l’energia solare. Dal Sole acqua calda per l’uomo e rispetto per l’ambiente

29/mag/2008 14.00.00 digitalpress Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Come ottenere risparmio energetico nelle nostre abitazioni. Gran parte dell’energia prodotta e utilizzata quotidianamente nei paesi occidentali serve agli usi delle abitazioni civili. Riscaldamento, refrigeramento, produzione di acqua calda ed energia elettrica assorbono gran parte delle risorse energetiche a nostra disposizione.
 
Risparmio energetico. In queste due parole è racchiuso tutto il senso di un nuovo modo di vivere l’abitazione nel rispetto dell’ambiente. Gran parte dell’energia prodotta e utilizzata quotidianamente nei paesi occidentali serve agli usi delle abitazioni civili. Ciò significa che nelle nostre case, impianti di riscaldamento, refrigeramento, produzione di acqua calda ed energia elettrica assorbono gran parte delle risorse energetiche a nostra disposizione. Il risparmio energetico è un modo di vivere prima che un dovere civile e ambientale che ci impegna con le generazioni future. Ecco perché ricorrere a fonti rinnovabili per la produzione di energia domestica o cambiare comportamenti quotidiani è il primo passo verso un vero risparmio energetico, che può portare benefici notevoli anche alle nostre tasche: al risparmio energetico corrisponde infatti un risparmio economico proporzionale se non addirittura superiore.
Il sole è un’energia pulita, rinnovabile e illimitata, oltre che fonte di vita per l’intero pianeta. In generale l’energia del sole può essere sfruttata sia per produrre acqua calda e quindi per riscaldarci, attraverso i pannelli solari, sia per produrre energia elettrica attraverso i cosiddetti pannelli fotovoltaici. Questi sistemi contribuiscono enormemente al risparmio energetico poiché, oltre ad utilizzare una fonte rinnovabile, minimizzano gli sprechi. In Italia lo spreco di calore arriva mediamente a circa 500 KWH/mq l’anno. In latri pesi europei è la normativa a porre dei limiti agli sprechi per incentivare il risparmio energetico: in Svezia la perdita di energia termica ossia di calore non deve superare i 60 KWH per mq. l’anno. In questi paesi, come in Germania, il risparmio energetico è incentivato dal ricorso a tecniche di edilizia e bio edilizia che tengono conto di un utilizzo dei materiali isolanti e coibentanti, anche naturali, per ridurre le dispersioni di calore. Dal punto di vista dell’impiantistica il ricorso a pannelli solari e fotovoltaici è molto diffuso, nonostante il clima sia decisamente più rigido che in Italia. Nel nostro paese l’energia solare potrebbe essere utilizzata in maniera più diffusa col duplice vantaggio costituito dal risparmio energetico e dalla tutela dell’ambiente.
In questa direzione vanno le recenti normative che mirano proprio ad incentivare il risparmio energetico nelle abitazioni. Il D.Lgs. 192/2005 che ha recepito in Italia la direttiva europea 2002/91/CE, aveva stabilito una serie di misure dirette a ridurre il consumo di energia di tutti gli edifici presenti sul territorio italiano, introducendo la Certificazione energetica degli edifici.
Due norme successive hanno innovato il regime giuridico relativo alla riqualificazione energetica degli edifici:
1) il D.Lgs. 311/2006 (Disposizioni correttive ed integrative al D.Lgs. 192/2005) modifica la disciplina della certificazione energetica e la metodologia di calcolo per il rendimento energetico degli edifici;
2) il D.M. 19 febbr 2007 (Disposizioni in materia di detrazioni per le spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente) prevede detrazioni d’imposta per spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente, considerando la detrazione del 55% per le spese documentate sostenute entro il 31 dicembre 2007 relative ad interventi di ri-qualificazione energetica degli edifici ed individua le tipologie di spese ammesse e la procedura da seguire per fruire dei benefici fiscali.
In questo modo le abitazioni in cui, ad esempio, siano installati pannelli solari per la produzione di acqua calda possono ottenere la certificazione energetica in quanto contribuiscono al risparmio energetico, e allo stesso tempo possono godere di un sicuro risparmio economico grazie agli incentivi statali.

Vodu, la prima tribe marketing agency italiana, specializzata in marketing online


 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl