Compravendite immobiliari

26/lug/2014 10:41:32 Leo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Oggi vogliamo parlare di una professione che negli ultimi tempi è tornata molto di moda, l’agente immobiliare. Questa figura è sempre stata vista come il classico porta a porta di ragazzini in giacca e cravatta che venivano a bussare alle nostre case chiedendo se eravamo interessati alla vendita. Oggi non è più così. Con l’evoluzione delle professioni, anche l’agente immobiliare è cambiato in meglio. Quello che un tempo era il porta a porta oggi è diventato marketing pubblicitario. Chi scegli di intraprendere questa professione deve però conoscere a cosa si va incontro. Per prima cosa iniziamo col dire che per poter diventare agenti immobiliari, dovete portare o inviare il CV ad un’agenzia immobiliare del vostro quartiere o anche ad un’ agenzia immobiliare di Sanremo per esempio. Il nostro consiglio è quello di inviare CV in massa poiché riceverete subito diverse proposte e potrete valutare quella più conveniente per voi. Per diventare un intermediario immobiliare tuttavia, c’è bisogno anche di una qualifica che si ottiene dopo un esame di abilitazione alla professione. Non preoccupatevi, perché nel corso del vostro rapporto di lavoro con l’agenzia di riferimento, verrete messi nelle condizioni di imparare e poter quindi svolgere l’esame. In un primo momento però, il vostro lavoro consisterà nel fare pubbliche relazioni e scouting. Dovrete andare in giro ad affiggere locandine di locali in vendita oppure fare pubblicità alla vostra agenzia, in modo da invogliare le persone a rivolgersi a voi. Inoltre dovrete attraverso il web, scovare le casa messe in vendita da privati e convincerli a rivolgersi alla vostra agenzia. Questo ovviamente perché l’agenzia guadagna laute provvigioni su ogni vendita. Per quanto riguarda la possibilità di carriera? Diciamo che tutto si basa sui numeri. Se un agente vale e vende, l’azienda lo tiene in conto. I grandi marchi puntano su fasce di età tra i 18 ed i 27 anni perché in questa fascia troviamo ragazzi desiderosi di successo. Chi ottiene ottimi risultati viene immediatamente nominato responsabile di una filiale. Il marchio investe nel responsabile garantendogli uno stipendio fisso più provvigioni sul fatturato di tutta l’agenzia. Si tratta di una grande responsabilità oltre che di una possibilità concreta per chi vuole fare carriera. Ovviamente però, c’è anche chi starà leggendo questo articolo chiedendosi quanto si guadagna sin da subito. La carriera è allettante, ma nei primi mesi cosa mi entra in tasca? Ebbene facciamo subito qualche conto. Il contratto che si propone è un contratto di collaborazione che può essere risolto da entrambe le parti in qualsiasi momento. Siete dei liberi professionisti e non dipendenti. Ci sono agenzie che offrono un rimborso spese di 400 euro lorde ed altre agenzie che offrono rimborsi spese da 300 euro lorde. Questa è la base dalla quale dovrete partire. Naturalmente oltre ai rimborsi, sono previste delle provvigioni nel momento in cui vendite una casa o concludete un contratto di fitto. Queste ultime variano in base al valore della casa, ma di norma siamo attorno al 10% della provvigione totale incassata dall’agenzia.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl