Alitalia: la rabbia e l’orgoglio

21/lug/2014 16.47.03 Virgilio E. Conti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Alitalia: la rabbia e l’orgoglio

ovvero

il mio saluto

di Virgilio Conti

 

Roma, 14 Novembre 2004

A fine mese e dopo circa 37 anni di servizio lascio la Compagnia; debbo dire che mi rincresce farlo e particolarmente in un momento di crisi come questo. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il decadimento in atto ha radici lontane e profonde, le crisi petrolifere, la deregulation, lo scenario geopolitico, la nascita dei vettori low cost, l’11 settembre, … però il disfacimento di Alitalia deriva anche da fattori endogeni, tanti, anch’essi lontani e di vario genere, concatenati e sovrapposti, manifesti e mascherati, che quando non riconducibili a errate strategie aziendali si chiamano incompetenze, negligenze, inettitudini, inefficienze, sprechi e sperperi che, stratificandosi nel tempo, hanno determinato pesanti disfunzioni e diseconomie.

Il risultato lo conosciamo, una gravissima crisi finanziaria mette in discussione la sopravvivenza dell’azienda: occorre ristrutturare e tagliare, bisogna ottimizzare e ridisegnare funzioni e assetti societari. Ma non basta mettere in ordine i conti e le casse, bisogna ricominciare a lavorare bene, tutti, col cuore e con la ragione, nell’interesse di un’azienda italiana e del Paese stesso.

Si è detto e si è scritto tutto e troppo su questa Compagnia, offuscandone l’immagine al punto da renderla invisa agli stessi Italiani.

 

 

 

 

 

 

 

 

1968 - Roma/Amsterdam/Roma; il mio primo volo di addestramento su Caravelle SE-210 Alitalia; my first flight training trip

Ieri: Compagnia di bandiera, orgoglio nazionale e di chi vi lavora, azienda IRI che a tutto campo opera il trasporto di passeggeri e merci, possiede una flotta di velivoli che impiega su una rete in continua espansione, dispone di risorse umane e mezzi per volare, gestire prenotazioni, vendite e servizi a terra, manutenzioni degli aeroplani e tante altre funzioni tutte rigorosamente svolte in casa. 

Oggi: una società sull’orlo del collasso, bisognosa di salvataggio, destinata al frazionamento societario, alla privatizzazione, forse alla vendita, operazioni necessarie, si dice, ma quanto tristi e inquietanti. 

Domani: che dire? Uno slogan, l’ottimismo è il profumo della vita … l’Alitalia è viva, viva l’Alitalia. 

Ad ogni modo, ora è così, così e così … sennò si chiude, appunto.

Alitalia, Direzione Operazioni Tecniche, Addestramento e certificazione del personale di manutenzione e ingegneria

Per quanto mi riguarda, e nonostante il preambolo, debbo dire che è stata un’esperienza personale preziosa ed esaltante; saluto e ringrazio quanti mi hanno aiutato o solo accompagnato in questo cammino e coloro che hanno contribuito alla mia crescita umana e professionale e, ancora, quelli che hanno lavorato con me per costruire e sviluppare questa importante realtà.  

Lo confesso, ho amato il mio lavoro in Alitalia ed ho sempre cercato di farlo al meglio delle mie possibilità e comunque con serietà e lealtà. 

1987 - Sheraton Golf Parco de' Medici Hotel

E’ mio convincimento che il risanamento ed il rilancio del Gruppo Alitalia, quali che siano le alchimie politico-economico-societarie che si adotteranno, debbano necessariamente passare attraverso importanti cambiamenti organizzativi e “culturali”; è pure urgentemente indispensabile il ripristino di un clima più sereno per il personale che vi opera; la persona deve stare al centro del processo produttivo: il fattore umano fa sempre la differenza, per la qualità, per la sicurezza e per la proficuità del lavoro. 

Mi auguro che la Divisione Operazioni Tecniche, responsabile dell’efficienza tecnico/operativa della nostra flotta, possa riconquistare la produttività e l’economia che competono alla sua importante funzione e che i professionisti che la compongono meritano. 

Mi corre altresì l’obbligo di esprimere un augurio ed un saluto particolare a colleghi e responsabili degli enti Addestramento Piloti, Addestramento di Manutenzione e Ingegneria dei quali sono stato artefice e servitore affinchè siano capaci di recuperare o rafforzare il proprio ruolo originale introducendo quei rinnovamenti in grado di valorizzarne missione e risultati.

Penso alla vendita di training, servizi tecnici e ingegneria a terzi, all’avvio definitivo di una scuola basica aeronautica, all’istruzione in house della lingua inglese, ad una più efficace amministrazione della formazione in una bilanciata logica make or buy, alla riorganizzazione delle attività di esame e certificazione, all’implementazione dello studio di quella delicata ed importante materia che è lo human factor nella manutenzione aeronautica, all’opportunità di riallocare all’interno dell’azienda tanti servizi e lavorazioni costosamente e improduttivamente appaltati, ecc.

Questi ed altri, i percorsi che si sapranno e vorranno intraprendere all’interno del settore tecnico (Alitalia Servizi) per l’interesse aziendale piuttosto che solo per ottemperare a mere ed aride normative.

Ma il risanamento dell’intera realtà Alitalia, dai servizi di marketing a quelli aeroportuali, dalle attività commerciali a quelle di corporate, saranno però possibili solo attraverso il consenso e la collaborazione delle donne e degli uomini che la compongono, snelliti da corporativismi e sindacalizzazioni esasperate e soprattutto alleggeriti dall’incombenza di una politica che dovrà essere capace di fare un passo indietro nelle scelte interne ed essere invece attiva in quelle infrastrutturali del trasporto aereo.

Spero che i sentimenti di amarezza e incertezza che oggi pervadono i nostri pensieri e conversazioni lascino presto e nuovamente il posto a quelli di fiducia se non addirittura di soddisfazione e orgoglio: l’auspicio è che Alitalia possa finalmente riprendere la giusta rotta ed una navigazione più tranquilla. 

Per quanto mi riguarda, non escludo la possibilità di una qualche futura attività lavorativa ma, al momento, sto unicamente organizzando la mia seconda giovinezza in una località di montagna vicino Roma in cui abiterò stabilmente e dove conto di incontrare e ospitare amici e compagni per delle piacevoli rimpatriate. 

Un abbraccio 

Virgilio Conti

virgilio.conti@alice.it

 

Tratto dal mio messaggio di congedo

Roma, 14 Novembre 2004

 

 

Le risposte al mio saluto

Commuoversi mi pare il minimo per una persona che per 37 anni ha passato la maggior parte della propria vita in un'azienda ...una persona che ha tanto amato il proprio lavoro dedicandoglisi -cosa rara-quasi completamente..una persona che non ha mai smesso di studiare di insegnare e di avere curiosita' per tutto quello che inevitabimente intorno a lui cambiava

sara' sempre cosi..una serie continua di passaggi e cambiamenti

ma alcune cose invece non cambieranno mai..appagando il senso di infinita' dell'uomo

su quelle cose si costruisce..anche partendo da zero....

ora pensiamo a cercare una nuova casa...un bacione

ora leggo i commenti dei tuoi colleghi

valentina

Auguri Virgilio,

Grazie per il professionale supporto e la paziente attenzione che ci hai sempre riservato.

Saluti. Antonio Bosco  (ingegneria di officina)

 

Un "In Bocca al Lupo" di cuore.

Ciao Enzo (Galieti) (ingegneria di produzione)

 

Virgilio,

auguroni  di tutto cuore per il prossimo mandato “montano”….ci mancherai ! ! Ettore (Breda) Ispettore Controllo

 

Gran belle parole!

Sicuramente saprai godere della nuova fase di vita.

Auguroni Fabrizio (Zanetti) Area Produzione

 

Virgilio, non ho mai avuto il piacere di un contatto diretto approfondito, ma permettimi di ringraziarti per il contributo che hai dato alla nostra Azienda, e di sottolinearti che quanto hai espresso nella tua mail di saluto mi ha colpito; ciò che scrivi indica quante persone hanno avuto a cuore le sorti della Compagnia, ed evidenzia l’importanza del lavoro nella loro vita; le parole da te usate, ma più ancora i sentimenti palesati, rappresentano, come meglio non si potrebbe, il rammarico di vivere questo momento, che tutti noi proviamo, con la speranza e la consapevolezza che un nuovo rilancio ci permetta di formare i giovani allo stesso amore per l’Alitalia che ha plasmato tanti.

Dovremo, noi che rimaniamo, lavorare anche per questo.

Ti auguro un futuro di felicità. Giorgio Danilo Pietra Responsabile di linea FCO

 

Caro Virgilio,

non mi resta che augurarti ogni bene per la tua seconda giovinezza che spero sia simile alla prima, quella spesa in Alitalia, che, nella somma tra i momenti sì ed i momenti no, ti ha lasciato un buon ricordo.

Hai vissuto l'Alitalia più bella; tutti ci auguriamo, sopratutto i più giovani, di ritrovarla nel prossimo futuro.

Grazie di tutto Giuseppe Gaggiotti (Direttore Addestramento e Qualità)

 

Ti auguro una felice e serena esistenza (pensione) nella tua località fuori Roma.

Credo che saremo in tanti a seguirti (nella pensione) tra breve.

Auguroni Giuseppe Tozzi - Controllo di qualità

 

Caro Virgilio,

ti comprendo perfettamente e ti sono vicino!

Potrei affermare esattamente le stesse cose dette da te ... basterebbe che sostituissi ad "addestramento" la parola "controllo" (o, come dicono oggi, forse in troppi, Qualità). Sappi comunque che le condivido.

L'apprezzamento è anche per esserti ricordato di me in un momento così significativo ed importante per te, come credo sia questo momento di "passaggio" verso verso altre cose che, ne sono sicuro -- e questo è il mio augurio --, saranno altrettanto significative ed importanti.

La smetto prima di scendere nella retorica, ma non è detto che finisca quì.

Un abbraccio e al nostro prossimo incontro (magari al supermercato),

Ciao,

P.S.: Virgilio, non è un'offerta di lavoro (nemmeno potrei), ma ci tengo a dirti (sperando di non contribuire ulteriormente al tuo rammarico) che, in questo momento, tu rappresenteresti (according to me) proprio la persona giusta per le nostre esigenze di ADDESTRAMENTO. Youll'never know..!

Franco (Morotti) Funzionario controllo di qualità

 

Caro Virgilio,

credo nessuno quanto me può comprendere le tue parale,  sulle quali pesano come macigni sia l’ amore, dedizione  ed il continuo spirito di servizio verso la Compagnia, sia il rimpianto di aver visto il declino storico della stessa….Avremo forse occasione di approfondire questi aspetti, che forse hanno anche accelerato l’ ardua decisione.

Virgilio, anch’ io a fine mese lascio la Compagnia per aderire al “profondo invito” ricevuto ed andare ad aggiungermi ai moltissimi della più grande Azienda italiana

Un caro saluto ed “arrivederci” Ivano Gasparin - servizio tecnico/ingegneria

 

Ti ringrazio per il pensiero e ti auguro  una splendida nuova giovinezza!!! Magari continua a fare il tifo per noi..... ne abbiamo bisogno.

Ciao Lina (Costantini) - Laboratorio chimico di ingegneria

 

Buone cose per tutto. Che qualcuno aiuti noi che rimarremo.

Ciao Loris Di Domenicantonio - Computer based instruction Scuola Piloti

 

Virgilio,

Mi fa piacere sapere di essere stato incluso tra le persone che desideri salutare. E mi dispiace che tu te ne vada.

Spero almeno che la consapevolezza che si tratta di un’uscita ancora “indolore” (visto quello ci aspetta), renda la pillola meno amara…. almeno nei limiti di quanto sia ammissibile pensarlo di chi ha dedicato una vita lavorativa alla Compagnia.

Sono contento che mi abbia incluso nei saluti perché mi dai l’occasione di ringraziarti per il contributo sempre fattivo che hai fornito alla mia formazione qui in azienda.

Un caro saluto, Luca Ricci - Ingegnere di servizio

 

Abbiamo avuto una sola occasione di sentirci per lavoro ed ho avuto modo di apprezzare la solerzia e la competenza con cui hai risposto alla mia richiesta.

Ti ringrazio per avermi inserito nel novero di quanti hai avuto occasione, per motivi di lavoro, di conoscere.

Ti auguro di cuore che questa nuova fase della tua vita  sia all’insegna della serenità e della tranquillità.

Faccio mio il tuo auspicio che l’Alitalia possa approdare a una nuova e più serena realtà.

Un saluto e un abbraccio. Luigi Medici - ingegnere di produzione

 

…un altro pezzo di preziosa storia dell’Alitalia si stacca!

Grazie  per il prezioso ed illuminato contributo che in questi anni ci hai dato.

Un grosso “ in bocca al lupo” per il nuovo “ lavoro” che ti accingi ad intraprendere.

Ciao, Massimo Severi - Responsbile officina elettronica

 

Ti ringrazio per avermi ricordato in questo tuo saluto.

Ci conosciamo dall'Ancifap del lontano 1969, dove eri il mio professore.

Non posso che augurarti una buona seconda giovinezza, come tu scrivi e mi trovo favorevole su quello che hai scritto.

Tantissimi auguri Maurizio Crocini - Caporeparto officina motori

 

Che dire? E triste per noi che rimaniamo dover affrontare tutto cio che ci hai ricordato...

 comunque da parte mia un caro saluto e tanti tanti auguri sia per una futura attività lavorativa sia per  la seconda giovinezza in montagna !!

ciao buona fortuna Cocchi Mirto - CMO Troubleshooting  

 

Caro Virgilio,

ti aspettiamo come futuro istruttore-consulente esterno, come tanti prima di te (e molto meno titolati di te) hanno fatto.

Sarebbe un bel segno, segno che finalmente le cose si saranno messe a posto.

Oppure solo un sogno.

Facciamo una speranza.

Nicola (Sisti) - ingegnere istruttore addestramento tecnico di manutenzione e ingegneria

 

Virgilio,

grazie del bellissimo saluto .. ma forse l’aggettivo non è adatto; non rappresenta sicuramente l’amarezza di un distacco che si legge tra le righe anche se il tuo senso dell’umorismo (nonostante tutto) e la ricchezza interiore che traspare dalle tue parole mi hanno strappato un sorriso con la consapevolezza che da domani saremo un po’ più soli.

Un abbraccio, Paola (Fabian) - Responsabile ufficio gestione Personale di terra

 

Un caro augurio di tanta felicità e serenità

Piero Innocenti - ingegnere gestione Personale

 

Un "in bocca al lupo" per la tua "seconda giovinezza" con l'augurio che sia ricca di grandi soddisfazioni, serenità e salute.

Faremo il possibile per uscire da questo periodo di incertezza e ridare lustro a questa nostra, comunque cara, vecchia compagnia. Continua a seguirci e a fare il tifo per noi.

Un caro abbraccio ad un mio vecchio "maestro".

Ciao, Pino Lorusso - Funzionario ingegneria servizio tecnico

 

In bocca al lupo Virgilio.

Roberto Ravignani - ingegnere caporeparto

 

Grazie di cuore x i tuoi saluti

e un' augurio sincero x la tua vita futura

Roberto Schina - Istruttore piloti e personale navigante

 

Mi dispiace per la situazione della nostra compagnia, spero che questo non sia il motivo della tua pensione. Perché se cosi fosse L’ALITALIA ha perso una persona capace e molto competente nel proprio lavoro, ma soprattutto umana e attenta alle esigenze degli altri. Io che sono stato tuo allievo sui banchi e collega nei rapporti di lavoro posso affermarlo a voce alta. Da parte mia ti auguro una felicissima seconda giovinezza.

Salutissimi.

S.D. (Salvatore Di Nuzzo) - Responsabile di officina

 

Carissimo Virgilio

auguri di cuore.

Sergio La Delfa - Caporeparto di officina

 

In bocca al lupo per la seconda giovinezza e, perché no, per un nuovo lavoro da "matricola" come prova della raggiunta giovinezza! Stefano Marazzani - ingegnere capoarea di officina

 

Un sentito ringraziomento per tutto quello che mi hai dato, tecnicamente e personalmente. Sei rimansto per me il mio primo istruttore, la persona che mi ha aiutato a capire e a vedere le cose nel suo complesso.Ti auguro di goderti questi prossimi anni di riposo nel miglior modo possibile facendo quello che ti va' e che ti piace fare.

Ciao Umberto Lolli - CMO Ufficio assistenza troubleshooting

 

ti allego a questa mia e-mail questa piccola poesia da me scritta personalmente che normalmente regalo sempre con immenso piacere alle persone care con le quali in particolar modo nel corso degli anni e stato possibile instaurare un tipo di rapporto particolare,diciamo oltre i semplici rapporti di lavoro.Un rapporto inteso anche come quello tra noi semplice,spensierato e sincero fatto insomma di cose semplici.Anche se non c'e tutta questa grande confidenza credo che comunque queste righe da me scritte ti facciano comunque piacere riceverle. Te lA mando personalmente e non te lA leggero davanti a tutti in quanto sono un po imbarazzanti dato lo stato d'animo di ogni persona che dopo una vita dedicata in un'azienda,possa avere.Insomma non voglio far commuovere nessuno..........

Ti leggero pero un'altra piccola poesia sempre da me scritta in romanesco o forse qualcun'altro te laggera comunque, che sara molto simpatica,pero non lo dire a nessuno prima di venerdi in quanto gli altri mi potrebbero rimproverare di averti svelato il segreto. a presto e buon lavoro che ancora devi lavorare ci vediamo in qualche pausa corso............. Massimo Ricci - Assistenza tecnica di linea FCO

 

Grazie Virgilio,

per questo messaggio

ed anche se noi non abbiamo avuto modo di collaborare direttamente, ci conosciamo da molti anni (per l' esattezza dal 1980.. ) ma ho sempre apprezzato la tua discrezione (n.b. leggi anche serietà professionale) notata in quei rari momenti in cui come studente o quando venivo per incontrare Silvio, ero in Addestramento Tecnico oppure, più recentemente, quando ci incrociavamo a mensa.

Purtroppo, come Tu hai fatto giustamente notare, in questo periodo la crisi è tangibile più che in ogni altro momento della storia della nostra Azienda ed il clima instaurato non è dei migliori; La serenità, io credo, non esiste quasi più alimentata dalla precarietà e da una cultura troppo laica di gestione del personale (non risorse.. termine che mi fa pensare molto più a delle "scorte di magazzino" che non ad esseri umani....)

Credo, spero e mi batterò per essere ottimista, nonostante è ormai certo che il termine " Espansione " sembra appartenere al passato; Bisogna cercare di lavorare in futuro per non perdere troppo posizioni di mercato ed orientarci alla flessibilità non dimenticando il contributo dato dalla Vs.. generazione !    

Ciao Virgilio e grazie di tutto Claudio Graziosi - Funzionario servizio tecnico di ingegneria

 

Tanti auguri per la tua seconda giovinezza. A.Menichetti - Caporeparto area di rilavorazione Galvanica

 

Virgilio,

ci lasci!!!!

Mi ha fatto moltissimo piacere il fatto che ti sia ricordato di me.

Ti ricorderò sempre con affetto per la tua simpatia e professionalità (cosa ormai rara in questa azienda).

Quando passi da queste parti vienimi a trovare!!!

Un grosso bacione Roberta (Crocicchia) - Centro Direzionale Alitalia

Virgilio, proverò con questa email a rispondere al tuo saluto, mi sforzerò di non essere patetico, di non essere scontato e di essere il più naturale e sincero possibile!

E sincerità per sincerità non volevo scriverti, ma poi ho pensato che sarebbe stato carino che tu conservassi qualcosa scritta da me...immagino che tra qualche anno quando sarai rincoglionito totalmente e non ti ricorderai più di me, questa email servirà anche a farti rammentarti che un tempo sono passato anche io nella tua vita! (In realtà spero di venire a Monculo a mangiare e cantare con te....e perchè no ...un giorno di venire con mia moglie)

Fatta questa premessa, che era d'uopo, comincio scrivendo di getto quello che mi passa nella testa:

Risulta facile a volte proiettarsi nel pensiero delle altre persone ed immaginare così cosa passi nel loro cervello. E' facile per me immaginare cosa passa per il tuo cervello...nostalgia...amarezza...tristezza....delusione....ma lascia che ti dica cosa passa, invece nel mia di testa:

ti ho conosciuto molto bene in questi 3 anni e mezzo...

...3 anni e mezzo....42 mesi....1260 giorni...circa 10000 mila ore insieme.....

10000 ore che sono servite per viverti...per conoscerti...per apprezzarti....per ridere...per incazzarsi...per prendersi in giro...per prendere caffè e fumare sigarette...per disquisire dei massimi sistemi e delle più basse cazzate...per lavorare (non so perchè l'ho scritto per ultima sta cosa)....mi rendo conto che c'è gente che ti ha vissuto più a lungo di me...ma io posso dire che l'intensità dei nostri scambi, delle nostre chiacchierate è stata di gran lunga superiore a quella che ho avuto con altre persone qui dentro!

Se continuo con questo tono, sembrerebbe che sono una checca e che mi sto dichiarando nei tuoi confronti....(so che fai leggere le email che ricevi a tua moglie...allora ci terrei che tua moglie sapesse che non sono gay)... qualcuno mi ha domandato chi sono le persone che stimo davvero in alitalia (ndr in Az e non solo all'addestramento...io a questo qualcuno risposi "si contano su una mano!" .... tu sei il pollice...dell'altra mano...scherzo Virgilio...tu sei il primo...sai nel tempo ho avuto modo di cambiare idea sulle persone (e tu lo sai a chi mi riferisco) ma su di te come avrei potuto???.....la tua smisurata coerenza e la tua enorme empatia nei miei confronti mi hanno fatto conoscere un Virgilio sempre uguale...ho potuto fidarmi di te, ho potuto confidarmi con te, ho potuto scherzare (e anche pesantemente con te...me ne scuso se qualche volta ti ho disturbato), ho potuto imparare da te ....

...si perchè anche se sono stato tuo allievo solo una volta in aula in realtà lo sono stato per tutti questi giorni ....quotidianamente... e da tuo allievo spero di aver compreso come debba comportarsi e vivere un vero UOMO.

Finisco qui Virgilio perchè altrimenti me metto a piagne....

Augurio più bello che posso farti è questo:

...una Vita di decisioni facili ...e tantissima serenità....

(David Cristofanelli) - ingegnere, istruttore addestramento tecnico di manutenzione e ingegneria

 

 

Forse il mio saluto migliore è Arrivederci. (Quello vero) come quando il termine di una certa attività non presuppone necessariamente che non si abbia tempo e voglia di rivedersi.

Ciao

Alessandro (Briotti) - ingegnere, istruttore addestramento tecnico di manutenzione e ingegneria

 

A  Virgilio

Come un fiume che scorre, la vita ti porta lontano da noi.                                        

Hai dato tanto di te;tanto continuerai a dare a chi si troverà nell'orbita del tuo Vivere;perché sei nato per dare .                                                                                     

Ora come una carrellata , velocemente , i momenti lieti e meno lieti ci scorrono davanti agli occhi ,visi……espressioni……sensazioni…                                              

Non c'è nulla di più bello della memoria .                                                                         

Essere nel ricordo di chi ti vuole bene è meraviglioso , perché ti fa sentire che la vita al di la di tutto il bene o il male , il giusto o l'ingiusto , il vero o il falso ha avuto ragione di essere .                                                                                                         Non forzare il tuo essere , sii sempre te stesso ; schietto , cordiale , pronto a stendere una mano , per aiutare , rinfrancare , perdonare .                                                               

La tua coscienza ti ha dato il senso delle cose , ti ha guidato nelle tue scelte e qualunque esse siano state , giuste o sbagliate , le hai sempre sapute difendere senza ostinazione o con supponenza , ma con coerenza ed umiltà .                                                                                                  Ed in nome della coerenza non hai mai fatto passi indietro .

Abbiamo cercato sempre di interpretarti, di capirti e di volerti bene, se almeno in parte a tutto questo ci siamo riusciti, ciò renderà meno amaro il nostro distacco .

Ci lascerai un ricordo dolce e simpatico degli anni trascorsi insieme.             

Questo ricordo arricchirà il nostro lavoro e ci darà momenti di sorriso. Della parte di vita che ci hai dato , oggi nel salutarti ti ringraziamo e ti  auguriamo un avvenire radioso e un percorso pieno di felicità.

A un grande Amico con tutto l'affetto più vero .

Ti vogliamo bene……………..

Gli Amici

 

25 gen 2011

Gentilissimo Professor Conti, navigando su internet alla ricerca di risposte su contributi e aspetti burocratici, mi sono imbattuto nella sua lettera al Ministro, e in suoi altri scritti, un vero “tuffo al cuore”.

Non mi sono presentato e rimedio subito, mi chiamo Riccardo de Magistris, ho 54 anni, ed ho frequentato la scuola di formazione ANCIFAP - Alitalia di Fiumicino negli anni dal 1973 al 1975, e sono stato dipendente  della Compagnia dal 1979 al 1987.

Lei, come ovvio, non potrà ricordarsi di me, ma io ho conservato un ricordo preciso di quegli anni anche se sfocato dal tempo e di quella scuola, dei compagni e dei docenti, è un ricordo affettuoso di quell’ambiente di quel contesto e di quei valori, purtroppo non suffragato da oggetti o documenti dell’epoca se non da un paio di foto di noi allievi con il prof. Lattuada ed il sig. Galimberti in posa sotto la maestosa pancia di un B-747 (forse il mitico DEMA). Ricordo con infinita nostalgia quegli anni, che considero da sempre i più formativi della mia storia scolastica sia dal punto di vista tecnico professionale che da quello (molto importante) umano e sociale, è stato un periodo bello e affascinante, ricco di emozioni.

Ricordo le Sue lezioni di impianti velivolo, non nel dettaglio certamente, ma la sensazione di come una materia così complessa potesse essere resa così comprensibile, piacevole ed interessante da ascoltare e studiare.

Mi ha fatto piacere leggendo quanto ha scritto di recente, ritrovare quella sensazione forte del senso di appartenenza all’azienda,  comune per noi dipendenti AZ orgogliosi e fieri di lavorare in un settore tra i più avanzati nel nostro paese.

E’ passato molto tempo, 38 anni per me, e le cose sono cambiate profondamente, io Professore la devo ringraziare per essere riuscito a riportare i miei pensieri a quegli anni, per avermi fatto ritrovare ricordi che quasi non credevo più di avere, e di farmi ritenere un fortunato per aver vissuto anni irripetibili in un mondo come quello aeronautico oggi così diverso.

Concludo questa lettera inviandoLe i miei più cordiali e affettuosi saluti, e sperando di averle fatto cosa gradita con questa mia.

Riccardo de Magistris - ex funzionario di Servizio tecnico impianti e motori di aeromobile

 

E' con profondo rispetto che rivolgo il mio saluto e sapratutto i miei complimenti a chi per molti anni ha saputo portare alto il settore addestramento Alitalia.Chi scrive è un semplice operatore aeronautico alitalia in forza dal 1998 al medio raggio....certo sono pochi anni rispetto a quelli da Lei passati in alitalia, ma che sono bastati per conoscere anche se per poco, uno dei migliori istruttori che l'alitalia abbia mai avuto .Di Lei ricordo l'ottima preparazione, la calma quando spiegava e non per ultima l'ottima dizione ( ricordo in particolare un corso propedeutico nuove tecnologie,dove lei accennava anche al controllo manuale del parallelo ..credo del 727.) Per puro caso ho trovato su internet alcune sue foto e l'ho subito riconosciuta e quindi mi sono permesso di rivolgerle i miei personali complimenti.......peccato che non faccia piu' parte di alitalia....oggi l'addestramento avrebbe quanto mai  bisogno di una persona preparata e seria come lei.... Le rivolgo quindi i miei piu' sinceri saluti e complimenti ancora per il lavoro da Lei svolto in Alitalia....

con rispetto

Petreri Giammario - ex Operatore Certificato Aeronautico

9 Aprile 2012

 

Caro Giammario, permettimi il tu da ex collega: ti ringrazio degli elogi e dei complimenti forse immeritati ma sicuramente ben accetti e apprezzati. Debbo aggiungere che durante la mia carriera ho avuto tanti ottimi colleghi e maestri che hanno validamente contribuito alla formazione del personale tecnico della Compagnia e dai quali ho talvolta imparato un pò di nozioni e di mestiere.

“Controllo manuale del parallelo …”, sì, ricordi bene, si trattava del B 727!

Io invece, lo confesso, non mi ricordo di te …ma rinnovo i ringraziamenti e ti saluto cordialmente.

Virgilio Conti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl