Esercizi per curare la sciatica.

29/giu/2014 20.15.51 Leo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Se si sente un forte dolore, come una sorta d'infiammazione alla base della schiena, molto probabilmente siamo stati presi dalla sciatica  o almeno così sembra. Di fatto si tratta proprio di una infiammazione, sviluppata nella zona inferiore della schiena, così in basso da essere quasi in corrispondenza dei glutei, certe volte arriva praticamente. 

Andare da un medico di fiducia ed esporre quelli che sono i propri sintomi vuol dire iniziare già un percorso di recupero che così facendo sarà molto breve e poco doloroso. Se invece non si comprende quando sia importante cominciare ai primi problemi si andrà in contro ad un progressivo aumento della malattia. 

La sciatica viene detta anche sciatalgia si localizza in principio nella zona bassa della schiena, per poi irradiarsi. Le problematiche che causano questo fastidiosissimo disturbo sono varie e possono essere il risultato finale di una serie di sbagli compiuti durante la propria vita. Il lavoro, lo studio, l'errata postura e i pesi alzati con sprezzo del pericolo.

Ma anche una vita troppo sedentaria che ha portato di conseguenza ad assumere posture dannose, ma anche possibili traumi alle gambe, questi possono essere tutti dei fattori scatenanti di una sciatica. Intervenire ai primi sintomi è fondamentale in quanto c'è la possibilità di guarire mediante esercizi, in modo da favorire un ritorno al normale stavo dei nervi. 

Insomma prima si fa è meno si soffre per tornare indietro ad una vita senza disturbi. Gli esercizi da fare in caso di sciatica sono poi molto semplici e permettono il ripristino di un normale utilizzo del corpo. Qualcuno ad esempio ha la possibilità di avvalersi del metodo Pilates, fondamentale per il riequilibrio della postura e dei nervi. 

Quale posizione deriva anche dal Yoga, come quella in cui si parte stesi a terra, con le braccia distese lungo il corpo e i palmi delle mani rivolte verso il basso. Le gambe distese anch'esse ma verso l'alto in modo da fermare un'angolo retto rispetto al busto e al pavimento. Questa è la posizione base da cui partire, da questo punto grazie alle mani poggiate a terra bisogna spingere le gambe verso il lato della testa, cercando di superarla.

Arrivati a quel punto vanno portati i piedi nella posizione a martello e vanno divaricate leggermente le gambe, per poi riportarle di nuovo unite alla posizione iniziale in cui erano prima, cioè in verticale. Comunque se fatto bene anche lo stretching aiuta molto e se comunque non si conoscono, esistono esperti che aiutano le persone ad impararle e a migliorarsi.

Una volta imparate si scoprirà poi che è molto facile riuscire a farle anche a casa. Insomma si parte da tutti quegli esercizi che permettono di allungare i muscoli, sia per quanto riguarda quelli della schiena che per i muscoli delle gambe. Ad esempio un'ulteriore esercizio è uno di quelli che va svolto in piedi, una volta messi dritti bisogno scendere giù senza curvarsi sempre rimanendo in verticale, senza mai curvarsi. 

Le dita delle mani devono toccare prima le punte e poi i talloni dei piedi. L'esercizio va ripetuto più volte, non è necessario stabilire un quantità di esercizi in quanto l'importante è che essi siano compiuti lentamente, in modo da dare ai muscoli la possibilità di distendersi tranquillamente. 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl