Credicor e Senegal insieme per gli imprenditori immigrati

14/mar/2007 11.20.00 Euro Group Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La presenza di immigrati con le proprie attività autonome porta nuova vivacità all’economia italiana, soddisfa bisogni e crea occupazione: soprattutto in un contesto in cui il posto di lavoro risulta di difficile creazione, è consolante vedere come gli immigrati si diano da fare per creare loro stessi occupazione.

E’ proprio alla luce di queste valutazioni che Credicor SpA offre due borse di studio ad altrettanti cittadini extracomunitari senegalesi: Credicor è infatti sempre più attenta al rapporto che si sta delineando tra la finanza etica e i nuovi soggetti economici e sociali, tra i quali figurano gli  imprenditori stranieri che operano in Italia. Scopo delle borse di studio è quello di creare un Fondo che possa posizionarsi nell’ottica del processo della finanza etica per offrire un tasso di finanziamento decisamente molto contenuto e quindi estremamente vantaggioso per questi soggetti.  

La finanza etica può infatti essere un elemento determinante per lo sviluppo non solo della piccola imprenditoria ma anche uno strumento per evitare ghettizzazioni e fenomeni di esclusione sociale. Permettendo loro di svolgere attività economiche perfettamente inserite nel tessuto comunitario italiano, la finanza etica può essere essenziale per garantire la piena integrazione dei piccoli imprenditori extracomunitari e delle loro famiglie, migliorandone il tenore di vita e facendoli uscire in modo definitivo da situazioni di precarietà che li portano ai margini della società.

A livello pratico, l'intervento che può realizzare un’organizzazione di finanza etica si configura soprattutto nella forma del microcredito, di fatto un prestito d'onore con rate di rimborso dilazionate in modo da agevolarne la restituzione e soprattutto senza che siano richieste garanzie. È l'approccio seguito ormai da molti istituti e associazioni di finanza etica che hanno maturato anni di esperienza nei finanziamenti a soggetti esclusi dal credito e hanno cominciato a sperimentare finanziamenti ad hoc per microimprenditori immigrati.

L’Ambasciatore senegalese in Italia, Cheik Saadibou Fall, si è detto entusiasta della proposta ideata dell’imprenditore Amedeo Santoro, promotore del Fondo Etico del Microcredito.

 

Per info e contatti:

Michela Ferrari

Ufficio Stampa Eurogroup

06.88644733 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl