Mobile Trade Stores segnala alla Commissione europea una possibile violazione della legge comunitaria sulla concorrenza all'interno del mercato europeo delle telecomunicazioni

03/set/2014 10:17:52 Pr NewsWire Aziende Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Mobile Trade Stores segnala alla Commissione europea una possibile violazione della legge comunitaria sulla concorrenza all'interno del mercato europeo delle telecomunicazioni

ROMA, September 3, 2014 /PRNewswire/ --



Vodafone Group Plc è stato accusato da Mobile Trade Stores (MTS), ex partner del
gruppo di telecomunicazioni in Grecia, di aver usato pratiche restrittive della
concorrenza, in violazione diretta delle vigenti leggi sulla concorrenza.



Vodafone detiene il secondo posto nel settore delle telecomunicazioni in Italia, con
una quota del 35% del relativo mercato italiano e oltre 22 milioni di clienti.



Secondo gli avvocati di MTS, che hanno ora richiesto l'intervento delle autorità
competenti nell'Unione europea e in Grecia per verificare il modo in cui Vodafone conduce
le proprie operazioni in franchising in tutta Europa, il caso avrà un grande impatto sul
modo in cui Vodafone opera in Europa e in Germania.



A seguito di tre cause distinte, che sono già state intentate contro Vodafone Plc per
un totale di 1,3 miliardi di euro, è stato preparato un rapporto che illustra come
Vodafone abbia promosso una "cultura anticoncorrenziale" in tutta la propria rete europea.



Un portavoce di MTS ha dichiarato:



"I consulenti legali di MTS ritengono che vi siano elementi di prova prima facie a
sostegno di gravissime restrizioni fondamentali della concorrenza. Le conseguenze negative
di tali restrizioni si sono protratte per anni."



In gran parte dell'Europa - Regno Unito escluso - Vodafone gestisce un sistema di
franchising che in molti casi permette alle piccole imprese a conduzione familiare di
mantenere le operazioni di vendita al dettaglio su licenza da Vodafone.



Vodafone è stato accusato da MTS e dal suo presidente Athanasios Papistas di aver
intrapreso una cultura anticoncorrenziale contro i propri affiliati greci portando alla
graduale cessazione dell'attività dei suoi punti vendita in franchising con Vodafone.



Gli avvocati di MTS esperti di concorrenza comunitaria hanno dichiarato: "Esiste un
interesse comunitario sufficiente per segnalare alla Commissione europea la forte
possibilità che, nel caso di specie, sia stata violata la legge comunitaria sulla
concorrenza."



Attualmente, MTS sta creando un consorzio paneuropeo composto dai titolari di
franchising Vodafone passati e presenti, al fine di avviare un'azione legale congiunta per
pratiche anticoncorrenziali da depositare presso le autorità nazionali garanti della
concorrenza in ciascun Paese e a livello comunitario.



Le azioni legali contro Vodafone Plc presso i tribunali greci




- Citazione n. 1 - 235.452.489,87 EUR - Per il danno subito da Papistas
Holding SA a causa della revoca di accordi di franchising con Vodafone in Grecia.
Citazione n. 2 - 50.000.000 EUR - Danni morali subiti da Athanasios Papistas e Loukia
Florou, fondatori di MTS. Citazione n. 3 - 1.086.594.179,56 EUR- Azione della
Commissione greca per la concorrenza. Il valore complessivo dell'azione legale è di
1,3 miliardi di euro.


CONTATTI PER I MEDIA:



John Kaponi - IPM Media Consulting +44(0)7875-542-969



Konstantinos Adamatopoulos - Holman Fenwick Willan +32-2-643-3401




IPM Media Consulting Ltd


-------
Profile: My Profile 1
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl