Morciano di R.: la Ghigi si racconta, mostra fotografica

09/giu/2010 14.16.45 Creattiva Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNE DI MORCIANO DI ROMAGNA

 

 

LA GHIGI SI RACCONTA:

una mostra fotografica

per ripercorrere la storia dell’azienda che per oltre un secolo

ha contribuito allo sviluppo della città

 

 

Il Comune di Morciano racconta i 140 anni di storia del noto marchio di pasta Ghigi attraverso una mostra fotografica ‘La Ghigi si racconta – Una storia per immagini’ allestita all’interno dell’Ex Pastificio di via Roma numero 100, nel cuore della città.

 

L’11 settembre alle ore 17:00 i battenti dello stabilimento dismesso da qualche anno si riapriranno per accogliere tutti coloro che vorranno ammirare gli scatti fotografici che vanno dal 1870 al 2000. Alle 19:00, invece, si tornerà a gustare la pasta dal marchio Ghigi con una grande spaghettata offerta a tutti proprio innanzi al pastificio. Il tratto di Via Roma compreso tra le intersezioni di via Forlì e via Pascoli sarà chiusa al traffico e si trasformerà in un grandissimo ristorante a cielo aperto.

 

Sarà un’occasione per ricordare la storia dell’azienda che per quasi un secolo e mezzo ha contribuito allo sviluppo economico e sociale di Morciano, oltre a far conoscere il paese in tutta Italia. Centinaia di morcianesi e cittadini della Valconca hanno prestato servizio all’interno di uno dei più antichi pastifici d’Italia producendo pasta, mangimi, lavorando i cereali e trasportandoli per tutta la penisola.

 

La Ghigi nacque nel 1870 su iniziativa del fornaio e commerciante Nicola Ghigi che decise di ampliare la propria attività iniziando a produrre pasta secca per minestre. Il suo forno in via Ronci divenne un piccolo laboratorio artigianale, dove con macchinari rudimentali si produceva pasta per Morciano e paesi limitrofi.

 

Nicola morì nel 1894, l’attività venne rilevata dal figlio Stefano che continuò il mestiere del padre per poco più di un decennio. Venuto a mancare anch’esso subentrò la moglie di Nicola, Margherita, che gestì a partire dal 1911 la ‘Fabbrica di pane e pasta-salsamenteria’ assieme al figlio maggiore di Stefano. Nel 1922 i fratelli minori liquidarono Nicola, che si chiamava come il nonno, per la cifra di 50.000 lire. Investirono poi su nuovi macchinari e la produzione passò da cinque quintali di pasta al giorno a venti e poi quaranta. L’attività si trasforma e diviene piccola industria in via Roma dove nel ’50 viene costruito il molino a cilindri e successivamente il mangimificio. Alla fine degli anni ’50 i dipendenti erano quasi 400; in quel periodo l’azienda raggiunge il massimo splendore al pari di Barilla e Buitoni.

 

Pasta Ghigi diviene sponsor di una squadra ciclisticae avvia una collaborazione con Fausto Coppi e campioni come Aldo Moser, Bariviera, Trapè, lo spagnolo Suarez e il direttore sportivo Luciano Pezzi che poi diverrà direttore sportivo della Nazionale di Ciclismo.

Uno spot televisivo in cui compariva un uomo di nome Gigi recitava: “Da Gigi un consiglio nostrano Pasta Ghigi Morciano”. Nel 1961 i due fratelli si separano: Emilio continua a gestire la casa madre, mentre Angelo fonda un nuovo pastificio a Rimini.

Ad Emilio subentrò il figlio Giorgio ma la fabbrica si trovò di fronte a grandi difficoltà. Sono anni di crisi in tutto il settore pastario tanto che in Italia dal 1960 all’80 il numero di pastifici scende da 730 a poco più di 200.

 

Nel 1972 interviene GEPI, la finanziaria pubblica di salvataggio delle aziende in crisi che controlla la produzione e salvaguardia l’occupazione. Nel 1979 Ghigi è acquistata da CON.SV.AGRI un consorzio di nove cooperative agricole tra Marche e Romagna. Viene avviata una ristrutturazione e un’adeguamento degli impianti e la produzione riprende a salire. La Ghigi riacquista il suo prestigio nazionale specialmente per la pasta all’uovo avvalorata da produzioni per Emiliane Barilla e marchi come Sidis e Selex.

Nel 2000 Con.Sv.Agri entra in crisi e nonostante gli interventi di sostegno con l’avvio della costruzione di un nuovo stabilimento produttivo a San Clemente nel 2007 entra in liquidazione coatta amministrativa.

 

Tutto questo sarà raccontato attraverso le splendide immagini esposte all’interno dell’ex pastificio a partire dal giorno 11 settembre 2010.

 

 

 

Ufficio comunicazione Comune di Morciano di R. – Creattiva

Tel. 0541 709792 – Fax 0541 708015 – E-mail: creattiva@creattiva.info - www.creattiva.info

Ref. Matteo De Angelis 339 2746077

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl