GRUPPO ANGELO PO, L'ITALIA SU CUCINA LA CINA

04/mar/2008 14.39.00 PRS INTERNATIONAL Srl Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

GRUPPOANGELO PO, L’ITALIA SI CUCINA LA CINA

Gli specialisti in attrezzature perla ristorazione professionale (fatturato: oltre 105 milioni) sbarcano aShanghai per aggredire un mercato da 150 milioni di euro

CARPI (MO) – Prosegue il piano di espansione in Cina del gruppo AngeloPo, leader nelle attrezzature perla ristorazione professionale (fatturato2007: 105 milioni, +14%; ebitda stimato: circa 11 milioni). Dopo tre anni di approfondite indagini dimercato, partecipazioni a fiere e investimenti pubblicitari, a gennaio ilgruppo ha aperto una filiale da 1.100 mq. nelquartiere più prestigioso di Shanghai: un investimento da 1 milione di euro per cogliere l’obbiettivo dei 5 milioni di fatturato nel primo triennio.«Il mercato cinese del foodserviceprofessional – spiega ilpresidente Amerigo Po – vale 150milioni di euro e cresce a ritmi esponenziali. Noi intendiamo esseretra i suoi protagonisti».

Intantoun primo rilevante successo in terra cinese è già stato ottenuto: la societàmodenese ha conquistato l’appalto per la fornitura delle cucine per ilcatering dell’aeroporto internazionaledi Cantonche, costato 19,8 bilioni diyuan, con i suoi 31milioni di passeggeri l’anno è il terzodel paese. Nel 2009, poi, cominceranno i lavori del secondo terminal;si calcola che l’anno successivo, quando lo scalo funzionerà a pienoregime, il numero dei passeggeri in transito supererà la soglia degli 80milioni.

Lastrategia di penetrazione del mercato cinese messa a punto dal gruppo prevedeanche un’azione di diffusione della cultura culinaria italiana attraversola I.T.A.,Italian Taste Academy, associazione no profit di aziende del settoreimpegnate a promuovere l’eccellenza della nostra cucina nel mondo. Laprima sede I.T.A. sta per sorgere proprio a Shanghai,e qui a marzo verrà realizzato un centro studi aperto a quanti voglianoapprofondire la conoscenza della gastronomia italiana.

Un altro importante traguardo è stato raggiunto in Spagna. Ilgruppo Angelo Po si è aggiudicato la fornitura di tutti gli allestimenti per laristorazione “made in Italy” dell’esposizione internazionale di Saragozza, in programma tragiugno e settembre, per la quale sono attesi 7 milioni e mezzo di visitatori.Dice ilpresidente: «La commessa, del valore di 1 milione, ci porterà un ritornostraordinario in termini di immagine e un importante allargamento del nostrogiro d’affari a livello internazionale».

Il 50% della produzione Angelo Po è destinato all’estero. Tra i mercati di riferimento, quellispagnolo, francese e inglese, con un fatturato totale di 22 milioni e unacrescita media dell’8%. In complesso i ricavi dell’export sono superiori ai 52 milioni, in aumentorispetto al 2006 del 14,2%.Un’analoga crescita viene prevista per il 2008, con oltre 60 milionidi fatturato. «Sono risultati positivi – commenta Amerigo Po– ottenuti anche grazie alla rete di proficue relazioni che abbiamosaputo intessere con gli chef più famosi. Oggi le grandi cucine Angelo Po sonopresenti in alcuni tra i più quotati hotel e ristoranti del mondo».

Compostoda Angelo Po Grandi Cucine, Sagi, Enofrigo e Rational Production, il gruppo èguidato operativamente dall’amministratore delegato Livio Gialdini, instretto coordinamento con i nipoti del fondatore – Amerigo (presidente),Alessandro (coordinatore mercato italiano) e Rossella Po (responsabile risorseumane). Grazie anche all’ingresso nel mercato cinese e al rafforzamentodei propri marchi in tutta Europa – e in particolare in Spagna,Inghilterra e Francia – si prevede di chiudereil 2008 aquota 116.600 milioni, con un ulterioreaumento dell’11%, a fronte di 10 milioni e mezzo di investimenti.

 

*************************************************

PRSConsulting Group

Via SanFelice, 98

40122Bologna

Tel.051/52.24.40

Fax051/55.38.57

mailto:prs@prs.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl