I 7 CHACKRA...LI CONOSCETE?

Primo Chakra: MULADHARA E' l'inizio del viaggio, la base del sistema, la pietra su cui poggiano gli altri chakra.

29/apr/2011 13.55.04 Blog tempo di benessere Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
I 7 CHACKRA...LI CONOSCETE?

Primo Chakra: MULADHARA

E’ l’inizio del viaggio, la base del sistema, la pietra su cui poggiano
gli altri chakra. L’energia della materia, del denaro, del cibo, delle
cose solide e terrestri, delle radici che penetrano profondamente nella
realtà e ne traggono nutrimento. E’ la capacità di appropriarsi di ciò che
è indispensabile per il proprio sostentamento, dal cibo allo spazio, alla
posizione sociale, al proprio compagno o compagna. Energia di movimento,
di conquista, di aggressività.

Secondo Chakra: Svadhistana

Dall’uno al due, dalla solidità alla liquidità, dalla sopravvivenza alla
generazione della vita. Il ventre è il luogo dove la vita si incarna e si
manifesta, è la sede del desiderio, dell’attrazione, del piacere, del
legame con il mondo e con la realtà (cordone ombelicale). E’ il luogo
vuoto mai sazio sempre da riempire con nuove cose, è il motore, la causa
del movimento, della ricerca interiore e nella realtà, la ricerca
dell’altro, il desiderio di fondersi, di liquefarsi, di annientare la
polarità nell’unicità, la fusione dell’estasi e dell’amore.

Terzo Chakra: Manipura

Luogo della luce, dell’energia solare, della combustione, della
trasformazione della materia in energia. Metabolismo, regno dell’azione,
dell’affermazione della volontà, del potere che nasce da dentro. Qui ci
innalziamo al di sopra della polarità per contemplare un terzo punto
dentro di noi, il vertice del triangolo, la contemplazione, la capacità di
trasformare qualunque evento in energia vitale, in forza e saggezza.
Questo è il vero Potere.

Quarto Chakra: Anahata

Trascendiamo l’ego e ci troviamo al centro del sistema dei chakra, il cui
compito è integrare il basso e l’alto, il dentro e il fuori, lo spirito e
la materia, l’io e il non-io, la mente e il corpo. Luogo dell’unione,
della conciliazione degli opposti, dell’identità più pura e profonda,
regno della pace e dell’armonia, dell’Amore nella sua essenza trascendente
di principio deificante.

Quinto Chakra: Vishudda

Come il primo chakra è connesso alla terra dalle gambe che fungono da
radici, l’energia del quinto scorre dalla gola lungo le spalle, le braccia
e le mani, evocando l’immagine di rami destinati a portare fiori e frutti.
Attraverso la gola scorre il suono, le corde vocali fanno vibrare l’aria,
nella bocca i suoni si articolano, si trasformano in parole, le parole
unificano, informano e trasformano la coscienza. La comunicazione, la
possibilità di entrare in contatto gli uni con gli altri attraverso
un’onda, una vibrazione e di uscirne modificati, è un profondo mistero. Il
mistero dell’Arte, del canto, del suono, della parola, della scultura e
della pittura giacciono racchiusi nel chakra della purificazione, dove la
materia si proclama simbolo e ascende le sacre altezze dello Spirito.

Sesto Chakra: Ajna

E’ il terzo occhio, la facoltà di vedere oltre la forma e l’apparenza
della realtà polare cogliendone l’essenza e l’unità. E’ l’illuminazione,
la caduta dell’illusione, la comprensione immediata del senso.

Settimo Chakra: Sahasrara

E’ l’antenna parabolica puntata verso il cuore dell’universo ad ascoltarne
l’intima voce, a coglierne l’onda cosmica, a decifrare il codice del
messaggio celeste e renderne partecipe l’umanità.

Blog Tempodibenessere

Commenta e racconta su:
www.tempodibenessere.altervista.org





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl