Vecchi stereotipi addio, il poker è uno sport vero

06/mar/2010 15.22.30 winroulette Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Ora addirittura esiste un canale televisivo (222 di Sky e 13 del digitale terrestre) che interamente dedicato ad un gioco in pieno boom: il poker.
Dal 26 febbraio scorso hanno preso vita le trasmissioni di un nuovo canale televisivo dedicato al poker.
Il palinsesto di questa rete prevede tanti prodotti per catturare l'interesse sia dei professionisti che di coloro che hanno iniziato da poco ad interessarsi al texas hold'em al poker sportivo in generale.
Non ci sranno solo programmi da intrattenimento, ma ci sarà spazio anche per trasmissioni a scopo divulgativo e didattico.

In troppi per molto tempo hanno considerato il poker un vizio, ma i fatti e le opinioni autorevoli di molti studiosi lo hanno riabilitato e confermano come quesato gioco, che è di abilità e non di azzardo, richiede un sofisticato e preciso sforzo mentale.
E' assolutamente da dimeticare lo stereotipo che vede i praticanti come degli incalliti giocatori che al tavolo fumano, bevono e conducono una vita sregolata.
I campioni di questo sport sono delle persone serissime, che affrontano le partite al meglio della loro condizione psicofisica, fanno una vita salutare e stanno alla lontana da qualsiasi distrazione che possa pregiudicare le loro performance al tavolo verde.

Provate ad informarvi su personaggi del calibro di Massimiliano Pescatori, Dario Minieri, Dario Alioto e Alessio Isaia, scoprirete che sono dei ragazzi molto intelligenti, che conducono una vita esemplare fatta di grandi sacrifici e soprattutto di studio continuo e meticoloso.
Si perchè campioni di poker è vero si nasce, ma bisogna anche allenarsi costantemente perchè una partita di poker è come una partita a scacchi, serve mente fredda e soprattutto allenata a fare calcoli complicati.
Per primeggiare bisogna essere concentrati e c'è bisogno di una profonda interazione psicologica con gli avversari.
Non può essere paragonato ai giochi di azzardo. Questi hanno il grande difetto della ripetitività e dell'immediatezza del risultato.
Il poker non si conclude in pochi minuti e le caratteristiche che portano yanti individui al gioco patologico sono lontane anni luce da questo gioco.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl