Il Bianchetto, gustare i sapori del tartufo senza fare follie

Questo è un tartufo molto ricercato per tradizione nelle zone del Centro Italia ed in particolare nelle zone della Toscana, delle Marche e del Molise, nonostante abbia un valore commerciale inferiore al tartufo bianco.

09/gen/2010 18.31.41 Stefano P Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Diverse sono le tipologie esistenti di tartufi; in questo periodo una particolare attenzione merita il  Tartufo Bianchetto o Marzuolo, il cui nome scientifico è quello di Tuber Borchii Vittad. Questo è un tartufo molto ricercato per tradizione nelle zone del Centro Italia ed in particolare nelle zone della Toscana, delle Marche e del Molise, nonostante abbia un valore commerciale inferiore al tartufo bianco. Comunque il tartufo bianchetto ha moltissimi estimatori e viene raccolto e consumato in grandi quantità.
Esteriormente può essere confuso con il Tuber Magnatum, poiché in origine si presenta con le stesse caratteristiche, irregolare, liscio e di colore bianco sporco ma quando giunge a maturazione diventa più scuro. Anche la gleba, anch’essa chiara al taglio, vira su tonalità rosso scuro nel giro di poco tempo.. L'odore è la caratteristica che lo contraddistingue dal tartufo bianco, perché se all'inizio è tenue e gradevole in un secondo momento diventa aglioso e nauseante. Il Bianchetto cresce in terreni di tipo calcareo, spesso nei boschi di latifoglie e conifere. Il periodo di raccolta è da Gennaio ad Aprile ma può variare da zona a zona.
In cucina il bianchetto si abbina benissimo a risotti, lasagne, ravioli alla panna, fonduta, bagna cauda, carni bianche, insalate di funghi e antipasti in genere.
Per quanto riguarda la sua conservazione e' possibile effettuarla in diversi modi, ma è consigliato in particolare utilizzate un contenitore a chiusura ermetica, in modo che il profumo non si disperda. Prima di porli nel contenitore bisogna pulire il tartufo: la pulizia va fatta con uno spazzolino o con un pennellino per eliminare la maggior parte della terra, quindi con un panno per togliere la rimanenza, il tutto con delicatezza.
Le possibilità di acquisto del Tartufo Bianchetto sono molteplici e vasta si presenta anche la gamma di prodotti freschi e conservati in commercio. La soluzione più semplice è data senza dubbio dai negozi di prodotti tipici locali: numerosi e ben forniti garantiscono, generalmente, un prodotto di buona qualità. Ma negli ultimi tempi hanno assunto sempre maggiore importanza i negozi online di vendita di tartufi freschi. Molti di questi sono gli stessi negozi tradizionali che hanno deciso di rivolgersi ad una clientela più vasta per ampliare il loro mercato. La vendita online di tartufi è in rapida ascesa anche grazie alla possibilità di acquistare il tartufo a prezzi più contenuti rispetto al negozio tradizionale.
Non resta che augurarvi, buon appetito!

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl