G8 di Genova: quelle ingiustizie a carico della polizia, e i veri torturatori mai scovati

10/lug/2020 13:18:37 ComunicatiStampa.net Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA > Se non lo vedi correttamente Vedi sul Browser
 
 
 
ComunicatiStampa.net
 
 

G8 di Genova: quelle ingiustizie a carico della polizia, e i veri torturatori mai scovati

Per Enrico Zucca, tra i magistrati del processo Diaz non si è riusciti ad identificare e consegnare alcun torturatore, e chi li ha coperti è ora ai vertici delle forze di polizia

Genova, 10 luglio 2020 �“ Si chiama “G8. Processo al processo �“ Indagine su sette capisquadra di polizia travolti da errori commessi dalla Giustizia“, ed è il libro inchiesta appena uscito, il cui scopo è chiedere una reale giustizia su quanto accaduto.

A 19 anni dal G8 di Genova (luglio 2001), il libro, edito dalla Spring Edizioni, analizza l’esito processuale della mattanza della scuola Diaz, partendo dalle analisi di uno dei reparti mobili che ha partecipato alle azioni di piazza e che era presente, quella sera, nella scuola.

Attraverso lo studio analitico dei fatti e quello delle carte processuali, l’autore, Roberto Schena, solleva dubbi sulla volontà di scovare i nomi dei responsabili materiali delle gravissime percosse ai manifestanti e dimostra che alcuni degli agenti incriminati non sono stati accusati di specifici atti violenti, ma generalmente di “non aver impedito” i gravi fatti.

Le analisi sugli strumenti utilizzati per torturare i manifestanti inermi, non sono state approfondite, per stessa ammissione degli esperti: sono stati esaminati solo 122 degli almeno 300 manganelli utilizzati, gli studi si sono basati solo sulle tracce visibili e non hanno neanche cercato eventuali residui di prodotti per la pulizia, che avrebbero cancellato ogni segno.

I nomi degli accusati, poi, sono venuti fuori scorrendo le firme sui verbali di azione, senza evidentemente fare abbastanza per riuscire a risalire a chi, quella sera, ha sfogato materialmente la propria violenza su persone disarmate e terrorizzate.

Anzi, quegli agenti mai identificati sono rimasti in servizio e hanno continuato a lavorare all’interno delle forze di polizia.

Alcuni degli agenti del nucleo sono stati condannati solo perché i loro nomi erano presenti nei verbali di arresto, cosa che ne provava la presenza alla Diaz quella sera, abbastanza per accusarli di non aver impedito il massacro.

Ma nella scuola entrarono circa 350 agenti.

Era davvero impossibile risalire ai loro nomi?

Chi, fra tutti gli altri reparti presenti al blitz, non ha redatto relazioni, come dovuto, non ha corso nessun rischio di finire sul banco degli imputati.

Enrico Zucca, tra i magistrati del processo Diaz, ha affermato che non si è riusciti ad identificare alcun torturatore, che le forze di polizia non hanno consegnato alla magistratura nessun torturatore e anzi, chi li ha coperti è ora ai vertici delle forze di polizia.

Non si sa quanti agenti hanno effettivamente abusato dei poteri loro conferiti dalla divisa e quanti sono rimasti a guardare; non si è riusciti a risalire nemmeno a chi ha ridotto il giornalista Mark Covell in fin di vita.

Eppure, qualcuno ha pagato. Come mai, e per cosa?

 

Biografia

Roberto Schena è nato a Milano nel 1954, dove vive da sempre e dove ha esercitato come giornalista professionista nelle redazioni di cronaca e politica di diverse testate quotidiane.

Ha pubblicato diversi pamphlet a cavallo fra storia moderna e attualità.

Del 2009 è Pio XII santo?, excursus dei pro e contro il sicuramente discutibile operato del Pontefice più chiacchierato del secolo, a cominciare dalla nomina cardinalizia fino alla controversa considerazione in cui è tenuto nei nostri giorni.

Del 2013 è “Storiacce padane �“ Come non costruire un partito, tanto meno il suo giornale”, sulla nascita del quotidiano “La Padania”, che inizialmente vendeva 70mila copie al giorno e dove l’autore ha lavorato per 20 anni, nonché sugli errori imperdonabili commessi dalla Lega nel condurre il suo prodotto culturale più significativo, tali da averlo portato alla chiusura.

Riferimenti Libro:

TITOLO: G8. PROCESSO AL PROCESSO

SOTTOTITOLO: Indagine su sette capisquadra di polizia travolti da errori commessi dalla Giustizia

AUTORE: Roberto Schena

ISBN: 9788897033783

COLLANA: Resistenze

DATA DI PUBBLICAZIONE: Luglio 2020

 

 

 

 

 

 

 

Vedi online
 
 
 
 
 

Altri comunicati stampa recenti:

 
 
Economia: Como diventa un Duty Free a cielo aperto

Economia: Como diventa un Duty Free a cielo aperto

Como, 10 luglio 2020 �“ Da oggi  Como si trasforma in un Duty Free a cielo aperto per favorire gli acquisti dei turisti stranieri, e dare un’ occasione in più per visitare la bellissima cittadina del lago, che già attrae turisti di fama.

L’iniziativa nasce dalla partnership tra Confcommercio Como,…

Leggi Tutto...
 
 
Aprire gli occhi per fare nuove scelte: esce “A capo”, il nuovo singolo di Baschira

Aprire gli occhi per fare nuove scelte: esce “A capo”, il nuovo singolo di Baschira

“A capo” è il secondo singolo realizzato da Baschira. Il brano, estratto dall’EP  “Zdasdat”, sarà  disponibile sulle principali piattaforme streaming da mercoledì 15 luglio.

Amsterdam, 10 luglio 2020 �“ È ai fiati e alle chitarre che Baschira affida il testo di “A capo”, fortemente ispirato dalla sua esperienza personale di emigrato…

Leggi Tutto...
 
 
Mercedes Sosa, la grande artista latinoamericana ritorna in Italia con una nuova biografia

Mercedes Sosa, la grande artista latinoamericana ritorna in Italia con una nuova biografia

Roma, 9 luglio 2020 �“ Nel giorno dell’85° compleanno di Mercedes Sosa, cantante e attivista argentina, l’autrice danese Anette Christensen pubblica la prima biografia della cantante latinoamericana scomparsa nel 2009.

Mercedes Sosa visitò per la prima volta l’Italia durante il suo esilio in Europa negli anni ’70. Più tardi nella sua carriera, tenne un concerto…

Leggi Tutto...
 
 

Arte: a Cesena la mostra di Giancarlo Gagliardi

Dal 10 luglio al 10 settembre al Widiba, con il patrocinio del Comune di Cesena, l’artista presenta “Tratti Spessori Colore Materia”

Cesena, 9 luglio 2020 �“ Dal 10 luglio al 10 settembre 2020, presso la Widiba, Ufficio CF di Cesena, sarà possibile visitare la mostra personale dell’artista Giancarlo Gagliardi: “Tratti Spessori Colore Materia”.

 

Come trovare lavoro: i 5 consigli per farlo nel modo giusto

Milano, 9 luglio 2020 �“ Cercare una nuova occupazione può diventare un lavoro a tempo pieno. Rispondere agli annunci di lavoro, lavorare al curriculum vitae e alle lettere di presentazione, seguire corsi di aggiornamento, partecipare ai colloqui di lavoro: può essere frustrante seguire questa routine per settimane o perfino per mesi senza riuscire a trovare…

Nasce “Sul Filo del Ticino”: quando il tessuto racconta la trama di un territorio

Lugano, 8 luglio 2020 �“ È nato “Sul filo del Ticino”, un nuovo ed originale progetto ideato dall’architetto Silvia Pullega e dalla designer di moda Nicoletta Marnati.

Quando il tessuto racconta la trama del territorio, vestirsi di tradizione assume un nuovo significato. Il tessuto si fa interprete della storia e della suggestione del Parco…

 
 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl