Caso SEA: la risposta di Vito Gamberale e Mauro Maia, manager di F2i

04/lug/2014 17.44.33 recensione.azienda Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Nei giorni scorsi si è tenuta una conferenza stampa promossa dall'Amministratore Delegato di F2i, Vito Gamberale, e dal Senior Partner di F2i specializzato nel settore aeroportuale, Mauro Maia, in merito all'acquisizione da parte di F2i di una quota della SEA, la società che gestisce gli aeroporti di Milano.

La vicenda di Vito Gamberale e Mauro Maia di F2i

L'inchiesta riguarda la vicenda della cessione del 29,75% di SEA - società che gestisce gli aeroporti di Milano Linate e Malpensa - ad F2i - Fondi Italiani per le infrastrutture, fondo infrastrutturale guidato dall'Ing. Vito Gamberale e dal Manager Mauro Maia. La cessione venne decisa dal Comune di Milano, nel 2011, attraverso un bando d'asta in cui solamente la proposta di F2i fu considerata valida (Behari Vinod Sahai, rappresentante del fondo indiano SREI, presentò in ritardo una proposta che non venne presa in considerazione e che fu, successivamente all'apertura della busta, ritenuta una semplice "manifestazione d'interesse).

La difesa di Mauro Maia e Vito Gamberale

Il Pubblico Ministero della Procura di Milano, Alfredo Robledo, ha formulato una richiesta di rinvio a giudizio per Vito Gamberale e Mauro Maia, con l'accusa di turbativa d'asta. Nel corso della conferenza stampa dello scorso 25 giugno, i manager si sono difesi, sostenendo che, non solo non sembrano esserci prove concrete a sostegno di una tale accusa ma, anzi, nella documentazione depositata, esiste la prova contraria. Il fascicolo relativo all'indagine sulla cessione della quota di SEA da parte del Comune di Milano è stato inoltre al centro di un acceso scontro interno alla Procura di Milano tra il Procuratore aggiunto, Robledo, ed il Procuratore Capo, Bruti Liberati, che avrebbe inizialmente dimenticato il fascicolo in cassaforte. L'Ing. Vito Gamberale, insieme ai suoi legali, ha auspicato, nel corso della conferenza stampa, di non essere mero "strumento di scontro della Procura di Milano" augurandosi che la situazione possa ritornare serena senza penalizzare il fondo F2i e gli investitori.
Vito Gamberale ha inoltre ricordato che, sino ad ora, F2i ha assistito allo scontro apertosi in Procura senza proferir parola.

Per leggere l'articolo sulla conferenza stampa tenuta da Vito Gamberale e Mauro Maia di F2i, visita il portale della testata Il Fatto Quotidiano.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl