OBIETTIVO -22%: IL COMUNE DI LISSONE SI IMPEGNA A RIDURRE L’EMISSIONE DI CO2

01/mar/2016 09.46.53 Tramite Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Stretto l’accordo tra ANACI e Comune di Lissone per diffondere la cultura del risparmio energetico: RETE IRENE partner tecnico operativo.                                                                               

Il Comune di Lissone si impegna a ridurre del 22% l’emissione di Co2 rispetto ai dati del 2010 entro il 2020, sottolineando che l’80% delle emissioni è imputabile agli impianti termici degli edifici.

E’ quanto è emerso ieri pomeriggio 27 Febbraio 2016 alle ore 16:00 presso la biblioteca civica del Comune di Lissone, nel corso di un incontro con la cittadinanza coordinato dall’Assessore Giovanni Angioletti, alla presenza del Presidente di ANACI MONZA Renato Greca e di Manuel Castoldi Presidente di RETE IRENE.

Da qui l’impegno del Comune per attivare soluzioni concrete finalizzate alla riqualificazione integrata degli edifici della Città come dichiarato da Giovanni Angioletti, Assessore all’Ambiente e all’Ecologia del Comune di Lissone.

L’obiettivo dell’incontro era puntare l’attenzione sulla necessità di sensibilizzare la cittadinanza e i professionisti locali sul tema della riqualificazione energetica degli edifici. 

Renato Greca ha sottolineato che per concretizzare l’ambizioso obiettivo, il Comune di Lissone ha stretto un accordo con ANACI MONZA finalizzato all’apertura di sportelli informativi con la funzione di diffondere la cultura del RISPARMIO ENERGETICO individuando come  “tramite competente” gli amministratori di condominio.

 L’iniziativa prende avvio dal precedente incontro, tenuto lo scorso 19 Gennaio, dove  l’Assessore Angioletti ed il Presidente Greca hanno raccolto alcuni amministratori ANACI ai quali RETE IRENE si è presentata illustrando le proprie competenze ed attività nell’ambito della riqualificazione energetica degli edifici.

 Durante l’incontro di ieri sono stati analizzati diversi case study di condomini su cui RETE IRENE, scelta come interlocutore professionale competente, ha sviluppato proposte di intervento. Mario Tramontin, Manager di RETE IRENE, ha sottolineato come gli interventi di riqualificazione energetica possono essere più facilmente sostenuti grazie alle detrazioni fiscali e alla possibilità di ricorrere a finanziamenti fino a 120 mesi che abbattono l’impatto economico sulle famiglie.

“I condomini devono considerare gli interventi di RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA come degli investimenti sulla proprietà-  spiega Manuel Castoldi, Presidente di Rete Irene – Le proposte d’intervento sono sviluppate con attenzione verso la sostenibilità economica: il risparmio energetico è garantito contrattualmente e questo rappresenta un fattore di sicurezza e serenità per le famiglie”.

I vantaggi della RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA sono molteplici, dal miglioramento della classe energetica, all’incremento del comfort abitativo, alla riduzione delle emissioni inquinanti prodotte dall’edificio oltre che alla reale riduzione di costi di manutenzione e gestione.

RETE IRENE da appuntamento al convegno formativo “RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: i nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti” in calendario il prossimo 9 marzo presso il Museo dei Navigli. L’evento è indirizzato agli amministratori di condominio e progettisti ma è aperto anche ai cittadini che intendono promuovere iniziative di riqualificazione energetica nei condomini in cui abitano cogliendo le opportunità di risparmio.

 

 

 

Per info

www.reteirene.it

www.riqualificazionenergetica.eu

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl