Un hobby che rende più di venti miliardi

Certo non sono in molti a poter ragionevolmente ambire a un gruzzolo di oltre 23 miliardi di dollari, cioè a quanto ammonta il patrimonio di Ingvar Kamprad, che pure dalla realizzazione e dalla vendita di oggetti di bricolage fai da te ha iniziato la sua vertiginosa carriera.

04/ott/2010 23.54.32 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Molti di coloro che scelgono di dedicarsi alla lavorazione di oggetti in legno fai da te lo fanno pensando (o sperando, nella maggior parte dei casi) a quanto questa attività possa rivelarsi in futuro remunerativa, anche se le aspettative di guadagno, nella migliore delle ipotesi, potranno raggiungere il tetto di qualche decina di euro mensili. Certo non sono in molti a poter ragionevolmente ambire a un gruzzolo di oltre 23 miliardi di dollari, cioè a quanto ammonta il patrimonio di Ingvar Kamprad, che pure dalla realizzazione e dalla vendita di oggetti di bricolage fai da te ha iniziato la sua vertiginosa carriera.

Questo ultra-ottantenne svedese altri non è che il fondatore di Ikea, colosso mondiale che del fai da te applicato all’assemblaggio dei mobili ha fatto la propria filosofia. Un’azienda che, in tempi duri per tutti, vede lievitare il proprio fatturato e il proprio giro d’affari, registrando secondo i dati contenuti nel bilancio di recente pubblicazione una crescita di oltre il 13%. Un momento quasi storico, dato che è stata la prima volta in assoluto che l’azienda ha mostrato pubblicamente i propri risultati.

Per chi non lo sapesse, il signor Kamprad ha iniziato la propria carriera nel settore del fai da te vendendo a vicini e parenti, fin da quando era in tenera età, fiammiferi comprati all’ingrosso. Adolescente, è poi passato alla più remunerativa vendita di biglietti d’auguri, decorazioni natalizie, cornici, oggettini in nylon e penne a sfera, seguendo una escalation che ha portato un piccolo commerciante di mobili ad essere il creatore di un marchio che conta attualmente 280 negozi in 26 Paesi sparsi nel mondo. E l’undicesimo uomo più ricco del pianeta. Non male per uno che ha iniziato costruendo cornici e matite. 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl