CIGS EUTELIA/EUNICS Napoli: La Regione Campania deve intevenire concretamente

CIGS EUTELIA/EUNICS Napoli: La Regione Campania deve intevenire concretamente La sede Eunics-Eutelia di Napoli ha preso in eredità quanto è rimasto sul territorio campano dei cospicui interventi finanziati dalla L.64 negli anni 80 e 90 per l'industrializzazione del Sud.

05/mag/2008 11.00.00 Lavoratori Getronics Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La sede Eunics-Eutelia di Napoli ha preso  in eredità quanto è rimasto sul territorio campano dei cospicui interventi finanziati dalla L.64 negli anni 80 e 90 per l'industrializzazione del Sud. Furono stanziati all'epoca "CENTINAIA DI MILIARDI" di lire per creare un polo tecnologico di prim'ordine. A distanza di poco più di 10 anni, cosa resta di tutto ciò?

Zero assoluto.

Questo scempio di denaro pubblico è potuto avvenire in virtù della solita, ben consolidata, sudditanza della politica alle imprese ed alle società finanziarie private le quali hanno potuto contare su cospicui supporti economici pubblici "a pioggia" senza rendere alcun conto del loro successivo operato. Questa è la politica italiana: al servizio esclusivo delle imprese, pure quando queste imprese assumono verso i lavoratori, verso il mercato e verso le istituzioni comportamenti assolutamente NON ETICI. Forse, affianco alle lotte per il mantenimento del posto di lavoro, è venuto il momento di dare un segnale forte ai nostri politici: questi signori DEVONO capire che gli interessi dei lavoratori non devono essere mai più subordinati a quelli delle lobby.
Vi invitiamo quindi a scendere concretamente in campo per evitare che si banchetti sui resti dell'unica realtà campana che integra TLC/ICT
Centinaia di famiglia che corrono il rischio reale di vivere con meno di 800€ al mese , di vedere vanificati anni di sacrifici  e di umiliazioni dopo la solita pioggia di miliardi a cascata sprecati e spariti.
I superstiti della Olivetti di Pozzuoli, quei pochi fortunati (?) che non andranno i CIGS corrono il rischio di essere infine deportati ad Avellino poichè nulla ancora si è fatto per individuare una sede decente per la città di Napoli.
Non vogliamo essere la città della monnezza e del sussidio di stato
Vogliamo che si intraprendano percorsi condivisi per individuare soluzioni concrete che UNA VOLTA PER TUTTE ci liberino dalle paure, dalle vessazioni continue e dalle angoscie degli ultimi anni
 
 
I LAVORATORI E LE LAVORATRICI EUNICS di Napoli
 


Live Search Maps Vorresti un pub diverso dal solito? Cercalo con Live Search Maps!
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl