Battaglia di Nikolajewka, il 26 gennaio 1943 la morte di migliaia di italiani in Russia

Allegati

25/gen/2017 08:53:03 ComunicatiStampa.net Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA > Se non lo vedi correttamente Vedi sul Browser
 
 
 

Battaglia di Nikolajewka, il 26 gennaio 1943 la morte di migliaia di italiani in Russia

Roma, 25 gennaio 2017 - Il 26 gennaio è la ricorrenza della battaglia di Nikolajewka: a seguito di quel giorno del 1943, dalla prima linea fino ai lager sovietici, furono migliaia le morti a seguito di questa battaglia. Lo storico Vincenzo Di Michele ci racconta alcuni episodi di questo capitolo, ancora poco conosciuto, ma che però  fa parte della sanguinosa storia dell' Italia.

"Il contingente italiano che partì per la Russia fu di 220.000 uomini. Le perdite, fra morti e feriti, furono oltre la metà. La dura sofferenza degli italiani tutta descritta nei ricordi di Giulio Bedeschi in quel "Centomila gavette di Ghiaccio " iniziò con  la ritirata di Russia e a seguire nella cruenta battaglia di Nikolajewka dove i nostri soldati riuscirono ad aprirsi un varco e a trovare la via di salvezza verso l'Italia" racconta Di Michele. "Per quelli che invece furono fatti prigionieri fu l'inizio di una vera odissea tra fame, malattie e sofferenze di ogni genere. Si riscontrarono persino episodi di cannibalismo - racconta Vincenzo Di Michele nel libro "Io Prigioniero in Russia" - e molto altro ancora, riportando per l'appunto la testimonianza scritta di un reduce "Alpino della divisione Julia" che fu internato nel lager di Tambov e poi trasferito in Siberia e infine nei campi di cotone del Kazakistan: l'alpino fu uno dei pochi a tornare vivo in patria seppur invalido". "Ma anche la Russia si trovò con un alto numero di prigionieri ed ebbe delle reali difficoltà nel curarli e sfamarli - commenta Di Michele - e poi non si deve dimenticare il sacrificio delle donne russe che con un  cuore da grandi mamme, tolsero il cibo ai loro figli per sfamare i nostri soldati". Dopo la guerra furono vani i tentativi delle autorità italiane di avere notizie dei prigionieri. Le principali critiche si incentrarono su Palmiro Togliatti, membro importante dell'Internazionale Comunista. Solo dopo il 1989, caduto il comunismo, è iniziato  il rimpatrio delle salme e le ricerche dei tanti dispersi continuano ancora tutt'oggi, tanto che pochi mesi or sono è stata individuata una grande fossa comune, un gigantesco cimitero nella steppa russa a circa 800 chilometri a nordest di Mosca, che si calcola sia lungo cinquecento metri e largo un centinaio.   ###   Contatti: info@vincenzodimichele.it www.vincenzodimichele.it    
Vedi online
 
 
 
 
 

Altri comunicati stampa recenti:

 
 
Festa doppia per il Natale Russo dei Vip

Festa doppia per il Natale Russo dei Vip

23 gennaio 2017 - È stata una festa di più giorni quella del Natale Russo che si è tenuta di recente al Grand Hotel Paradiso e che ha visto protagonisti diversi personaggi del mondo dello spettacolo. Un evento che è stato un vero e proprio pretesto per festeggiare, brindare e rilassarsi, con originali momenti di svago. Ecco quindi, tra…
Leggi Tutto...
 
 
Donne in gravidanza: accordo tra Ospedale Bambino Gesù e Altamedica

Donne in gravidanza: accordo tra Ospedale Bambino Gesù e Altamedica

Roma, 23 gennaio 2017 - L'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e Altamedica hanno chiuso un accordo a favore delle donne in gravidanza.

Insieme, queste due prestigiose realtà romane, hanno sottoscritto un accordo per creare virtuose sinergie nell’ambito della formazione, della clinica e della ricerca al fine di strutturare…

Leggi Tutto...
 
 
Voucher lavoro, convengono o no?

Voucher lavoro, convengono o no?

Roma, 20 gennaio 2017 - Voucher lavoro, strumento di contrasto al lavoro nero e al precariato o nuova forma di lavoro nero legalizzato? E cosa sono e come si usano veramente i voucher? Oggi approfondisce il discorso voucher la piattaforma informazione e discussione di Pro\Versi, che pubblica un testo di approfondimento sui "buoni lavoro", utilizzati…
Leggi Tutto...
 
 

Valchiavenna: "Salviamo i crotti e le antiche tradizioni lombarde"

Chiavenna, 19 gennaio 2017 - "Salviamo i crotti della Valchiavenna e le tradizioni lombarde prima che sia troppo tardi. Perseveriamole per mantenere alto l’interesse nei confronti della nostra storia, per evitare di arrivare al punto di non ritorno". È questo il grido di allarme che si alza dalla Valchiavenna. Per chi non lo sapesse il

 

Sanremo, anche quest'anno le star del web "gonfieranno i numeri"?

Sanremo, 18 gennaio 2017 - La popolarità dei Youtubers è uscita da tempo dalla realtà mediatica e sociale di internet per entrare nei media tradizionali, a partire dalla Tv. Alcuni di loro li abbiamo visti cavalcare il palco di Sanremo l'anno scorso e anche quest'anno durante lo show televisivo del Festival della musica italiana, che si svolgerà dal…

Dalle Marche a Parigi, il cristallo acrilico di VESTA conquista la "Maison et Objet"

Ancona, 17 gennaio 2017 - È grande attesa per conoscere le novità in cristallo acrilico della marchigiana VESTA. Le ultime creazioni per la casa in acrylic crystal saranno presentate venerdì 20 gennaio all'importante "Maison & Objet" di Parigi (20-24 gennaio) e a seguire verranno presentate alla HOMI di Milano, il salone degli stili di vita già definito il "Macef 2.0", che…

 
 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl