Prima regola: seguire un ordine. Ecco come si scrive un business plan

14/nov/2014 23:23:05 Rosanna Converso Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Immaginare un problema e individuare la sua soluzione: è all'interno dello spazio contenuto in questi due estremi che si realizza un business plan. Parola di Flavio Notari, commercialista e revisore legale in Legalitax e co-fondatore di BAIA Italia (Business Association Italy America) che, intervistato da Energie Sensibili, dà qualche dritta agli aspiranti imprenditori.

La prima regola - secondo l'esperto - quando si ha un'idea di start-up e si deve redigere un progetto da presentare a possibili finanziatori, è quella di "seguire un ordine". Sì, perché per chiedere a qualcuno di investire su di voi e sulla vostra proposta imprenditoriale dovete puntare sul compromesso tra ambizione e ragionevolezza. 

Il tutto, è chiaro, senza perdere di vista gli obiettivi propri del business plan. Che, tra l'altro, vengono bene sintetizzati in pochi punti nell'articolo. Uno di questi? Dimostrare la fattibilità del vostro progetto.

 

Insomma, se davvero siete convinti di avere l'idea giusta e allo stesso tempo concretamente realizzabile, non c'è che un modo per scoprirlo: mettere tutto nero su bianco e poi insistere. In fondo, chi non risica non rosica.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl