Piatti tipici di Natale per ogni regione

13/dic/2010 20.02.37 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Dicembre è il mese delle grandi abbuffate; tra pranzi natalizi e bontà tipiche che si preparano sotto le feste, gli italiani in questo periodo mangiano prelibatezze di ogni tipo! Inoltre se volete acquistare qualche cibo o vino di ottima qualità, vi consigliamo di cercare “mercatini di Natale Lago di Garda” e “mercatini di Natale Rovereto”, dove troverete tante buone idee per completare i vostri pranzi. Infatti nei mercatini natalizi si trovano soprattutto prodotti tipici regionali e di ottima qualità!

Ma quali sono le prelibatezze che si palesano sulle nostre tavole a Natale? Ogni regione ha almeno un piatto tipico per ogni portata ed è davvero interessante vedere quanta varietà e tradizione si porta in tavola in questo periodo dell’anno. Al centro Italia dominano i primi piatti della trazione dell’Emilia Romagna, come i tortelli di zucca, mentre a Bologna ogni pranzo di Natale si conclude con il famoso pan speziale (o Certosino), un dolce di origine medievale. A Firenze il badicchio,, la tradizionale salsiccia di maiale al finocchio, cotta come tradizione sulla brace del falò. Nelle Marche il pranzo di Natale ha come protagonisiti i cappelletti in brodo, la carne arrosto e la verdura cotta. 

Nel Lazio è famosa anche la cena della Vigilia, che prevede tutti piatti a base di pesce: il brodo, la pasta al tonno e il baccalà in umido con i pinoli, solo per fare un esempio. Anche in Abbruzzo la Vigilia è costituita da una ricchissima cena di magro: il termine infatti si riferisce solo alla mancanza di carne, perché le portate sono ben 13, ad indicare Gesù e i dodici apostoli. Inoltre la tradizione più rigorosa prescrive che la notte di Natale bisogna mangiare senza uova, burro e latte. Si preparano infatti le ostie composte da due strati di leggerissime sfoglie che si farciscono con un miscuglio di miele, mandorle e noci. In Molise, oltre al classico brodetto alla termolese per la cena della Vigilia, ci sono le “sagne in brodo”, pregiato timballo di lasagne cotte nel brodo di gallina ed imbottite con uova, pecorino e scamorza, la carne della gallina a tocchetti, il tutto ben innaffiato di brodo e messo in forno.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl