Assicurazione auto: mai più tacito rinnovo

L'assicurazione auto non si rinnova più automaticamente a causa del tacito rinnovo.

Luoghi Italia, Italia del Nord
Argomenti assicurazioni, economia, commercio

04/gen/2016 14.33.02 Stabile la vendita di pneumatici invernali nel Bel Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’assicurazione auto non si rinnova più automaticamente a causa del tacito rinnovo. Un beneficio per la mobilità assicurativa degli italiani

Il primo gennaio 2013 il Decreto Legge n. 179 ha abolito il tacito rinnovo dei contratti per l’assicurazione auto e moto. In cosa consisteva questa disposizione? Fino alla fine del 2012, alle compagnie assicurative era permesso rinnovare automaticamente la polizza dei loro clienti alla scadenza del contratto. Se una persona voleva cambiare compagnia, oppure sospendere definitivamente la RC auto o moto, perché non adoperava più il veicolo assicurato, o per altri motivi, doveva notificare tale decisione all’assicuratore, che doveva pervenire in forma scritta.

Ovviamente questo decreto ha portato un cambiamento nel mondo delle assicurazioni, visto che a due anni dalla sua messa in atto si sono mostrati i seguenti risultati: la mobilità assicurativa degli italiani è aumentata, perché più liberi di trovare un’assicurazione auto o moto che gli conviene maggiormente. Complice anche la diffusione dei siti dove è possibile confrontare le varie polizze auto e moto, gli italiani hanno potuto risparmiare maggiormente sulle polizze rispetto a pochi anni fa.

Un fatto che si collega anche alla necessità delle compagnie assicurative di rivedere le loro polizze e i prezzi che proponevano agli assicurati. Infatti, finché era presente il tacito rinnovo, le compagnie potevano contare su un certo numero di clienti. Una volta che il mercato è diventato più libero, è stato necessario proporre prezzi più competitivi per attrarre nuovi clienti.

L’intento del Governo, che era quello di rendere i consumatori più consapevoli e aumentare la concorrenza tra le compagnie assicurative, è, quindi, riuscito. L’incremento maggiore nell’uso dei comparatori online è avvenuto soprattutto al Nord, dove i prezzi erano tendenzialmente più bassi rispetto alle altre parti d’Italia e, conseguentemente, si faceva meno uso di questo strumento. Infatti, al Sud le assicurazioni sono solitamente più care e, quindi, i consumatori erano già abituati a comparare le varie polizze per trovare quella più conveniente.

Per quanto questa mossa abbia avvantaggiato molti consumatore, per rendere ancora più snello il mercato delle assicurazioni bisogna prendere ulteriori provvedimenti. È proprio il divario tra Nord e Sud uno dei fattori di maggiore scontento tra gli assicurati. Inoltre, è diffusa la sensazione che i costi dell’RCauto e moto siano particolarmente alti nel nostro paese.


 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl