Contributi a fondo perduto per il settore ittico Calabrese

15/apr/2014 11:27:25 Sportello Attività Produttive S.r.l. Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Attivi quattro nuovi bandi per incentivare e valorizzare tutti i reparti del settore ittico calabrese.

 

 

Primo Bando

 

 

Finalità

Obbiettivo della misura è la valorizzazione integrata delle risorse ittiche, turistiche, agro-alimentari, artigianali e naturalistico – ambientali del territorio.

 

Beneficiari

Potranno beneficiare della misura tutte le micro, piccole e medie imprese, singole o associate, che operano nel settore della pesca professionale, dell’acquacoltura, del turismo e dell’artigianato e che risultino residenti in uno dei Comuni individuati dal Bando.

 

Spese Ammissibili

Potranno accedere a finanziamento gli investimenti per la:

-       Commercializzazione integrata dei prodotti ittici, turistici ed artigianali, volti anche al recupero e/o alla tutela di antichi mestieri legati al mare;

-       Valorizzazione dei prodotti e del territorio anche attraverso realizzazione di marchi di qualità.

 

Saranno ritenute ammissibili le spese di:

 

·         Acquisto di macchinari e attrezzature di stretta pertinenza degli impianti di trasformazione o di commercializzazione;

·         Spese per il miglioramento delle condizioni igienico sanitarie, delle condizioni ambientali, dei sistemi di produzione attraverso l’adozione di innovazioni tecnologiche;

·         Opere murarie e impiantistiche strettamente inerenti agli impianti e/o agli accessori;

·         Adeguamento dei mezzi alle esigenze aziendali (coibentazione/impianti frigoriferi);

·         Analisi di laboratorio, analisi di mercato;

·         Promozione (etichette, marchi, loghi, ecc.);

·         Realizzazione di sito internet per la commercializzazione di beni e servizi tra produttore (offerta) e consumatore (domanda): e-commerce.

·         Spese generali (massimo 10%).

 

Entità del contributo concedibile

Sarà riconosciuto un contributo pubblico pari al 60% della spesa totale ammessa, per gli investimenti di importo non superiore a € 100.000,00 €.

 

 

Secondo Bando

 

 

Finalità

La misura è volta ad incentivare tutti gli interventi riconducibili all’adeguamento di abitazioni e di altre strutture nelle disponibilità degli imprenditori ittici, da destinare ad attività di ittiturismo.

 

Beneficiari

Potranno beneficiare della misura i Pescatori professionisti muniti di regolare licenza nonché cooperative di pesca o società d’acquicoltura e maricoltura e da imprenditori ittici, residenti in uno dei Comuni individuati dal Bando.

 

Spese Ammissibili

Saranno ritenute finanziabili le attività di:

-          Ospitalità, ristorazione, servizi, ricreative e culturali, finalizzate alla corretta fruizione degli ecosistemi acquatici e delle risorse della pesca, nonché alla valorizzazione degli aspetti socio-culturali del mondo dei pescatori;

-          Vendita dei prodotti della pesca, anche lavorati e trasformati;

-          Allestimento di piccoli musei della pesca gestiti direttamente dai pescatori o loro cooperative da espletarsi nelle abitazioni o in altre strutture nella disponibilità degli imprenditori ittici.

 

Per le suddette attività sono ritenute ammissibili le spese di:

-       Investimenti strutturali su fabbricati esistenti (massimo 50%):

·      Opere edili e infrastrutturali su immobili e strutture esistenti già al servizio dell’impresa;

·      Realizzazione di piccoli ampliamenti finalizzati all’adeguamento a norme di carattere igienico sanitario, a volumi tecnici e all’eliminazione delle barriere architettoniche;

·      Acquisto e installazione impianti generali (idrico-sanitario, termico, elettrico, …);

·      Acquisto e installazione impianti e attrezzature per la produzione di energia da fonti rinnovabili;

·      Sistemazione delle aree esterne al fine dell’adeguamento agli standard previsti dalle normative specifiche;

-       Acquisto di attrezzature e dotazioni quali:

·      Attrezzature per lo svolgimento di attività inerenti la somministrazione di pasti e bevande;

·      Attrezzature atte alla preparazione, conservazione, presentazione, degustazione di prodotti destinati alla vendita;

·      Arredi e/o attrezzature destinati all’ospitalità in stanze;

·      Arredi e/o attrezzature per attività ricreative e culturali.

-       Spese generali

 

Entità del contributo concedibile

Sarà riconosciuto un contributo pubblico pari al 60% della spesa totale ammessa, per gli investimenti di importo non superiore a € 100.000,00 €.

 

 

Terzo Bando

 

 

Finalità

Gli obiettivi perseguiti dal presente intervento sono riconducibili al miglioramento delle condizioni di operatività dei pescherecci da destinare ad attività di pescaturismo.

 

Beneficiari

Potranno partecipare tutti i proprietari e/o armatori di imbarcazioni da pesca muniti di regolare licenza di pesca, singoli o associati anche in forma di cooperativa, residenti nei Comuni individuati dal Bando.

 

Spese ammissibili

L’intervento finanzia lavori di ammodernamento e adeguamento dei pescherecci, per lo svolgimento di:

-       Navigazione costiera ravvicinata, fino al limite delle venti miglia, con illustrazione delle caratteristiche ambientali, biologiche, morfologiche e storico-culturali del mare e delle coste;

-       Attività dimostrative di pesca, mediante l’impiego esclusivo di reti ed attrezzi da posta;

-       Di iniziative didattico-informative, a bordo o a terra in spazi dedicati situati all’interno o in prossimità di porti e approdi, sui prodotti ittici e sui sistemi di pesca locali;

-       Attività ricreative, ludiche, sportive, ristorazione a bordo o a terra;

-       Attività di degustazioni di prodotti aziendali;

-       Altre iniziative comunque finalizzate ad accrescere e valorizzare la cultura del mare e la conoscenza dei prodotti della pesca;

-       Attività pratica della piccola pesca mediante l'impiego dei seguenti attrezzi da piccola pesca:

Attrezzi da posta, ferrettare, palangari, lenze, arpioni.

 

Le spese ritenute ammissibili riguardano:

-       Scafo: paratie, corrimano, passerelle, ringhiere, sistemazioni, scalette, panchine, etc.;

-       Attrezzature per la pesca sportiva;

-       Ristrutturazione degli alloggi e servizi;

-       Impianti vari: elettrico, gruppi elettrogeni, riscaldamento, etc.;

-       Attrezzature di lavorazione e conservazione degli alimenti: lavori per adeguamento alle norme di igiene, sicurezza, sanità, ambiente, qualità dei prodotti e condizioni di lavoro; impianti frigoriferi, tavoli, etc;

-       Spese generali (massimo 7%)

 

Entità del contributo concedibile

Sarà riconosciuto un contributo pubblico pari al 60% della spesa totale ammessa, per gli investimenti di importo non superiore a € 20.000,00 €.

 

 

Quarto Bando

 

 

Finalità

Obbiettivo della Misura è incentivare le azioni finalizzate alla tutela della fascia costiera delle zone di pesca per conservarne l’attrattività, sviluppare le località e le frazioni costiere, i borghi marinari con accentuata presenza di attività di pesca e acquacoltura, a preservare e migliorare il patrimonio naturale e architettonico e recuperare il potenziale produttivo del settore ittico se danneggiato da calamità naturali.

 

Beneficiari

Potranno beneficiare dei contributi tutti gli Enti Pubblici compresi nei Comuni individuati dal Bando.

 

Spese ammissibili

La misura finanzia gli interventi di:

-       Qualificazione del patrimonio culturale ed ambientale: interventi di tipicizzazione architettonica e paesaggistica, interventi di recupero delle tradizioni e delle identità culturali locali legate al mare;

-       Interventi rivolti alla fruizione integrata della fascia costiera: azioni di valorizzazione dell’ambiente e delle risorse costiere anche a finalità turistica, sportiva e ricreativa (es. centri visita, sviluppo delle strutture museali, sentieristica, ripristino aree, incluse le vie di accesso e di sosta delle imbarcazioni da pesca, ovvero spazi del territorio terrestre prospiciente il mare anche in caso di emergenze ambientali);

 

Le spese ritenute ammissibili riguardano:

·      Piccole opere murarie e di impiantistica strettamente inerenti:

·      Al recupero, riconversione e valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico e/o privato;

·      Alla realizzazione e/o al recupero delle vie di accesso e di sosta per le imbarcazioni da pesca;

·      Al recupero degli spazi di territori terrestri prospicienti il mare spazi da destinarsi ad attività sportive e per il tempo libero;

·      Al recupero e valorizzazione di fabbricati al fine di destinarli a Centri Visita e Strutture museali;

·      Al recupero e valorizzazione della sentieristica, delle aree costiere e degli spazi di territori terrestri prospicienti il mare;

·      Spese generali

 

Entità del contributo concedibile

Per gli interventi di qualificazione del patrimonio culturale ed ambientale sono stati stanziati 250.000,00 € e, sempre per tali interventi, saranno ammissibili gli investimenti di importo non superiore a € 100.000,00 €.

 

Per gli interventi rivolti alla fruizione integrata della fascia costiera sarà riconosciuto un contributo pubblico nella misura massima di € 27.000,00, erogato a valere sui 67.000,00 € complessivamente stanziati.

Gli investimenti, quindi, potranno fruire di un contributo pubblico pari al 100% della spesa ammessa.

 

Per informazioni contattare:

 

Sportello Attività Produttive S.r.l.
Via Ponte Nuovo - 87011 Cassano All’Ionio (CS) 
Tel./fax: 0981-782236
E-mail: info@sportelloattivitaprovuttive.it 
Sito: 
www.sportelloattivitaproduttive.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl