Leonardo Frontani: leadership e formazione

19/nov/2008 22.46.51 Sonia Russo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Leadership: è la base di ogni percorso formativo per ogni formatore.

Alcuni colleghi dicono che nelle aziende non ci sia più bisogno di leader.

Altri scrivono libri sul “ritorno dei leader”. Esistono alcune reazioni codificate tipiche di chi va in aula ad ascoltare un tizio che ti parla di crescita personale e assertività. Una tipica è quella di coloro che hanno sempre pensato che leader si nasce.

Sbagliato. Un ambiente favorevole, ti può aiutare a sviluppare un certo tipo di atteggiamento un pò come una incubatrice fa schiudere tutte le uova. In realtà il nostro codice genetico tra tante cose che ci consegna, trascura quel soffio divino che molti chiamano carisma. Il carisma poi è ancora altra cosa. Quello si ha perché qualcuno te lo riconosce. Non è come siamo, ma come gli altri ci vedono. Leader non si nasce; almeno non sempre. Si studia per diventarlo. Il carisma è un’altra cosa.

Il potere non è leadership e la leadership non ha bisogno di potere. Abbandoniamo l’immagine del capo e perseguiamo il nostro personale stile di leadership.

Da parte mia, quando affronto questa tematica mi piace dire che non mi interessa ciò che le persone sedute davanti a me oggi rappresentano e sono. Piuttosto ciò che potrebbero essere, cioè il loro potenziale. Andiamo a verificare se esiste piena soddisfazione circa ciò che siamo o se in effetti esiste la convinzione di poter cambiare qualcosa del nostro essere. Essere e fare ciò che si è sempre stati o si è sempre fatto significa non crescere: siamo nati per cambiare le regole. Attenzione: non si vuole agire sulla personalità modificando i tratti che la rendono unica. Qui si intende lavorare sui comportamenti che sono frutto del nostro passato e delle nostre esperienze. Nel bene e nel male, oggi ci comportiamo in un modo a causa di qualcosa che è stato nel nostro passato. Ci possono essere esperienze formative dietro di noi, ma anche sofferenza e paura che ci hanno bloccati e in qualche modo ridimensionati. Nessuno è immune dalla paura, ma un buon modo per affrontarla è stare vicini agli altri imparando una sana condivisione d’idee e passioni.  

La nostra testa spesso impegna energia nel costruire ostacoli che poi faticosamente andiamo a superare: le credenze limitanti. Per definizione sono cristallizzazioni d’idee, come il calcare intorno alla resistenza elettrica e sono quindi ostacoli alla nostra crescita e al buon funzionamento del nostro essere. S’intende, funzioniamo lo stesso, ma con più fatica, con più dispendio di energia; abbiamo bisogno d’investire più energia vitale nelle nostre azioni.

Fondamentale per un leader avere una rotta. La sua mission personale, pur se ambiziosa è da rispettare; ovviamente dovrà, in un sistema sociale, confrontarsi con quella degli altri e adattarsi con flessibilità. La flessibilità non è opportunismo; la coerenza è una credenza se non supportata da valori.  Nelle relazioni, che il leader dovrà coltivare, intense, colorate e numerose, occorre esercitare l’ascolto. Obiettivo ottenere il consenso ed un buon modo per farlo è ascoltare gli altri. Quando si arriva a far condividere la rotta ci sono gli estremi per esercitare la concessione della delega. Delegare vuol dire fidarsi e per il leader significa amplificare le proprie potenzialità. Le persone diventano tutte braccia destre. La fiducia crea coesione e arricchisce tutte le parti in gioco.

Il concetto più importante di un percorso di questo tipo è quello della causalità. Il leader non deve essere effetto di ciò che lo circonda, ma causa. Il leader è un protagonista e questo non è legato alla sua voglia di essere al centro dell’attenzione. Non profetizziamo un forsennato egocentrismo, ma una piana adesione a ciò che andiamo ad intraprendere. Ci mettiamo tutto quello che abbiamo da dare e questo anche nelle cose insignificanti. Esiste un meccanismo quasi magico che riporta le azioni positive del leader al sistema facendo crescere tutti.

 

Leonardo Frontani

 

edu@leonardofrontani.com

www.leonardofrontani.com

 

sonia.russo.formazione@gmail.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl