WORKSHOP ERBORISTERIA MAGICA E REFERENDUM

02/giu/2011 00.09.35 Erboristeria Magica Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Uno dei due Workshop di Erboristeria Magica si svolgerà Domenica 12 giugno, in concomitanza con lo svolgimento del referendum.

Data l'importanza degli argomenti trattati , speriamo che tutti i partecipanti ai nostri Workshop non manchino a quest'importante appuntamento -per aiutarvi di seguito troverete una breve scheda sul referendum in cui troverete anche gli orari dei seggi.
Invio copia di questa mail anche agli Amici e ex partecipanti, nella speranza di dare informazioni utili e gradite
 
A questo link troverete tutte le info sul referendum :http://www.forumcivico.it/referendum-12-13-giugno-2011-325.htm

 

 Referendum 12 e 13 Giugno 2011

Le ope­ra­zioni di voto si svolgono:

Do­me­nica 12 giu­gno 2011, dalle 8:00 alle 22:00

e

Lu­nedì 13 giu­gno 2011, dalle 7:00 alle 15:00.

 

PER DIRE NO  a privatizzazione dell'acqua e dei servizi BISOGNA VOTARE SI

PER DIRE NO  alla costruzione di nuove centrali nucleari BISOGNA VOTARE SI

PER DIRE NO  al legittimo impedimento BISOGNA VOTARE SI

 

Il 12 e 13 giu­gno 2011 i cit­ta­dini ita­liani sono chia­mati ad espri­mere il pro­prio voto su 4 que­siti referendari.
  • L’elettore, per vo­tare, deve esi­bire al pre­si­dente del seg­gio la tes­sera elet­to­rale ed un do­cu­mento di riconoscimento.
  • L’elettore ri­ceve da un com­po­nente del seg­gio 4 schede di di­verso colore:
  • Il voto “SI”, trac­ciato sulla scheda, in­dica la vo­lontà di abro­gare la nor­ma­tiva ri­chia­mata dal que­sito referendario.
  • Il voto “NO”, trac­ciato sulla scheda, in­dica la vo­lontà di man­te­nere la vi­gente nor­ma­tiva ri­chia­mata dal que­sito referendario.
  • Dove si vota

    Gli elet­tori de­vono vo­tare nel pro­prio Co­mune di re­si­denza, nella se­zione elet­to­rale in­di­cata sulla prima fac­ciata della tes­sera elettorale.

    Re­fe­ren­dum, in campo la so­cietà ci­vile: Quat­tro sì per cam­biare l’Italia

    È im­por­tante - il 12-13 giu­gno - rag­giun­gere il quo­rum di 25 mi­lioni di vo­tanti ai Re­fe­ren­dum e sce­gliere il SI a tutti i que­siti. È un voto che può porre al­cuni li­miti a un mo­dello di svi­luppo in­so­ste­ni­bile, che ignora i co­sti am­bien­tali, so­ciali e i beni co­muni, e a un po­tere po­li­tico che cal­pe­sta giu­sti­zia e democrazia.

    Un suc­cesso dei SI al Re­fe­ren­dum co­strin­ge­rebbe la po­li­tica - sia del go­verno che dell’opposizione - a fare i conti con la vo­lontà dei cit­ta­dini. L’impegno delle mo­bi­li­ta­zioni so­ciali non si li­mi­te­rebbe a ma­ni­fe­sta­zioni fi­nora ina­scol­tate, ma can­cel­le­rebbe al­cune delle peg­giori leggi in­tro­dotte dal governo.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl