Cos’è l’agricoltura biodinamica

24/apr/2012 09.32.08 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’agricoltura biodinamica come principio nasce all’inizio del ‘900 dall’idea del filosofo austriaco Rudolf Steiner. Una visione che univa l’approccio scientifico e quello spirituale per sviluppare un’idea di agricoltura che rispettava l’essenza stessa della natura, considerata un sistema simile al corpo umano che dipende da tutti gli elementi che fanno parte di esso, il suolo, l’aria e la vita che si sviluppa da questi. La biodinamica, pur avendo gli stessi obiettivi dell’agricoltura tradizionale, ossia migliorare la qualità dei prodotti, rispettare la fertilità della terra e crescere le piante in piena salute in modo che si difendano da sole dai parassiti, ma prevede totalmente l’eliminazione di sostanze aggiunte alla lavorazione che non siano concepiti in modo naturale. Alla base della lavorazione dei prodotti da agricoltura biodinamica quindi c’è una concezione di massimo rispetto per i processi naturali che sono già predisposti per la produzione dei prodotti, senza doverla forzare per aumentare la produzione o per alterarne i risultati. A differenza della cultura dell’agricoltura biologica, quella biodinamica non è così diffusa ma ha seguaci in ogni parte d’Europa.

In grazie a internet è possibile entrare in contatto ormai con le realtà più interessanti e alternative del mercato in pochi secondi. Con un piccola ricerca potrete verificare velocemente se nella vostra zona sono presenti negozi o centri che trattano i prodotti di questo settore del mercato e, in caso non fossero abbastanza vicini, mettervi in contatto con i distributori per scoprire se c’è un metodo per ricevere questi alimenti per provarli.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl