COMUNICATO STAMPA: STAMINALI, STEMWAY BIOTECH SCRIVE A SACCONI E PROPONE TAVOLO CONSULTAZIONE

COMUNICATO STAMPA: STAMINALI, STEMWAY BIOTECH SCRIVE A SACCONI E PROPONE TAVOLO CONSULTAZIONE COMUNICATO STAMPA STAMINALI: STEMWAY BIOTECH (ASSOBIOBANCHE) SCRIVE A SACCONI E PROPONE TAVOLO DI CONSULTAZIONE CON IL SETTORE Rivedere la legge entro il 30 giugno, termine ultimo per creare una rete nazionale di banche per la conservazione delle staminali da cordone ombelicale Roma, 11 Giugno 2008.

11/giu/2008 16.10.00 STEM WAY BIOTECH Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

COMUNICATO STAMPA

 

STAMINALI: STEMWAY BIOTECH  (ASSOBIOBANCHE) SCRIVE A SACCONI E PROPONE TAVOLO DI CONSULTAZIONE CON IL SETTORE

 

Rivedere la legge entro il 30 giugno, termine ultimo per creare una rete  nazionale di banche per la conservazione delle staminali da cordone ombelicale

 

Roma, 11 Giugno 2008. StemWay Biotech Ltd, socio fondatore di AssoBiobanche, ha inviato una lettera al ministro del Welfare Sacconi al fine di sensibilizzare il governo sulla necessità di realizzare un nuovo quadro normativo nazionale sulla conservazione di cordoni ombelicali, in vista anche dell'imminente scadenza (30 giugno) del rinnovo dell'Ordinanza ministeriale del precedente Ministro Turco e dei termini di legge del Decreto Legge 31 dicembre 2007 n. 248.

 

StemWay Biotech Ltd auspica che il Governo avvii un tavolo di consultazione, insieme a tutti gli altri stakeolder interessati dalla materia, con l'obiettivo di giungere ad avere, anche in Italia, un assetto normativo di settore efficace, solidale ed etico.

 

 E' il 30 giugno il termine previsto dal decreto Milleproroghe del febbraio scorso per istituire la rete di banche del sangue di cordone ombelicale pubbliche e private. La novità che si vuole introdurre è che d'ora in poi anche in Italia potrebbe essere possibile, per i privati, conservare le cellule staminali di cordoni ombelicali in strutture pubbliche o in quelle private accreditate e livello nazionale, senza oneri per il Sistema Sanitario Nazionale, e previo consenso ad una successiva donazione per trapianto in caso di necessità, secondo la formula di compromesso dell'autologa solidale. 

 

Afferma Paolo Rubini, vicepresidente del Gruppo: "va favorito e semplificato lo  sviluppo della conservazione autologa (privata), affermando con chiarezza la libertà di scelta dei genitori in merito al destino delle cellule staminali del proprio bambino. Se un domani questo bambino avrà bisogno di cure con cellule staminali potrà utilizzare le proprie, che sono state conservate per lui presso le banche private. Inoltre, va anche considerato che la scelta delle conservazione autologa presso banche private non determina alcun costo per il sistema sanitario pubblico, contrariamente quanto accade per la donazione".

 

 Secondo l'Istat su 560.010 nascite nel 2006 in Italia, solo lo 0,46% (2.623 casi) ha deciso di donare le staminali del cordone per uso eterologo, e ben l'1% (5.137 casi, il doppio delle donazioni) ha deciso di portare queste staminali in banche estere, quindi per un uso autologo.  

 

StemWay Biotech Ltd chiede al governo di:

 

v     Diffondere una reale cultura della conservazione e donazione delle cellule staminali cordonali, quale patrimonio individuale e collettivo che non deve essere disperso come è finora è accaduto;

v     Consentire alle imprese del settore di effettuare una corretta e completa informazione ai genitori in merito ai propri servizi, al fine di permettere alle coppie una libera e consapevole scelta in materia di conservazione o donazione delle cellule staminali del proprio neonato;

v     Semplificare l'iter amministrativo di autorizzazione all'esportazione delle cellule staminali cordonali presso banche estere di conservazione;

v     Consentire anche in Italia la possibilità di istituire banche private di conservazione autologa ed autologa-solidale (come già avviene in Spagna);

v     Inserire la normativa sulle cellule staminali in quella relativa alle cellule e tessuti umani e non nell'ambito della normativa sul sangue e gli emoderivati, recependo integralmente la Direttiva 2004/23/EC solo parzialmente attuata con il Decreto Legislativo 6 novembre 2007 n.191,

v     Inserire tra le strutture autorizzabili quali "Istituto di cellule e tessuti" anche le strutture private, modificando l'art.3, comma q) del Decreto Legislativo 6 novembre 2007 n.191, coerentemente a quanto previsto nell'art.3, comma o) della Direttiva 2004/23/EC;

v     Definire, in modo omogeneo sul territorio nazionale, le procedure e l'operatività assicurata negli Ospedali Pubblici in materia di prelievo del sangue cordonale in occasione del parto.

 

StemWay Biotech Ltd è una knowledgement company attiva nel settore delle cellule staminali ed è socio fondatore di AssoBiobanche, l'associazione di categoria che raggruppa le imprese nazionali ed estere operanti nel settore della ricerca e dei servizi in materia di cellule e tessuti umani.

 

 

 

 

Ufficio Stampa

StemWay Biotech Ltd

Via Ennio Quirino Visconti, 90

Phone: 06.32650308

00193 Roma

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl