Cosa cambierà nel Servizio Sanitario Nazionale.

15/lug/2014 20:58:26 Leo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Gli ultimi arresti di illeciti sui ricettari medici falsificati e l'ultimo decreto per regolare questo mondo, ci consente di sperare ancora molto. Di fatto arrivano importanti novità per tutti, sia per gli operatori del servizio sanitario, si per i cittadini che ne usufruiscono e che ormai sono stanchi di avere a che fare con la burocrazia o con tutto quello che gli sembra ingiusto.

Le novità toccano svariate fonti, bisogna solo sperare ora che tutte le leggi vengano fatte rispettare. Come ad esempio le scelte più tecniche e più accorte a quello che è la selezione dei direttori generali. Si parte da una lista, la quale si aggiornerà ogni due anni e che al quale potranno accedere solo ed unicamente coloro che saranno selezionati da una selezione pubblica nazionale.

Ovviamente è inutile sottolineare che i direttori dovranno avere tutti dei titoli professionali, specifici insieme con la frequenza di un corso specifico in formazione e in gestione sanitaria. Questo perché i direttori dovranno garantire il raggiungimento di determinati obiettivi proprio nell'ambito della gestione.

E se tali obiettivi non vengono raggiunti come prestabilito, questo verrà dichiarato decaduto dal suo incarico, lo stesso ovviamente nel caso del compimento di gravi violazioni del codice etico e del regolamento. Ovviamente poi se ciò avviene, si viene totalmente cancellati dall'elenco e non si può più ritornare nella lista.

È previsto un'elenco stipulato alla stessa maniera anche per i direttori amministrativi e direttori sanitari. Anche qui ovviamente previa selezione pubblica nazionale, grazie ad una giuria composta da esperti nell'ambito di determinate istruzioni scientifiche. Se non si passa mediante determinati requisiti non si viene iscritti nella lista ma non si potrà neanche tentare nuovamente in seguito.

Cambierà qualcosa anche sui ricettari medici  in particolare per i malati cronici che in Italia superano i 14 milioni di persone. Di fatto un tempo le loro ricette mediche duravano solo 60 giorni, questo significava che dopo due mesi gli interessati dovevano ripresentarsi dal proprio medico e rifare la fila per scrivere una nuova ricetta.

Oggi invece i tempi sono stati allungati, si è passati da 60 giorni a 180, di conseguenza i pazienti dovranno fare la fila solo ogni 6 mesi e i ricettari potranno contenere fino a 6 scatole di medicinale. Eventuali cambiamenti sono a discrezione comunque del medico di base. Ma sono tante altre le notizie che cambieranno, fra queste anche l'obbligo di assicurazione per i medici.

Obbligo che scatterà dal 14 agosto 2014 e non sarà applicato ai medici che sono dipendenti pubblici del servizio sanitario nazionale. Ma i professionisti possono comunque informarsi al riguardo, di fatto si è parlato di un fondo istituito proprio per supportare i medici nel pagamento dei premi assicurativi.

 

In particolare per quelli che hanno l'obbligo di un pagamento elevato a causa dei rischi biologici che corrono per espletare il proprio mestiere. E in ultimo cambieranno anche dei dettagli fondamentali per quanto riguarda la vita delle strutture sanitarie. In particolare la burocrazia ad essa legata, alla sua semplificazione per la proceduta e per il rilascio delle autorizzazioni legate alle nuove strutture. 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl