Come cucinare la bottarga

Come cucinare la bottarga Dopo avervi spiegato come viene prodotta la bottarga e quali sono le differenze tra i due tipi di bottarga (quella di muggine e quella di tonno) non posso non fornire alcuni consigli su come deve essere consumata.

03/nov/2009 12.50.07 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Bottarga

Dopo avervi spiegato come viene prodotta la bottarga e quali sono le differenze tra i due tipi di bottarga (quella di muggine e quella di tonno) non posso non fornire alcuni consigli su come deve essere consumata. Il modo più tipico per mangiare la bottarga, e che si è andato diffondendo in modo esponenziale in tutta l’area tirrenica, è quello di grattugiarla sulla pasta, come se fosse del formaggio parmigiano. Di seguito una ricetta molto semplice ma gustosissima:

Spaghetti con la Bottarga

Gli unici ingredienti necessari sono una baffa di bottarga di muggine, un aglio, olio extra vergine di oliva e gli spaghetti. La preparazione è molto semplice. L’aglio va pelato e tagliato in due parti in senso longitudinale in modo da poter levare l’anima centrale. Fatto questo le due parti vanno strofinate contro le pareti di una terrina e deposte sul fondo. Dopo aver versato un bel cucchiaio di olio va aggiunta una parte di bottarga grattugiata (in totale dovrà essere circa 80 g per 400 g di pasta). Il tutto deve essere mescolato con un cucchiaio di legno. Quando gli spaghetti sono cotti vanno messi dentro la terrina prendendoli con il forchettone così che un po’ di acqua di cottura amalgami il tutto. Va aggiunto un altro po’ di olio e grattugiata la parte rimanente di bottarga. Si può aggiungere a piacimento anche un po’ di prezzemolo.

Bottarga a fette

I puristi della bottarga invece preferiscono mangiarla tagliandola a fettine sottilissime e condendola solo con un filo d’olio extra vergine di oliva. Magari accompagnato con dei crostini di pane oppure con del pane carasau.

Insalata Bottarga e carciofi

Un’associazione di gusti veramente ottima è quella tra bottarga e carciofi. Per un antipasto veloce e delizioso servono: 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva, mezzo limone, 2 carciofi, pepe nero, 30 grammi di bottarga, sale, mezza cipolla piccola. Dopo aver mondato i carciofi togliendo le foglie più esterne, tagliateli a metà e metteteli per una decina di minuti in acqua acidulata con succo di limone. Asciugateli e metteteli in un piatto con la bottarga tagliata a scaglie e la cipolla tagliata finemente. Preparate un emulsione con l’olio, il succo di limone, il sale ed il pepe. Unitela all’insalata di bottarga e carciofi e servitela.

Pizza alla bottarga

In molti ristoranti, soprattutto in Sardegna, propongono le pizze di mare con una bella spolverata di bottarga grattugiata. Ma anche la pizza margherita normale si presta perfettamente ad ‘accogliere’ la bottarga.

A scaglie la bottarga è sublime anche con il formaggio caprino.

Per tutte queste ricette possono essere utilizzati indistintamente entrambi i tipi di bottarga tenendo a seconda che si desideri un gusto più delicato (bottarga di muggine) o uno più deciso (bottarga di tonno).

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl