TEDx Talk: "Per difenderci dalle bufale contiamo fino a dieci"

Allegati

27/apr/2017 10:15:07 ComunicatiStampa.net Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA > Se non lo vedi correttamente Vedi sul Browser
 
 
 
ComunicatiStampa.net
 
 

TEDx Talk: "Per difenderci dalle bufale contiamo fino a dieci"

Roma, 27 aprile 2017 - È stato pubblicato in questi giorni il video del TEDx Talk in cui si parla del fenomeno delle bufale online e spiega come è possibile difenderci dalle insidie delle false notizie online. Il Talk, tenuto da Daniele Virgillito, giovane autore e blogger, riporta un’analisi della situazione attuale ed una guida su cosa possiamo fare per fermare il fenomeno dilagante delle “fake news”. Le false notizie oggi si diffondono in rete e sui social networks molto facilmente a causa delle condivisioni istintive degli utenti, che molto spesso non leggono nemmeno l’intera notizia ma si limitano solo a condividerla perché stimolati a farlo da determinate motivazioni. Virgillito si era già fatto notare qualche anno fa, quando il suo esperimento sulle finte citazioni di Wikipedia era diventato virale. L’esperimento su Wikipedia ha ingannato anche l’ex Sindaco di Milano Letizia Moratti, che in un discorso pubblico commentò entusiasticamente una frase inventata attribuita a Don Baget Bozzo. E nel TEDx Talk si cita proprio questo caso per dimostrare come le bufale (anche innocue) possano farsi strada per via della disattenzione dei professionisti dell’informazione. Nel suo TEDx talk Virgillito mette in luce come il web sia ormai invaso da una quantità crescente di bufale su politica, società, tecnologia, salute e diversi altri argomenti che stanno a cuore agli utenti di internet. Basta pensare che durante le ultime elezioni presidenziali negli USA, un uomo ha addirittura imbracciato un fucile a seguito di una notizia inventata riguardante un immaginario caso di pedofilia che avrebbe avuto come protagonista nientemeno che Hillary Clinton. Le bufale sul web toccano poi gli ambiti più a cuore dei navigatori come politica, salute, tecnologia e dibattiti sulla società. Un fenomeno che è stato creato dalla voglia di guadagno che porta ad inventare notizie clamorose di sana pianta per attirare traffico e clic sulle pubblicità e quindi guadagni con diversi zeri vista la mole di traffico che riescono a catturare. Un fenomeno che sta attirando sempre più falsificatori, che contribuiscono ad inquinare la rete ed il dibattito pubblico. A Veles, ad esempio, una cittadina di 40.000 abitanti, diversi gruppi di teenager si sono arricchiti creando finti magazine politici e riempiendoli di notizie completamente inventate su Trump e Clinton. I contenuti “acchiappa clic” stanno sempre più inquinando il web insomma e stanno mettendo a rischio la libera informazione con le relative pericolose conseguenze. Secondo diversi esperti la stessa elezione di Donald Trump alla Casa Bianca sarebbe stata favorita dalla diffusione su larga scala di un’enorme mole di notizie false circolate sul web sul conto di Hillary Clinton. Ma di chi è la colpa di tutto ciò? Solo delle piattaforme tecnologiche? Se da una parte i colossi del digitale come Facebook e Google stanno adottando delle contromisure, questo non deve distrarci dalla nostra responsabilità di “cittadini digitali”. “Chi fabbrica bufale fa appello alla nostra forma di pensiero meno critica, e più istintiva e irrazionale. Le leve psicologiche sono semplici ma efficaci, come la paura del diverso, che spinge in tanti a dare credito a numerosi siti che propagano notizie inventate su presunti crimini commessi da migranti ed extracomunitari“ spiega Virgillito. O come il dibattito sui vaccini, inquinato ad esempio dalle false notizie, diffuse da numerosi agitatori online, che vedono i vaccini provocare la sindrome di Down. Notizia assolutamente falsa e mai provata finora da nessun studio scientifico. I contenuti acchiappa clic non appartengono però solamente ai “fabbricanti di bufale” e nel TEDx Talk si evidenzia che gli stessi modelli di business del giornalismo debbano cambiare ed evolversi per far sì che l’informazione debba puntare ad informare bene, e non solamente ad attrarre traffico sul proprio sito web. Se i contenuti viaggiano in maniera incontrollata su internet è perché, secondo uno studio, il 59% degli articoli sui social media vengono condivisi da tutti noi senza essere stati nemmeno letti, vittime della “smania di condivisione”. Secondo Virgillito “internet è sulle spalle di tutti noi e come con tutti i beni comuni è una nostra precisa responsabilità preservarla da ogni tipo di menzogna e falsificazione”. E se vogliamo godere appieno dei suoi benefici dobbiamo ricordare a noi stessi e tutti quelli che ci stanno intorno a cliccare e condividere con cautela le notizie, facendo attenzione che la notizia sia verificata e sia stata diffusa solo da fonti autorevoli. “L’unico modo per difenderci dalle menzogne e difendere la rete dalle bufale è che prima di condividere si conti fino a dieci, per non cadere vittime dell’istinto della condivisione automatica, senza nemmeno sapere la veridicità di quanto stiamo condividendo” conclude Virgillito. Dal TEDx Talk sulle bufale è partito l'hashtag #primadifareclic, per continuare sui social il dibattito sulle bufale online, con la pubblicazione e condivisione di materiale che possa arricchire il dibattito sull’argomento e difendere tutti noi dalle false notizie.     Cartella foto del TEDx Talk: https://drive.google.com/drive/folders/0B1XKQm-tQARQX3FfLXFDS192YlE       ###     Contatti stampa: danielevirgillito@gmail.com           Tag: bufale online, bufale scientifiche, bufale facebook, notizie bufale, notizie false, bufale internet, bufale web,

Vedi online
 
 
 
 
 

Altri comunicati stampa recenti:

 
 
Da oggi le dimore storiche in Toscana si prenotano online

Da oggi le dimore storiche in Toscana si prenotano online

Firenze, 26 aprile 2017 - Tuscany Business Agency, ha lanciato dopo più di sei mesi di ricerca e progettazione, attraverso la divisione turistica dell'azienda, l'atteso portale Tuscanybusinessagency.com, con servizio di prenotazione ville e dimore storiche in Toscana. Il dinamico team di TBA Holidays ha infatti visitato, nelle ultime settimane, le tante strutture che fino a od…
Leggi Tutto...
 
 
È Michele Tiberi il primo italiano diplomato all’accademia di percussioni africane di Dakar

È Michele Tiberi il primo italiano diplomato all’accademia di percussioni africane di Dakar

Dopo 4 anni in Senegal Kaio regala all’Italia un’unicità diventando il primo italiano ad aver ottenuto un diploma in percussioni africane...

Ancona, 26 aprile �“ Kaio, all’anagrafe Michele Tiberi, è il primo percussionista italiano ad aver ottenuto il diploma di percussioni africane frequentando l’École Nationale des Arts di Dakar, in Senegal. Trova il suo spazio in…
Leggi Tutto...
 
 
L'attrice Francesca Cavallin nella giuria del Premio Penisola Sorrentina

L'attrice Francesca Cavallin nella giuria del Premio Penisola Sorrentina

“I premi servono a fare sistema in Italia”, dichiara l’attrice veneta che interpreta Pina nella fiction“ Di padre in figlia”  girata a Bassano del Grappa ed in onda in queste settimane su RAI 1 in prima serata Piano di Sorrento (Na), 26 aprile 2017 - - Prosegue ed entra sempre più nel vivo l’organizzazione della…
Leggi Tutto...
 
 

Esce "12 maggio 2016", il brano di debutto dell'attore Beppe De Francesco

Roma, 26 aprile 2017 - Si chiama "12 Maggio 2016" ed è il titolo del brano di debutto del cantante ed attore Beppe De Francesco. Una canzone che è la prima assoluta dell'artista triestino di origini abruzzesi, che vuole essere un omaggio alla storia d'amore con la sua compagna, e che rappresenta una data speciale per la coppia…

 

Calcio: parte a Bellaria la selezione dei futuri campioni per squadre di serie A, B e Lega pro

Rimini, 26 aprile 2017 - Si terrà il 27, 28 e 29 aprile a Bellaria-Igea Marina uno stage di calcio di 3 giorni dedicato a giovani delle annate dal 1998 al 2004, organizzata dalla Rock&Football sotto la guida attenta del procuratore e manager Gigi Liviero. Una 3 giorni dove i ragazzi sotto la guida attenta dello staff…

Banche: nasce la compliance adattativa 2.0, in grado di calcolare l'EVA

Milano, 24 aprile 2017 - Ideato un nuovo modello di compliance, la compliance adattativa 2.0, che misura anche il valore creato nel profilare e controllare il rischio finanziario di una istituzione. Oggi più che mai è necessario infatti controllare il funzionamento del rischio all'interno di una istituzione finanziaria, ma questo è sempre stato visto come…

 
 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl