comunicato stampa Euler Hermes

15/mar/2007 14.49.00 press way Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

Euler Hermes presenta i risultati di una ricerca sul Credit Management

In occasione di CRED 2007 è stata diffusa la ricerca condotta dal Credit Management Research Centre dell’Università di Leeds

 

Euler Hermes SIAC, la prima compagnia d'assicurazione crediti commerciali in Italia, ha presentato i risultati di un importante lavoro dedicato al Credit Management, condotto su di un campione di 2000 attività in 10 Paesi europei, compiuto dal Credit Management Research Centre dell’Università di Leeds, commissionato da Euler Hermes e diffuso in Italia dalla consociata Euler Hermes SIAC.

 

Occasione per la presentazione in Italia della ricerca è stato l’intervento di Achille Tesseri, Direttore Claims & Collection di Euler Hermes SIAC, alla VI Edizione di CRED, Convegno organizzato dall' Istituto Internazionale di Ricerca e rivolto a tutti gli operatori del Credit Management.

 

Dalla ricerca è emerso che le imprese che assicurano i propri crediti ottengono una protezione globale contro il rischio di insolvenza anche perché il management riesce a concentrarsi maggiormente sullo sviluppo del core business.

 

Lo studio dimostra che, per quanto riguarda i costi operativi in percentuale sul volume di vendite, l’impresa assicurata risparmierebbe circa l’1,38% del fatturato annuale. Il che significa che, per esempio, una società con un fatturato di 10 milioni di euro otterrebbe un risparmio di 138.000 euro.

In vigenza di una polizza di assicurazione, risultati simili possono essere rappresentati dalla cancellazione dei crediti inesigibili in percentuale sulle vendite, retribuzioni medie per i servizi creditizi, una spesa media per la raccolta di informazioni commerciali e un minore grado di frodi subite. Inoltre, le società assicurate hanno benefici anche nel reperimento di finanziamenti, con una di munizione del tasso medio di interesse del 3,5% rispetto al 3,95% delle società non assicurate.

 

“Uno dei principali risultati della ricerca è che assicurare i crediti rafforza le relazioni commerciali delle imprese, contribuendo all’efficacia globale del credit management” ci spiega Achille Tesseri, Direttore Claims & Collection di Euler Hermes SIAC, consociata italiana di Euler Hermes. “Un grosso impatto finanziario si ottiene a livello di maggior quantità di ordini ripetitivi, minore quantità di reclami e controversie commerciali, una maggiore redditività delle vendite, la flessibilità delle scadenze e la puntualità dei pagamenti, livelli più bassi di insolvenza e di frodi e una quota minore di costi globali per la gestione del credito” è quanto emerge dalla ricerca del CMRC. “Le imprese che assicurano il credito fruiscono di informazioni creditizie e di market intelligence di migliore qualità a costi minori, con un risparmio economico per quanto riguarda il reperimento delle informazioni di riferimento e le ricerche di mercato.

 

MIGLIORI RAPPORTI CON FORNITORI, BANCHE E CLIENTI

Sebbene l’impresa sia libera di informare o meno i fornitori sull’esistenza di un’assicurazione crediti, i sistemi e le procedure di polizza fanno sì che le imprese assicurate costituiscano un “rischio” minore dal punto di vista del fornitore. La ricerca dimostra che, per esempio, le imprese assicurate ottengono delle condizioni di pagamento più favorevoli, in media fino a 7 giorni in più. I termini preferenziali concessi dai fornitori, la possibilità di ottenere una maggiore estensione del credito, gli sconti sulle operazioni commerciali ed una rosa di fornitori più ristretta e stabile, sono tutti fattori che contribuiscono a migliorare la stabilità operativa dell’attività.

In generale, le società assicurate intrattengono rapporti migliori con le banche per il fatto di aver assicurato i propri debiti commerciali. Questo fatto si manifesta in relazioni più lunghe e stabili con gli istituti bancari (5 anni in più per le imprese assicurate) ed un migliore accesso ai finanziamenti a breve e al capitale obbligazionario, con un costo medio più basso per il capitale liquido. Inoltre il 49% delle società assicurate riescono ad ottenere prestiti bancari rispetto al 34% delle società non assicurate ed il tasso medio di interesse applicato alle imprese assicurate è inferiore di circa lo 0,5% rispetto alle società non assicurate.

 

MANCATA PUNTUALITÀ DEI PAGAMENTI: UNA MINACCIA PER LE SOCIETÀ DI TUTTA EUROPA

Una cattiva gestione è quasi sempre la ragione principale della maggior parte delle insolvenze per le società. “Con questa prima ricerca europea sulle modalità di gestione dei crediti, vogliamo dimostrare quello che noi stessi ed altri professionisti danno per scontato: fra tutte le azioni che si possono prendere in considerazione per risolvere il problema delle insolvenze, l’assicurazione crediti rappresenta lo strumento più efficace per proteggere i flussi di cassa presenti e futuri e gli utili delle imprese. Le società assicurate hanno minori risorse bloccate in scorte e in crediti verso i clienti, grazie ad una gestione disciplinata del capitale circolante. Questo aspetto non solo rappresenta un risparmio finanziario, ma significa anche ridurre la vulnerabilità dell’impresa dovuta all’eccessiva esposizione verso i clienti, combinata con una cattiva gestione della liquidità” conclude Achille Tesseri.

 

 

 

Ufficio Stampa Media on-line:

Press Way - Tiziano Pandolfi

tel.: 02 33617665

Mob.:338 6820776

e-mail: pandolfi@pressway.it           

 

           


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl