EUTELIA/EUNICS : Futuro a rischio .. in Toscana la regione vuole vederci chiaro

Il previsto incontro che era stato richiesto dal Sindacato da oltre 6 mesi per capire quale piano industriale e quali prospettive dare alle lavoratrici e lavoratori di EUTELIA si è svolto ieri al Ministero per lo Sviluppo Economico (MSE).

13/mag/2008 16.10.00 Lavoratori Getronics Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

articolo da Nove da Firenze - Notizie da Firenze e dalla Toscana: news di cronaca, cultura, sport, economia...

Eutelia: futuro a rischio.


Il previsto incontro che era stato richiesto dal Sindacato da oltre 6 mesi per capire quale piano industriale e quali prospettive dare alle lavoratrici e lavoratori di EUTELIA si è svolto ieri al Ministero per lo Sviluppo Economico (MSE). L’azienda ha inviato pochi giorni prima dell'incontro una procedura di CIGS (cassa integrazione straordinaria) per crisi aziendale per 772 lavoratori per 12 mesi.

La Società non era rappresentata da nessuno della famiglia Landi (che detiene il pacchetto di maggioranza delle azioni) e non ha presentato nessun piano industriale degno di nota.

La società ha dichiarato che la crisi è reale e profonda e che si sarebbe materializzata soprattutto nel settore operante nelle IT, in quanto il fatturato di questo settore continua a decrescere e l’azienda è in difficoltà a retribuire i 2800 dipendenti. Oltre alla richiesta di CIGS nei prossimi giorni l’azienda comunicherà anche la probabile chiusura di sedi ed il conseguente trasferimento dei lavoratori.

Le OO.SS. hanno ribadito la richiesta di visionare il piano industriale del 2008.

Attualmente Eutelia occupa complessivamente 2717 addetti. Per quanto riguarda le prospettive della I.T. “l'idea” sarebbe quella, a differenza del passato, di puntare sulla PMI promuovendo la piattaforma interna EOS (in sostanza la vecchia intra aziendale...sic!). Se questa sarebbe la strategia per uscire dalla crisi, altro che perplessità sul presunto piano industriale, temiamo che dal punto di vista industriale siamo alla frutta. Se mettiamo questa grande strategia industriale insieme alla comunicazione dell’Amministratore Delegato di uscire dal mercato della Pubblica Amministrazione, è chiaro qual è la prospettiva dell’azienda, una fortissima riduzione degli occupati. In attesa della convocazione al Ministero del lavoro per discutere la crisi, le OO.SS. e il Coordinamento avvieranno subito assemblee in tutte le sedi per preparare le prime iniziative di lotta locali e in previsione del confronto sulla CIGS, una giornata di mobilitazione nazionale con iniziativa centrale.

Per quanto riguarda la Toscana attualmente sono impiegati circa 130 lavoratori nel settore IT dei quali 20 (così come da comunicazione aziendale) saranno messi in Cassa Integrazione tra pochi giorni.

In considerazione delle affermazioni fatte dall’azienda riteniamo che la volontà di uscire dal mercato della Pubblica Amministrazione (circa 40 lavoratori sono stabilmente impiegati in contratti con la Regione Toscana e/o ASL) non rappresenti una soluzione alla crisi in quanto tutte le società del settore mantengono rapporti di collaborazione con le PA. Inoltre la ventilata strategia per uscire dalla crisi rischia di diventare, in un territorio come quello toscano con realtà industriali atomizzate e quindi con scarsi fabbisogni di gestionali professionali, un palliativo.

La situazione quindi ci appare, anche nella nostra Regione, molto preoccupante e l’impressione è quella che queste scelte peggioreranno la situazione.


Economia | 13/05/08 a8.05.13.14.40


Windows Live Messenger Non frenare la tua voglia di comunicare, prova Messenger!
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl