Comunicato stampa: Saltarella di Illa

29/ago/2007 18.20.00 Prima&Goodwill Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Saltarella

 

Un modello professionale per saltare la pasta, per primi piatti a regola d’arte

 

 

 

Saper cuocere la pasta al punto giusto è la base per un buon primo piatto, ma è dopo averla scolata che si vede la maestria in cucina! Amalgamare bene il condimento alla pasta ancora calda in un recipiente capace, ampio e dal manico robusto è il segreto di un sapore ricco e avvolgente, che si apprezza ancora di più quando il clima invita a gusti corposi. Ecco quindi Saltarella di Illa che, pur entrando in scena alla fine della ricetta, dà inizio al successo in tavola!

 

Saltarella è un modello professionale specificamente dedicato a saltare la pasta: il suo particolare diametro di 29 cm è l’ideale per mantecare la pasta con ogni tipo di condimento, assicurando la giusta distribuzione del calore tra i vari ingredienti in uno spazio ottimale. L’interno in Teflon classic antiaderente esclude il rischio di attaccamento e bruciature e il manico ergonomico in acciaio inox favorisce al massimo la gestione del movimento per amalgamare pasta e sugo. Un articolo da vero chef, che rende ancora più piacevole dedicarsi alla cucina con la consapevolezza di una prestazione superiore; un’occhiata all’esterno argentato, alla linea capiente e affusolata e alla lucidità del manico fa venire sempre più voglia di elaborare ricche ricette!

 

Ecco dunque il segreto dei primi piatti che sono il fulcro della cucina italiana: far saltare a fiamma viva la pasta scolata in leggero anticipo insieme al condimento già caldo. Il tutto ovviamente con Saltarella di Illa!

 

 

 

Una ricetta ispirata a Saltarella:

“pasta di mare e di orto”

 

I cuochi provetti sanno che “il salto della pasta” è una fase particolarmente delicata nelle ricette basate su ingredienti il cui gusto crea deliziose combinazioni: il condimento non può sobbollire a lungo per non perdere le peculiarità di consistenza e aroma ma, contemporaneamente, deve “rilasciare” il suo sapore e impreziosirlo con i “compagni di Saltarella”. Eccone un (ottimo) esempio: (per 4 persone) far bollire in acqua salata 400 gr di bavette o reginette. Nel frattempo lavare e tagliare 4 zucchine medie a pezzi piccoli e versarle nella Saltarella con 4 cucchiai di olio, uno spicchietto d'aglio e un pizzico di peperoncino; coprire e far cuocere a fiamma viva. Girare spesso e, a metà cottura, aggiungere 8 pomodorini rossi, privati dei semi e tagliati a metà. Continuare la cottura a fuoco dolce per qualche minuto e, quando i pomodorini saranno morbidi e le zucchine leggermente colorate, spegnere il fuoco. A parte, scottare velocemente in acqua leggermente salata 300 gr di gamberetti sgusciati e trasferirli subito nella Saltarella; quando la pasta è quasi cotta, scolarla ancora al dente e saltarla nella Saltarella con tutti gli ingredienti. Quando il tutto è perfettamente amalgamato, completare con una spolverata di prezzemolo tritato fresco. E ora, far saltare il tutto direttamente dalla Saltarella al piatto!

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl