IMPRESAMIA.IT-IL CASO - Evangelisti: in crisi azienda leader europea

01/lug/2009 23.54.36 IMPRESAMIA.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Interrogazione di Fabio Evangelisti (Idv) sul caso della ex Calp di Colle Val d'Elsa

IL CASO - Evangelisti: in crisi azienda leader europea

Azienda leader europea, RCR Cristalleria italiana (ex CALP) incarna la storia del cristallo prodotto industrialmente in Italia. Il deputato Fabio Evangelisti dell'Italia dei valori ha evidenziato lo stato grave di crisi dell'azienda in un'interrogazione a risposta scritta rivolta ai ministri Maurizio Sacconi (Welfare ovvero Lavoro, salute e politiche sociali) e Claudio Scajola ( Sviluppo economico) di cui riportiamo una sintesi.
Fin dai primi anni Sessanta, La Piana, da cui poi sarebbe sorta la CALP, realizzò in Italia oggetti in puro cristallo e in quegli anni a Colle di Val d'Elsa, nacque la prima produzione automatica di cristallo al mondo. Oggi, la crisi della RCR Cristalleria italiana (ex CALP) di Colle Val d'Elsa si trascina da circa 6 anni e la situazione appare molto più complicata, mentre i tempi per una soluzione appaiono lunghi e difficili. La CALP è stata la prima azienda in Italia e in Europa, nel settore del cristallo, a ottenere la certificazione di sistema qualità ISO 9001 rilasciata nel dicembre del 1996. Nel corso del 2003 ha anche conseguito la certificazione della conformità del proprio sistema di gestione per laqualità (SGQ) alla normativa ISO 9001 edizione 2000, che consente l'utilizzo del marchio di accreditamento Sincert.
Attualmente una nuova massiccia richiesta di cassa integrazione di 12 mesi per 210/220 lavoratori,  quasi un'anticamera della mobilità visto che l'azienda considera quei posti come esuberi strutturali.
Il deputato dell'Idv nel sottolineare la preoccupazione delle Rsu e dei sindacati riguardo il futuro dell'azienda e i livelli occupazionali ai quali i territori senese e valdelsano non possono certo rinunciare e l'immobilismo dell'azienda a fronte di aspettative relative a interventi di risanamento e rilancio industriale di questo importante polo produttivo, chiede ai ministri Sacconi e Scajola quali iniziative intendano adottare, nell'ambito delle rispettive competenze, per favorire il dialogo tra le parti e una ricomposizione delle diverse posizioni in grado di garantire i livelli occupazionali e per rilanciare questa importante azienda con un progetto di salvataggio di un Gruppo leader riconosciuto in Europa nel settore del cristallo. (4-03384)
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl