Saludecio Open days - "2010: vicini al contatto?" Conversazioni e risposte sulla ricerca della vita extraterrestre

Conversazioni e risposte sulla ricerca della vita extraterrestre Alla presenza di Gigliola Fronzoni, Assessore alla cultura del Comune di Saludecio; Gian Franco Lollino, Direttore dell'osservatorio astronomico saludecese "N. Copernico" e Giuliano Chelotti, Uffico cultura Comune di Saludecio è stata presentata questa mattina, l'iniziativa in oggetto.

Allegati

10/dic/2010 12.46.58 Creattiva Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Alla presenza di  Gigliola Fronzoni, Assessore alla cultura del Comune di Saludecio; Gian Franco Lollino, Direttore dell’osservatorio astronomico saludecese “N. Copernico” e Giuliano Chelotti, Uffico cultura Comune di Saludecio è stata presentata questa mattina, l’iniziativa in oggetto.

 

 

 

COMUNE DI SALUDECIO Assessorato alla Cultura

OSSERVATORIO ASTRONOMICO “N. Copernico”

Con il patrocinio di Provincia di Rimini

In occasione di

OPEN DAYS

presentano

logo_web

“2010: vicini al contatto?”
 Conversazioni e risposte sulla ricerca della vita extraterrestre

Saludecio – dal 17 al 29 ottobre 2010

La biblioteca comunale “P.F. Modesti” di Saludecio sarà protagonista di una serie di incontri dalla tematica quanto mai affascinante: “2010: vicini al contatto? Conversazioni e risposte sulla ricerca della vita extraterrestre”. La Kermesse è organizzata dal Comune di Saludecio e dall’Osservatorio Astronomico saludecese “N. Copernico” con il patrocinio della Provincia di Rimini, in occasione di “Open days”, l’iniziativa che si pone l’obiettivo di contribuire a far maturare una nuova percezione sociale che riconosca  le biblioteche, gli archivi e i musei come infrastrutture del welfare e come luoghi di aggregazione.

 

La rassegna saludecese – che avrà inizio il 17 ottobre e si concluderà il 29 – prende spunto da un tema che ha interessato la mente umana sin da quando ha potuto estendere il proprio pensiero filosofico alla comprensione dell’universo, la ricerca della vita fuori dal nostro pianeta infatti non è stata solo una semplice curiosità… Tuttora inoltre costituisce una domanda ultima per comprendere chi siamo, quale sia il nostro ruolo come esseri viventi e pensanti in un universo così smisuratamente grande rispetto a noi.

 

Si comincia domenica 17 ottobre alle ore 16.30 , presso la Sala Polivalente della Biblioteca, con il primo appuntamento che vedrà protagonisti due interventi. Il primo sarà “L’Osservatorio astronomico ‘N. Copernico’: Le attività di ricerca. Introduzione agli incontri”, condotto da Gian Franco Lollino: astrofilo, ricercatore, Direttore dell’osservatorio astronomico del Gruppo Astrofili “N. Copernico” di Saludecio RN, coordina il CROSS Project dal 2000 per lo studio delle luci anomale in Adriatico. Toccherà poi a “Il SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence) storia e strumenti per la ricerca dei segnali intelligenti dal cosmo”, tenuto da Stelio Montebugnoli: ingegnere elettronico, ricercatore e dirigente tecnologico IRA-INAF, Direttore della stazione radioastronomica di Medicina (BO). Conduce ricerche delle sorgenti radio provenienti dallo spazio ed è responsabile del SETI Italia.

 

Si prosegue sabato 23 ottobrealle 16.30 con “Osservare Pianeti di Altre Stelle, tecniche, ricerche e risultati attuali.Prospettive future” a cura di Massimo Teodorani: astrofisico, ricercatore e divulgatore, si è occupato più recentemente, della ricerca di pianeti extrasolari e di intelligenza extraterrestre.

 

Da non dimenticare che, in occasione delle due conferenze, nei giorni del 17 e 23 ottobre, dalle ore 16.00 alle 19.00, sarà aperta al pubblico la Biblioteca comunale che comprende il Centro di lettura, l’Archivio storico e la Sala Polivalente. Sarà possibile quindi iscriversi alla Biblioteca, consultare l’archivio storico ed il patrimonio librario, usufruire del prestito librario, imparare l’uso del catalogo on-line della Biblioteca (OPAC).

 

Venerdì 29 ottobre si cambierà location e ci si sposterà al Teatro Comunale “G. Verdi”, alle ore 21.00. Qui si svolgerà l’incontro “Gli UFO, realtà di un fenomeno. Fatti, documenti e testimoni attraverso 60 anni di storia”, a cura di Roberto Pinotti: sociologo, giornalista scientifico, ricercatore aerospaziale, dirige le riviste di taglio tecnico-scientifico «UFO» e «Archeomisteri». Fondatore in Italia nel 1967 del Centro Ufologico Nazionale, è uno dei massimi esperti al mondo di UFO, protostoria e fenomeni insoliti.

 

L’idea della rassegna nasce dal fatto che il 2009, come molti sanno, è stato l’Anno Internazionale dell’Astronomia. Questo alto riconoscimento dell’ONU, oltre a rilanciare a livello planetario la scienza più antica dell’uomo, ha rappresentato soprattutto un riconoscimento al grande scienziato italiano Galileo Galilei che più di altri, grazie al suo “metodo scientifico”, ha contribuito al capovolgimento della concezione cosmologica tolemaica.

Oggi questo metodo, così evocato e inseguito dal mondo scientifico accademico, sembra l’unico linguaggio possibile attraverso il quale poter descrivere i meccanismi che governano il mondo che ci circonda. Ma la domanda, certamente provocatoria, che molti si pongono è se veramente la comunità scientifica internazionale abbia tutti gli strumenti per comprendere questo e altri misteri dell’universo e se la divulgazione di alcune scoperte non  siano oggetto di controlli e filtrature, prima di essere date in pasto all’opinione pubblica col fine di valutarne gli effetti su di essa.

 

L’osservatorio astronomico del Gruppo Astrofili “N. Copernico” di Saludecio, quale punto di riferimento nel panorama scientifico-astronomico, comunicativo e didattico del nostro territorio, si è da sempre contraddistinto per aver contestualmente mantenuto vivo questo argomento non avendolo mai rigettato aprioristicamente a differenza di tante altre realtà similari che, di fatto, snobbano o ancor peggio rigettano ogni tipo di approccio legato al problema che non sia dogmaticamente in linea con quanto affermato o divulgato dagli ambienti scientifici istituzionali. L’approccio a questa tematica invece necessita di una visione d’insieme a 360 gradi, purtroppo non sempre conseguibile negli ambienti accademici sovente confinati in metodi di ricerca settoriali e troppo specialistici, non comunicanti tra loro.

 

Esistono comunque vari settori scientifici e culturali che si occupano della ricerca della vita extraterrestre, molti di più di quanto non si pensi comunemente. A partire dagli ambienti aerospaziali a quelli astrofisici e biologici, per indagare quali ambienti planetari del nostro sistema solare siano stati adatti ad ospitare forme di vita organica, passando per i progetti di ricerca storici come il SETI che, attraverso l’ascolto dei segnali radio provenienti dalle profondità dello spazio con le grandi antenne radioastronomiche dislocate sulla superficie del pianeta, cerca di individuare se tra essi possa nascondersi qualche segnale artificiale, prodotto da qualche civiltà tecnologica extraterrestre. Fino ad arrivare alla incessante ricerca di pianeti simili alla Terra come sta accadendo con l’’ultima missione spaziale Keplero nell’immediata vicinanza del nostro Sistema Solare. Non ultimo, per importanza e pressante attualità sono le indagini ufologiche, portate avanti da gruppi di ricerca seri, con un approccio totalmente asettico e senza pregiudizi, attraverso indagini sul campo e la raccolta di un enorme mole di dati che da almeno 60 anni vengono catalogati parallelamente a vari governi ed organismi militari. Queste informazioni dimostrerebbero in maniera incontrovertibile come il nostro pianeta sia ora, come in passato, oggetto di visite da parte di esseri intelligenti, dotati di mezzi tecnologicamente avanzati,  provenienti da altrove.

 

Il dibattito tra i vari settori, com’è facilmente immaginabile, è apertissimo ma ciò a cui stiamo assistendo negli ultimi anni è che il divario e le rigide prese di posizioni tra gli studiosi oltre ad ammorbidirsi si sta progressivamente avvicinando, a testimonianza di un innegabile interesse comune e la consapevolezza che la quasi totalità degli abitanti del pianeta Terra oggi crede che… non siamo soli nell’universo!

 

Ingresso libero

 

L’Osservatorio Copernico di Saludecio è operativo dal 1978, attivo in diversi programmi di ricerca dal 1980 i volontari dell’associazione si occupano di divulgazione scientifica per le scuole. L’osservatorio, che mette a disposizione del pubblico un telescopio dedicato e una ricca biblioteca e emeroteca,  è aperto al pubblico tutti i sabati sera dalle ore 21.30 gli altri giorni su prenotazione.

 

 

Ufficio comunicazione Comune di Saludecio

Creattiva

Tel. 0541 709792 – fax 0541 708015

creattiva@creattiva.info

www.creattiva.info

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl