Il Fitness si evolve.

31/ott/2014 18:30:00 Leo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Come tutto anche il Fitness  subisce nel corso del tempo dei cambiamenti, come l’uomo segue il suo bisogno di sfogo dal normale stress quotidiano, tutto ciò che gli serve a migliorare il proprio stato d’animo deve per forza svilupparsi. E se fino a poco tempo fa nelle palestre c’era Zumba a farla da padrona oggi la musica è nuovamente cambiata.

Di fatto la lezione musicale di gruppo, con ritmi sopra ogni genere perché nata da movimenti caraibici della musica afro, alloro volta mixati con la nostra comune aerobica attraeva davvero tutti. Ma principalmente donne, dalle più giovanissime fino ai 50 anni più o meno. Ma spopolava proprio per il suo obiettivo principale, ovvero quello di creare un alto consumo calorico, proprio per gli alti e bassi che si alternano nei movimenti.

Pare poi che la forte musica e proprio il suo stile gioioso abbiamo la caratteristica di far divertire il ballerino, se così si può definire, facendoli dimenticare di conseguenza lo sforzo fisico. Insomma più si andava veloce e più era meglio, con un intenso lavoro cardiovascolare, i partecipanti tornavano a pezzi ma felici.

Basti pensa che nel mondo ci sono circa 15 milioni di praticanti zumba, questo perché negli ultimi anni ha iniziato anche ad attrarre i ballerini di Hip Hop mischiando con essi la conoscenza e la tecnica, hanno entrambe trovato un punto di evoluzione nel fare conoscenza. Oggi però, non è più Zumba ad attrarre persone verso le palestre, il fitness si sta evolvendo nuovamente e va incontro ad nuove esigenze.

Esigenze che oramai non toccano solo i giovani ma anche persone che si avviano verso i 70 anni. Pare infatti che con l’avvento verso la quarta età, il mondo si stia adeguando a fornire, ai nuovi giovani le giuste attività fisiche. Attività che poi sostanzialmente mettono tutti d’accordo. Eppure oggi, con l’avvicinarci del 2015, pare che siano in molti a dire addio a Zumba e Spinning, attività che fanno faticare moltissimo il cuore, uscendo così dalla lista dei preferiti.

Lo studio arriva dall’America ma riguarda tranquillamente tutto il mondo, di fatto ha coinvolti gruppi vari, non solo negli Stati Uniti ma anche in Europa e in Asia. Oggi ad essere fra i favoriti sono allenamenti leggeri, senza la presenza di musiche e pesi snervanti che facciano comunque dimagrire.

E questa descrizione coinvolge più attività di quello che si pensi, una di queste è il Body weight training che comunque è un’attività giovanissima, comparsa solo da 5 anni, più o meno e sul nostro territorio dà ancora meno. Sostanzialmente non si ha bisogno di pesi perché quest’attività riesce a sfruttare negli esercizi il peso del corpo stesso.

Un’altra ancora è la high intesity interval trining, si tratta di rapidi allenamenti da fare in appena 30 minuti, ottimi per la vita frenetica di oggi dove chiunque, anche i bambini delle scuole elementari non hanno più tempo. Resta sempre il fatto che ad attrarre un persona in palestra non deve essere solo l’attività in se per se o il prezzo ma la professionalità di un istruttore qualificato.

 

Di fatto bisogna affidarsi solo a palestre e centri seri, visto e considerato che oggi la crisi porta chiunque ad improvvisare un lavoro pur di portare la pagnotta a casa. 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl