Leonardo Frontani e Sonia Russo: il coaching come momento di verifica all’interno di un percorso formativo esperienziale

01/nov/2008 16.53.05 Sonia Russo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Un coach è, letteralmente,una carrozza, una vettura, una diligenza, un veicolo che trasporta una persona o un gruppo di persone da un luogo di partenza a un luogo d’arrivo desiderato. In tal senso il coach potrebbe essere considerato un facilitatore di percorso. Il viaggiatore sa dove vuole arrivare, il coach è una guida che rende sempre più chiaro, visibile  e comprensibile il percorso e le risorse per affrontarlo.
Perché usare questa tecnica all’interno di un percorso di formazione esperienziale di una società orientata al cambiamento, di un’azienda giovane che sta avviando una riflessione sulla propria organizzazione e gestione delle persone che al suo interno lavorano?
Il percorso formativo appena concluso con questa azienda è stato pensato come momento per facilitare una riflessione su tematiche di tipo manageriale.
La riflessione è stata avviata a partire dalla condivisione con i partecipanti di strumenti gestionali (gestione del tempo, delega, il gruppo come strumento decisionale e creativo, scelta dei collaboratori...). E’ stata una riflessione non separata da un contesto lavorativo esistente con le sue dinamiche, che in ogni momento formativo si è venuto costruendo davanti agli occhi di tutti. Anzi è stata spesso stimolata la discussione sulle dinamiche del proprio contesto. Le esercitazioni e i vari momenti esperienziali sono stati strumenti attivatori di risorse per il superamento di difficoltà e il raggiungimento di uno degli obiettivi che il gruppo in maniera più o meno esplicita si è posto: darsi uno spazio e un tempo fuori dall’attività produttiva per ripensarla e riorganizzarla.
Molti partecipanti hanno attivato risorse e competenze che hanno dato la possibilità di condividere una verifica del percorso formativo stesso.
In un certo senso i formatori durante le varie attività si sono posti come coach, come facilitatori di una riflessione su dinamiche organizzative, dell’individuo nel contesto avviando, in alcuni casi, dei cambiamenti orientati in parte al gruppo stesso.
Le successive sessioni di coach, fatte con ognuno dei partecipanti hanno consentito di individuare tutta una serie di obiettivi orientati alla riorganizzazione della gestione. Ogni partecipante è arrivato a esplicitare obiettivi e azioni da svolgere nel breve periodo per modificare alcune dinamiche che hanno proprio a che fare con la gestione e i rapporti con i collaboratori: c’è chi vuole darsi una legittimazione  nel potere di scelta ed essere più determinato, chi vuole essere più chiaro nel definire ruoli e funzioni nel raggiungimento di un certo obiettivo, chi sente la necessità di farsi capire quando parla con gli altri, chi vuole essere capace di andare incontro all’altro e lo ritiene utile per lo svolgimento del proprio lavoro...
Nelle varie sessioni però sono venute fuori tutta una serie di dinamiche che interessano le relazioni  all’interno di un’area  e tra le diverse aree dell’azienda che durante il corso sono state “accennate” ma non rese così visibili come nelle sessioni di coaching in cui ognuno ha potuto riflettere sui vissuti rispetto ad un certo contesto.
Vissuti di persone prese singolarmente, che parlano del loro contesto e vorrebbero modificarne alcuni aspetti.
Per noi formatori le sessioni di coaching pensate come momento finale di un percorso per poter ben definire nuovi obiettivi da raggiungere a partire dalla riflessione sul percorso formativo stesso, sono state considerate come verifica dell’intervento formativo fatto con questo gruppo.
Come dicevo prima, il gruppo ha usato l’attività formativa come spazio di riflessione sui vissuti di “persone singole” e su obiettivi da raggiungere per avviare un cambiamento. Quando parlo di verifica mi riferisco non tanto a un processo che guardi ai risultati ma al raggiungimento degli obiettivi metodologici: i partecipanti al corso hanno appreso modalità di riflessione sulle dinamiche organizzative e sul loro cambiamento.
La verifica serve  anche a costruire nuove ipotesi di lavoro: c’è infatti ancora una certa difficoltà in questo gruppo a condividere pensieri sui propri vissuti, a condividere riflessioni su alcune dinamiche che dai più sono percepite come non utili al cambiamento. Si può ipotizzare di continuare un lavoro con questa azienda che stimoli sempre più una riflessione condivisa e non solo “personale”, in funzione dell’utilità che tale condivisione ha per il cambiamento che essi vogliono attuare.
Questo può essere utile a capire, condividere e direi costruire il senso di tale cambiamento.
Il successivo percorso formativo potrebbe essere sempre più orientato al coaching come modalità
Attivatrice di chiarificazione e verifica continua di “risorse di condivisione” all’interno del gruppo sia nelle sessioni d’aula ed esperienziali sia nelle sessioni di coach.
In sintesi, le sessioni di coaching hanno permesso di verificare un apprendimento metodologico che i singoli partecipanti al gruppo hanno raggiunto: l’utilizzo della riflessione su di sé e sulle dinamiche nel contesto per iniziare a costruire obiettivi di cambiamento. Ma hanno consentito anche di capire un nuovo obiettivo metodologico da raggiungere: l’importanza di sviluppare in questo gruppo la capacità di condividere esplicitamente la riflessione sulle dinamiche del contesto. Questo permette a noi formatori di organizzare con un nuove ipotesi di lavoro il successivo percorso formativo con questa azienda.
La carrozza dovrà facilitare il cammino su un nuovo percorso nato dal vissuto e dall’analisi del primo.

Dott.sa  Russo Sonia
Psicologa clinica 
Master in “Gestione delle risorse umane”
                                                                                                              
Per informazioni

edu@leonardofrontani.com
www.leonardofrontani.com

sonia.russo.formazione@gmail.com
 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl