Gravidanza, gli ultimi consigli.

29/giu/2014 20.07.50 Leo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Secondo quanto fuoriesce dalle ultime statistiche, si direbbe che le donne in gravidanza  potendo scegliere preferirebbero un travaglio lungo ma molto meno doloroso. Sensazione che dovrebbe in certi versi dare l'epidurale, ciò è quanto esce fuori dagli studi dell'Università statunitense di Stanford. 

A ben 40 donne è stato sottoposto un questionario che portava come fine, lo studio sul dolore del parto. Per sicurezza lo stesso test è stato fatto alle stesse donne sia prima che dopo il parto e i risultati sono stati formidabili, in quanto non sono variati per niente. Ed è interessante ancor di più, scoprire quanto sia importante per molte la stessa intensità del dolore. 

Eppure in Italia buona parte delle donne oggi scelgono di fare il cesario, di fatto l'epidurale arriva soltanto al 20% scarso di scelte. Forse questo è dovuto anche al fatto che ci sono ancora molti dubbi e molte paure, dettate certe volte dalla poca fiducia nelle strutture sanitarie. 

Ed è così che oggi riescono a vendere numerosi libri e riescono a far leggere sempre più articoli sul web che parlano di questo lungo e intenso periodo della vita di quasi ogni donna. Di fatto gli ultimi consigli riguardano proprio l'eliminazione dei dubbi e delle paure che nascono giorno dopo giorno in questo mondo. 

Dall'altro capo troviamo psicologi e persone che lavorano tutti i giorni a contatto con questo mondo dolce e molto delicato. Questo perché questi nove mesi non sono mai passati nel più sereno dei modi, anzi sono ricchi di ansie e di perplessità, sono mesi di angosce i quali fanno riaffiorare molti dubbi. 

Gli specialisti hanno persino dato dei nomi a queste paure, la più comune è ad esempio la Tocofobia, la quale consiste nella paura del parto in se per se. Sembrerebbe molto comune ma la realtà è che prende le donne ancor prima che queste siano incinte. Quindi riesce ad essere addirittura più grande della volontà di essere madre. 

La situazione in questo caso è ancora più grave, così tanto che alcune richiedono addirittura la sterilizzazione. Prende soggetti sensibili o che magari hanno subito interventi chirurgici ma non solo. È possibile infatti che ad avere questa fobia siano anche donne che hanno avuto parti regolari ma che in seguito hanno avuto un periodo di depressione post-partum. 

Superarla non è facile ma neanche impossibile, molto utili sono infatti i corsi di preparazione al parto dove si imparano numerose tecniche e dove è possibile condividere le proprie paure. In alcuni casi però sarà molto utile anche l'intervento di uno psicologo che aiuti a superare il momento difficile. 

Altre grandi paure sono quelle della possibilità di malformazioni, questa è sicuramente la più diffusa. Spesso infatti non si considera l'idea che le tecniche per il rilevamento di determinati problemi di salute del feto sono sicuramente migliorate anche rispetto a 10 anni fa. 

La paura di ciò che non possiamo decidere è la paura più grande di tutte, figuriamoci se poi si ci riferisce a qualcosa che cresce in maniera incondizionata nel nostro corpo. Per fortuna oggi a livello diagnostico la ricerca è andata avanti evitando grandi disagi che non sono solo momentanei ma riguardano la vita di famiglie. 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl