Lehman Brothers, si poteva prevedere?

18/set/2008 12.14.41 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Si poteva prevedere e c’è chi lo ha fatto: Beppe scienza ha aggiornato il suo sito, con una nota relativa a Lehman Brothers. La riportiamo perchè come dice lo studioso: “non si trattava di essere profeti: bastava avere un minimo di competenza e, magari, un milligrammo di senso critico.”

obbligazioni Lehman Brothers: a fine 2003 incominciai a riportare in un’apposita scheda (versione del dicembre 2003) alcune obbligazioni indicizzate all’inflazione, fra cui una della Lehman Brother con la seguente testuale precisazione, che mantenni fino all’aggiornamento di inizio agosto 2008:
«Il problema è l’emittente. Lasciamo perdere i vari rating che significano poco: la sostanza del discorso è però chiara. Il puntuale pagamento della OATei 2012 è certo: badare ai rating dello stato francese è superfluo: alla data della scadenza la Francia esisterà e pagherà puntualmente i suoi debiti. Che i fratelli Lehman nel 2013 esisteranno ancora, come società, è invece incerto. Il loro fallimento non implicherebbe certo un bouleversement degli assetti politici mondiali che causerebbe la (inimmagibabile) sparizione della Francia. Conclusione: uno potrebbe anche mettere a cuor leggero tutto il suo patrimonio in OATei, mentre sarebbe un bell’azzardo metterlo integralmente in Lehman Brothers Treasury 10-10-2013».

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl