TWT TEAM Outdoor training: una metodologia per la formazione

TWT TEAM Outdoor training: una metodologia per la formazione In questo momento di attesa di una crisi che c'è, si vede, ma non si sente ancora, è fondamentale che le aziende concepiscano l'esigenza di investire sui valori.

19/nov/2008 22.45.31 Sonia Russo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

In questo momento di attesa di una crisi che c’è, si vede, ma non si sente ancora, è fondamentale che le aziende concepiscano l’esigenza di investire sui valori. Obiettivo, tenere una comunicazione attiva con il proprio cliente esterno e consolidare le relazioni interpersonali all’interno del proprio staff. Per affrontare questa sfida, riteniamo strumento prioritario la formazione esperenziale o ciò che è meglio conosciuto come outdoor training. Queste attività possono essere efficaci in un’azione di brand building, nella quale i clienti sono chiamati ad una fidelizzazione quasi emozionale. Il team building invece investe in pieno l’esigenza di rinnovare la forza della propria squadra di collaboratori. Come funziona l’approccio formativo con l’outdoor training ? Nessun giudizio critico verrà espresso dal formatore a chiusura di una attività. Semmai aiuterà i corsisti a visualizzare un concetto attraverso la metafora. Questo è il “Vangelo” della formazione outdoor, che non significa solo fuori dalle aule. Outdoor è uno stato emotivo di liberazione, lontano dal clima aziendale e dai ruoli, dove si può rischiare qualcosa in più per farsi scoprire dal punto di vista umano. I trainers sono tutti professionisti e la sicurezza operativa è elemento di distinzione per il loro lavoro. Il gioco è un elemento di aggregazione, ma anche è un veicolo formativo attraverso il quale si facilita l'apprendimento. Anche per gli adulti è indispensabile sperimentare nuove forme di socializzazione. Attraverso la risoluzione di problemi il gruppo trova un suo affiatamento, migliora la comunicazione e si riscopre la fiducia nel partner di lavoro.  Le persone vivono situazioni concrete che richiedono nuovi cambiamenti e superamento di alcuni limiti. In seguito sono chiamate a riflettere su cosa hanno fatto, sui risultati ottenuti e su quanto hanno appreso. Nei programmi outdoor è protagonista l'esperienza, spesso insolita trasformando il gioco in una scoperta ed in una occasione di rivincita per coloro che non sono abituati ad accettare le sfide. L'attenzione del formatore in genere è sul gruppo con le sue dinamiche culturali ed antropologiche. I temi sono la leadership, la comunicazione , l'atteggiamento strategico nell'uso delle risorse. Il gruppo è destrutturato, senza capi e a volte per questo soffre per organizzarsi. Automaticamente si assumono ruoli e comportamenti tipici della nostra personalità favorendo o mettendo in difficoltà le relazioni interpersonali. Outdoor training non è la realtà, ma una palestra e come tutti i giochi finisce prima o poi. Vale la pena lasciarsi andare e perseguire il proprio successo con lo spirito del “cercatore”.

Leonardo Frontani

edu@leonardofrontani.com

www.twt-team.it

 

sonia.russo.formazione@gmail.com

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl