deliberato dalla Comunità Europea nel 2003, che in alcuni casi prevede l’utilizzo di componenti certificati ATEX 94/9/CE. Nel luglio 2003 Varvel è stato il primo costruttore italiano di riduttori meccanici a depositare presso l’Organismo Notificato 0080 INERIS (Francia) i Fascicoli Tecnici delle proprie serie di prodotti idonei a essere utilizzati nelle atmosfere potenzialmente esplosive.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl